Lettera al direttore

L'arredo del centro storico

Lettere al direttore - logo
Ricevi gratis le news
0

Gentile direttore,
la bellezza di una città si esprime anche nelle piccole cose e nelle attenzioni dedicate ai particolari; cittadini e turisti assaporano l'armonia e l'eleganza di una città, in particolar modo del suo centro storico, in maniera naturale, spesso inconsapevolmente e senza soffermarsi troppo ad analizzare forme, proporzioni e materiali che, derivando da tradizioni talvolta secolari, risultano loro familiari. Quando qualcosa di «sbagliato» viene inserito in questo equilibrato contesto immediatamente stona... e così, ahimè, in quel di Parma irrimediabilmente stonano, fra tante altre cose, anche questi piccoli, ma a mio avviso stupidamente importanti (e rimediabili), dettagli: i cestini pubblici «multicolor» piombati dal cielo negli angoli più belli del centro, i disabitati «gabbiotti» in vetro della Municipale e le avveniristiche panchine su cui ci riposiamo in piazza Garibaldi. I cestini pubblici «multicolor» per la raccolta differenziata pagano un impietoso confronto con i classici cestini di Parma, «...quelli rossi!», al punto che posizionati al loro fianco in luoghi storici (vedi, primo fra tutti, piazza Duomo) ne escono irrimediabilmente malconci; non metto in discussione l'apporto alla raccolta differenziata che i cestini del centro storico possono apportare (quasi nullo?), capendo bene che la loro funzione è più quella di mandare un giusto messaggio, una linea di comportamento, un principio a cui attenersi, metto invece in discussione le forme, i materiali e i colori utilizzati per questi cestini: modello standard per tutta la città e, forse, per tutte le città. Modificare i classici cestini rossi di Parma inserendo piccole, delicate, didascalie/istruzioni non sarebbe stato sufficiente? Pensare, come hanno fatto altri, ad un apposito modello di cestino da utilizzarsi nel centro storico, che riprendesse nelle forme e nei colori quelli storici e si inserisse nel contesto con impatti meno vigorosi non era possibile? La richiesta è questa: almeno in centro storico, per favore, ridateci i nostri bei cestini rossi con la scritta «Città di Parma» color oro. I disabitati «gabbiotti» in vetro della Municipale, installati in passato in scia ad una frenesia di sicurezza pubblica, a simbolo di perenne presidio della legalità, giacciono inutilizzati ed abbandonati in alcune splendide aree del centro storico, spesso «impallando» la vista di chiese e monumenti (vedi, ad esempio, il «gabbiotto» installato in via D'Azeglio di fianco alla chiesa dell'Annunziata), utili ormai solo come bacheche su cui attaccare volantini pubblicitari e foto di gatti smarriti: perché non vengono smantellati? Le avveniristiche panchine di piazza Garibaldi, «modello aeroporto», anche belle, ma realizzate in forme e materiali più adatti a un centro commerciale o a una stazione che non al cuore storico della città, si affiancano agli altri mille modelli spuntati negli ultimi anni; panchine che innegabilmente stonano con il luogo in cui sono state inserite, ma che, nei fatti, sono molto usate da cittadini e turisti per riposarsi e chiacchierare un poco guardando il Palazzo del Governatore e la statua di Garibaldi, panchine talvolta in mezzo ai piedi (quando c'è necessità di organizzare concerti e mercatini), panchine in ogni caso utili ma che, diciamocelo con chiarezza: non sono assolutamente adatte al contesto in cui sono state inserite: per favore, cambiatele. Il centro storico di Parma è regolato da una serie di (giuste) norme e prescrizioni che disciplinano l'utilizzo di materiali, forme, colori... perché queste regole non valgono per i piccoli interventi pubblici? Un cestino, un «gabbiotto» o una panchina valgono meno di una vetrina, del materiale di un infisso, del colore di un intonaco? Mi chiedo come la Soprintendenza abbia potuto concedere (lo ha concesso?) il nulla osta all'installazione di tali oggetti e, pur capendo che si sta parlando di cose di poco conto e di dettagli, non posso fare a meno di evidenziare l'importanza che questi dettagli hanno nel dimostrare, ai cittadini e ai tanti turisti che visitano Parma, la cura che una città dovrebbe avere per sé stessa, per presentarsi come una città bella, armoniosa ed equilibrata, non come una città trasandata.
Devis Sbarzaglia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat