22°

IL DIRETTORE RISPONDE

Il presepe facciamolo con la vita

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
1

Caro direttore,
ho letto con attenzione il suo editoriale pubblicato sulla Gazzetta del 27 novembre, e devo dire che mi trovo in perfetta sintonia con quanto scritto sulla festa del Natale (simboli del presepe e albero compresi). Ma, trovandomi d'accordo anche con l'articolo di Pier Aldo Rovatti, pubblicato sull'Espresso del 13 novembre u.s., «Nel nome di un solo Dio», vorrei aggiungere che il disconoscimento del Natale come festa di origine cristiana, ormai così frequente nella società contemporanea, soprattutto europea, nasce forse non solo da una sbandierata pretesa di supremazia della cultura laica ma anche da un profondo, forse irrimediabile inaridimento dell'uomo d'oggi, da un dilagante monoteismo del pensiero che facilita e accoglie un dilagante analfabetismo etico. Il Dio che si riconosce oggi è il Dio personale che ognuno più o meno consapevolmente si costruisce e riconosce in se stesso, in un impoverimento etico e morale che sta sgretolando, quello sì veramente, la nostra cultura, le nostre radici. Che questo sia il cattivo frutto delle religioni monoteiste è speculazione che lascio a filosofi, sociologi, storici come Rovatti. Quello che purtroppo vedono i miei occhi di anziana, educata ad un «senso della vita» ben diverso, è un relativismo (mai il monito di Papa Benedetto è stato così attuale) che tutto accoglie e contemporaneamente tutto nega, che vuole fare la storia ignorando quella che è stata la nostra storia, che del Natale non vuole nemmeno più pronunciare il nome e lo riconosce solo come grande festa laica del consumismo. Temo il futuro costruito da simili uomini, che scavano buchi nei nostri cuori e non sanno con cosa riempirli, che non hanno il senso del trascendente, che sottraggono senza mai restituire, che distruggono valori e simboli di pace e li sostituiscono con parole vuote. Personalmente non mi è stato dato il dono della fede, ma riconosco nel rivoluzionario messaggio d'amore, portato da quel bambinello appoggiato sulla paglia, un punto di riferimento imprescindibile nel riconoscere, ascoltare, rispettare il mio prossimo, un faro nell'impostazione della mia vita. Quest'anno, come tutti gli altri anni, oltre a qualche festone e luce sparsi per la casa, esporrò il presepe.
Anna Maria Pighini

Gentile signora Anna Maria,
la sua bella lettera mi dà l'occasione di completare - anche nel senso che lei indica, mi par di capire - il ragionamento che ho fatto nell'editoriale di domenica scorsa.
Editoriale in cui dicevo che tutta una cultura laicista occidentale ha finito con il mettere nell'angolo la nostra tradizione cristiana, arrivando a vietare i presepi nelle scuole, a cambiare il nome al Natale e perfino il conteggio degli anni, come hanno fatto in Inghilterra. Ho scritto che ritengo tutto questo un errore, e lo confermo.
Ma ora debbo aggiungeremo una cosa. E cioè. Se abbiamo smarrito il senso del Natale e più in generale le radici cristiane, non è solo per colpa di coloro che hanno cercato di nascondere i simboli e la memoria, ma è anche per colpa nostra, cioè di noi che diciamo di credere in quei fatti e in quei valori. Forse, se fossimo stati più appassionati nel vivere queste nostre radici, sarebbe stato più difficile far sparire anche i simboli. Ignazio Silone diceva che certi cristiani sembra che aspettino Cristo con lo stesso entusiasmo e con la stessa passione con cui si aspetta il tram. Credo ci sia molto di vero, e molta autocritica per tutti noi, sottoscritto in testa.
Detto questo, non mi arrendo alla “Common Era” della Bbc o alle “feste della pace” o “dell'inverno” di certe scuole, e continuerò a dire che il 25 dicembre è Natale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    30 Novembre @ 11.17

    Vivere da cristiani, sempre, dovunque e comunque, è una faccenda irta di difficoltà, ma non solo personali, per tutti gli ostacoli che noi stessi ci opponiamo, bensì anche per i trabocchetti, le trappole ,i bastoni le ruote che ci regala il prossimo. E non quello composto dagli atei, agnostici, indifferenti, quanto, purtroppo, da tanti, troppi fedeli solo in superficie, ma infami calunniatori e maligni tagliatori di panni addosso e di erba sotto i piedi. Io, quando si avvicina il Natale, mi faccio un esamino dil coscienza e cerco, in ogni modo, di riappacificarmi con coloro con cui ho avuto degli screzi. Ma non è sempre facile, molto spesso si trovano asti, rancori e musi duri, che scoraggiano e fanno cadere ogni buona intenzione e volontà di tendere la mano e stringere quella di chi ha avuto con il sottoscritto dei dissapori.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

21commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

Usa

Sparatoria a Baltimora, tre morti

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»