21°

lettere al direttore

Bello FiGo e i luoghi comuni

Lettere al direttore - logo
Ricevi gratis le news
4

Caro direttore,
i soliti noti, che se la prendono pure coi bambini che cantano canzoncine troppo politically correct all’asilo, non si sono lasciati sfuggire l’occasione di manifestare la loro piccineria in merito ad un soggetto non di primissimo piano come questo Bello FiGo, divenuto famoso soprattutto per la canzone sul referendum (dove prende in giro Renzi e le sue mance elettorali) e la comparsata in Tv a Retequattro. E’ un rapper ventiquattrenne di origini ghanesi («sì, è vero - sfotte in un suo pezzo - in Ghana non c’è la guerra, siamo venuti qui per farci una vacanza»), esponente di una versione dell’hi pop chiamata swag che punta all’ostentazione un po’ spaccona di sé. Vive a Parma da quando era piccolo e furoreggia su YouTube (i suoi video ottengono in media un milione di visualizzazioni) con i suoi messaggi provocatori e canzonatori che riproducono stereotipi e luoghi comuni sui migranti e li rovesciano in burla: sì, è vero, noi siamo quelli che voi dite, quelli che non pagano l’affitto, che non vogliono fare l'operaio e sporcarsi le mani (anche perché «le abbiamo già nere»), che vogliono il wi-fi e anche lo stipendio, che dormono in alberghi a 4 stelle, che si riuniscono per andare in stazione a rubare biciclette. Loro, invece, i soliti noti, compresi gli eroici spettatori di programmi spesso inguardabili e inascoltabili (anche perché urlano tutti come ossessi, dando un’idea penosissima della razza italica) come “Dalla parte vostra”, prendono quelle parole per oro colato e giù improperi e indignazione degna di miglior causa. Aveva ragione Einstein: “Due sole cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana, ma sull’infinito ho dei dubbi”».
Ovviamente i giovani che conoscono Bello FiGo se la ridono di questi talvolta interessati esegeti moraleggianti. E soprattutto se la ride lo stesso rapper, per il quale la caciara dei soliti noti (compresa la «vaiassa», al secolo Alessandra Mussolini) è tutta pubblicità («parlate male di me, basta che ne parlate»).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    01 Febbraio @ 00.17

    la rivolta di atlante

    È UN PROBLEMA DI DIGNITÀ PER TUTTI I CERCATORI DI BENESSERE LEGALE E PER BENE CHE SBARCANO IN UNA EUROPA INCAPACE DI UN VERO PIANO D'AZIONE NEL CONTINENTE AFRICANO. SE GLI USA CI AVESSERO LASCIATO ALLA PAZZIA NAZISTA SAREMMO IL CONTINENTE DEL PASSO DELL'OCA.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    11 Dicembre @ 11.09

    La ragione per cui le canzonette del sedicente "Bello FiGo" disturbano gran parte degli italiani , è che danno un' immagine reale dell' indiscriminata invasione parassitaria ( quando va bene ) che stiamo patendo da anni , e che , ormai , ha superato ogni limite di sopportazione. Le canzoncine del sedicente "Bello FiGo" aggiungono al danno anche la beffa .

    Rispondi

  • ANONIMUS

    10 Dicembre @ 21.28

    Speriamo che ne canti una anche quando si andrà a votare per le politiche.. visto che ha portato bene!!

    Rispondi

  • don camillo

    10 Dicembre @ 20.03

    Bello FiGo for president !

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

1commento

PARMA

Scontro auto-scooter a Mariano: un ferito

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

LUTTO

In duomo a Fidenza l'ultimo saluto a Luca Moroni

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 10

FRAZIONE

«Carignano, auto troppo veloci e pochi controlli»

Lesignano

Festa per i 18 anni dei due migranti

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Sparatorie con tre vittime in Maryland e Delaware: arrestato un 37enne

Massa

Lite per un parcheggio: gli spara e lo ferisce al volto

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»