IL DIRETTORE RISPONDE

Il presepe facciamolo con la vita

Michele Brambilla

Michele Brambilla

1

Caro direttore,
ho letto con attenzione il suo editoriale pubblicato sulla Gazzetta del 27 novembre, e devo dire che mi trovo in perfetta sintonia con quanto scritto sulla festa del Natale (simboli del presepe e albero compresi). Ma, trovandomi d'accordo anche con l'articolo di Pier Aldo Rovatti, pubblicato sull'Espresso del 13 novembre u.s., «Nel nome di un solo Dio», vorrei aggiungere che il disconoscimento del Natale come festa di origine cristiana, ormai così frequente nella società contemporanea, soprattutto europea, nasce forse non solo da una sbandierata pretesa di supremazia della cultura laica ma anche da un profondo, forse irrimediabile inaridimento dell'uomo d'oggi, da un dilagante monoteismo del pensiero che facilita e accoglie un dilagante analfabetismo etico. Il Dio che si riconosce oggi è il Dio personale che ognuno più o meno consapevolmente si costruisce e riconosce in se stesso, in un impoverimento etico e morale che sta sgretolando, quello sì veramente, la nostra cultura, le nostre radici. Che questo sia il cattivo frutto delle religioni monoteiste è speculazione che lascio a filosofi, sociologi, storici come Rovatti. Quello che purtroppo vedono i miei occhi di anziana, educata ad un «senso della vita» ben diverso, è un relativismo (mai il monito di Papa Benedetto è stato così attuale) che tutto accoglie e contemporaneamente tutto nega, che vuole fare la storia ignorando quella che è stata la nostra storia, che del Natale non vuole nemmeno più pronunciare il nome e lo riconosce solo come grande festa laica del consumismo. Temo il futuro costruito da simili uomini, che scavano buchi nei nostri cuori e non sanno con cosa riempirli, che non hanno il senso del trascendente, che sottraggono senza mai restituire, che distruggono valori e simboli di pace e li sostituiscono con parole vuote. Personalmente non mi è stato dato il dono della fede, ma riconosco nel rivoluzionario messaggio d'amore, portato da quel bambinello appoggiato sulla paglia, un punto di riferimento imprescindibile nel riconoscere, ascoltare, rispettare il mio prossimo, un faro nell'impostazione della mia vita. Quest'anno, come tutti gli altri anni, oltre a qualche festone e luce sparsi per la casa, esporrò il presepe.
Anna Maria Pighini

Gentile signora Anna Maria,
la sua bella lettera mi dà l'occasione di completare - anche nel senso che lei indica, mi par di capire - il ragionamento che ho fatto nell'editoriale di domenica scorsa.
Editoriale in cui dicevo che tutta una cultura laicista occidentale ha finito con il mettere nell'angolo la nostra tradizione cristiana, arrivando a vietare i presepi nelle scuole, a cambiare il nome al Natale e perfino il conteggio degli anni, come hanno fatto in Inghilterra. Ho scritto che ritengo tutto questo un errore, e lo confermo.
Ma ora debbo aggiungeremo una cosa. E cioè. Se abbiamo smarrito il senso del Natale e più in generale le radici cristiane, non è solo per colpa di coloro che hanno cercato di nascondere i simboli e la memoria, ma è anche per colpa nostra, cioè di noi che diciamo di credere in quei fatti e in quei valori. Forse, se fossimo stati più appassionati nel vivere queste nostre radici, sarebbe stato più difficile far sparire anche i simboli. Ignazio Silone diceva che certi cristiani sembra che aspettino Cristo con lo stesso entusiasmo e con la stessa passione con cui si aspetta il tram. Credo ci sia molto di vero, e molta autocritica per tutti noi, sottoscritto in testa.
Detto questo, non mi arrendo alla “Common Era” della Bbc o alle “feste della pace” o “dell'inverno” di certe scuole, e continuerò a dire che il 25 dicembre è Natale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    30 Novembre @ 11.17

    Vivere da cristiani, sempre, dovunque e comunque, è una faccenda irta di difficoltà, ma non solo personali, per tutti gli ostacoli che noi stessi ci opponiamo, bensì anche per i trabocchetti, le trappole ,i bastoni le ruote che ci regala il prossimo. E non quello composto dagli atei, agnostici, indifferenti, quanto, purtroppo, da tanti, troppi fedeli solo in superficie, ma infami calunniatori e maligni tagliatori di panni addosso e di erba sotto i piedi. Io, quando si avvicina il Natale, mi faccio un esamino dil coscienza e cerco, in ogni modo, di riappacificarmi con coloro con cui ho avuto degli screzi. Ma non è sempre facile, molto spesso si trovano asti, rancori e musi duri, che scoraggiano e fanno cadere ogni buona intenzione e volontà di tendere la mano e stringere quella di chi ha avuto con il sottoscritto dei dissapori.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Crescono le truffe agli anziani

Emergenza

Crescono le truffe agli anziani

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

LEGA PRO

Oggi Sudtirol-Parma

Sala Baganza

Un cinquantesimo nel segno dell'altruismo

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Luminarie

Casa: spesi 125 mila euro

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video