-3°

IL DIRETTORE RISPONDE

Ma cosa insegnano ai ragazzi?

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
2

Buongiorno direttore,
scrivo questa lettera «di getto» dopo avere letto del provvedimento che la società Coop Volley avrebbe intrapreso nei confronti di tre ragazzine che hanno avuto «la colpa» di partecipare ad una festa di fine anno organizzata dalla società Energy. Le mie due figlie hanno svolto attività di pallavolo per alcuni anni alla Coop e posso dire, senza dilungarmi troppo nelle specifiche vicende di cui siamo stati, ahimè protagonisti, che questa società non sa nemmeno cosa significhi trasmettere i valori sportivi ed educativi ma abbia come unico obiettivo vincere in «barba» ad ogni stimolo soprattutto per le giocatrici meno dotate o per chi non ha i genitori che ossequiano i vertici della società. La mia figlia maggiore è stata cacciata in malo modo e senza spiegazioni effettive dalla società solo per alcune voci di cortile; noi non abbiamo sollevato nessun polverone e sono passati ormai 8 anni e per fortuna nostra figlia, malgrado i giudizi sommari e superficiali dei vertici Coop, è diventata una donna responsabile e matura con famiglia.
Non posso quindi che esprimere tutta la mia solidarietà alle famiglie coinvolte in questa vicenda e soprattutto alle ragazzine che a questa età devono imparare il senso dell'amicizia e della condivisione. Lo sport dovrebbe essere di aiuto e di crescita, gli errori si fanno ed è giusto segnalarli ma ricordiamoci di non diventare carnefici o di non strumentalizzare un comportamento innocente per dissidi tra squadre. Il vero sport non umilia ma insegna la correttezza nella vita.


Gentile signora Anna,
non entro ovviamente nel merito della vicenda che lei racconta: c’è solo la sua versione e debbo concedere alla Coop, se vorrà, il diritto di replica.
La sua lettera mi offre tuttavia lo spunto per una considerazione generale sull’incredibile storia del “processo” (davanti a un “Tribunale federale”!) alle tre ragazzine “colpevoli” di aver partecipato, a stagione finita, alla festa di un’altra società: per il solo piacere, suppongo, di stare in compagnia di alcune amiche.
Il fatto di aver denunciato le tre ragazze mi pareva già assurdo in sé; ora leggo che il presidente della Coop non intende neppure incontrare, davanti all’assessore allo sport Marani, il presidente dell’altra società, la Energy.
Ora, a me pare – e non parlo solo di questa vicenda: parlo in generale – che nel mondo dello sport giovanile si stia un po’ perdendo la testa. E che non siano i ragazzini a perderla, ma gli adulti. Episodi di tensione ce ne sono a bizzeffe, in tutti gli sport. E allora vien da porsi una domanda molto semplice: ma certi dirigenti sportivi, che cosa insegnano ai ragazzi?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fausto

    02 Ottobre @ 22.14

    A proposito del titolo: 'Un codice etico per le società', speriamo che anche i dirigenti delle società adottino il codice etico, anche se penso che per una associazione sportiva in ambito cooperativo, l'etica dovrebbe essere un valore scontato e assoluto. I genitori delle ragazze e dei ragazzi che giocano in queste squadre se l'aspettano. Di sicuro, dopo che i genitori (ad esempio io e mia moglie) hanno anche pagato rette profumate per far 'giocare' i loro figli​,​ non si aspettano di finire nei guai per beghe meschine tra dirigenti puntigliosi delle società. Speriamo che questi dirigenti si vergognino, almeno un pò, per essere venuti meno non solo all'etica ma anche allo spirito sportivo,​ che invece avrebbero dovuto trasmettere ai ragazzi. Speriamo altresì che i ragazzi siano più maturi dei loro dirigenti e sappiano trarre da questi vergognosi comportamenti l'insegnamento a non comportarsi così quando saranno loro dei dirigenti sportivi (o anche semplicemente quando saranno Donne e Uomini comuni...)​ P.S. in una realtà in cui chirurghi e medici luminari possono lavorare alle dipendenze dell'ospedale e in contemporanea (naturalmente non nello stesso istante) in laboratori di analisi (concorrenti delle strutture sanitarie pubbliche) o peggio ancora a titolo privato sfruttando le sofisticate attrezzature degli ospedali di cui sono dipendenti, se tre ragazzine per le quali i genitori hanno pagato per farle 'giocare' si ritrovano, insieme ai loro genitori 'processate' per avere partecipato ad una festa organizzata da una squadra diversa da quella che le ha tesserate... mi spiegate per cortesia di cosa stiamo parlando e se non è legittimo pensare che chi ha portato avanti questa iniziativa dovrebbe vergognarsi almeno un pò e che sarebbe meglio che ammettesse di essere stato erroneamente accecato da un momento di ira e chiedesse scusa a queste ragazze, ai loro genitori e allo sport in generale?

    Rispondi

  • Enzo

    02 Ottobre @ 11.12

    Ah ma il male della società non era il calcio? Quando era uscita quella roba ignobile della Juventus club la risposta dei media era stata che la colpa è del calcio (quindi scagionando la povera Juventus) e che bisognava dedicarsi a sport più sani come per esempio la pallavolo........

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La festa di Natale del Bar Gianni

DADAUMPA

La festa di Natale del Bar Gianni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

4commenti

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

tg parma

Via Spezia: rapina con coltello al centro scommesse

Un bottino di circa 1.500 euro

PARMENSE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: arrivano 55 milioni di euro

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

AGROINDUSTRIA

Accordo "salva granai" tra 100 pastifici, 85 molini e oltre 1 milione di imprese agricole

Resta fuori in polemica Coldiretti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

genova

Aggredisce una donna per rapinarla, "arrestato" dai boyscout

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Voci di dimissioni per Gattuso, il Milan smentisce

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento