IL DIRETTORE RISPONDE

La Tep, le multe e i verificatori

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
10

Egregio direttore,
mi rendo conto che ormai le lettere su Tep e i suoi verificatori non si contano più. Nel mio caso lamento la scarsa attenzione da parte dell'azienda verso gli utilizzatori del biglietto elettronico, nonché la solita fretta sanzionatoria da parte dei verificatori esterni a Tep. Premetto che sono un utente Tep decisamente saltuario e che, per comodità, visto la difficoltà di reperimento dei biglietti extraurbani a zone presso i rivenditori abituali, mi avvalgo del sistema estremamente comodo di bigliettazione elettronico da poco lanciato dall'azienda. Pochi giorni fa, salito sulla linea 3 a barriera Repubblica, mi accorgo che non era presente il QR code per la validazione del biglietto smart ticket. Pertanto, richiesto al conduttore se poteva convalidarlo lui o come dovevo procedere, questi mi rispondeva in maniera piuttosto seccata, che non sapeva cosa farci. Tra piazza Garibaldi e via Mazzini salivano sul bus i verificatori, ai quali, prima ancora che mi chiedessero il biglietto, esponevo il problema, pregandoli di chiedere eventualmente conferma all'autista e specificando che dovevo scendere alla fermata successiva per prendere il 12 per Traversetolo. Ho immediatamente mostrato loro il biglietto 3 zone elettronico, facendo notare l'ora di acquisto risalente a pochi minuti prima, ciò perché apparisse evidente la mia assoluta buona fede. Il verificatore, verificata l'assenza del QR code sul bus, mi dice che la risposta dell'autista è ininfluente e che deve sanzionarmi per la mancanza di biglietto, sostenendo che avrei dovuto acquistarne un altro urbano dal conduttore a prezzo maggiorato. Ovviamente mi oppongo con molta decisione alla sanzione, facendo notare che l'autista comunque non ha biglietti 3 zone e che pertanto non è corretto che io debba utilizzare 2 biglietti per una corsa con cambio di mezzo. La verificatrice, alquanto scortese e aggressiva, visto il mio deciso rifiuto e probabilmente non troppo sicura di quanto sosteneva, mi dice che chiedeva conferma telefonicamente in sede della casistica, cosa che prontamente fa, prendendo il telefono e chiamando non si sa bene chi. Alla persona che risponde al telefono (sempre ammesso che all'altro capo del filo ci fosse qualcuno), pone una domanda che predispone già l'interlocutore ad una risposta preconfezionata: «E' vero che devo comminare sanzione se manca sul bus il QR code?». Ovviamente mi viene riportato che la controparte ha confermato appieno la sua tesi, e che pertanto deve farmi contravvenzione. Nel frattempo il bus supera il Ponte di Mezzo ed io ho necessità di scendere per la coincidenza con la linea 12 per Traversetolo. Faccio notare alla verificatrice, ormai spazientito, che io non ritenevo di pagare alcunché, e che ero nella necessità di scendere dal bus per il cambio di mezzo. Nel frattempo il bus si ferma e la porta resta chiusa, ma un folto gruppo di studenti impone alla verificatrice di fare aprire le porte. La verificatrice, capito che sarebbe stata in serie difficoltà a trattenermi sul bus, visto anche la ressa dell'ora di punta, mi autorizza a scendere, «solo per questa volta». Mi piacerebbe che ci fosse una maggiore attenzione da parte di Tep verso gli utenti e un minimo di elasticità in più da parte dei verificatori. Purtroppo rimango assolutamente convinto che, a prescindere da quanto dichiarato ufficialmente da Tep, i verificatori esterni abbiano dei premi economici per ogni multa somministrata, indipendentemente dal fatto che i costi per Tep rimangano inalterati.
Giuseppe Manzoli

Caro signor Manzoli,
è vero: le lamentele per le multe sui mezzi della Tep non si contano più. Di primo acchito, verrebbe da pensare che le multe non si pagano mai volentieri, e quindi che si tratta di proteste in gran parte ingiustificate. Può darsi che sia così. Però, ripeto, le proteste sono sempre più numerose, e non riguardano tanto la multa per il biglietto pagato, ma i modi dei cosiddetti «verificatori», e la presunta pretestuosità delle loro contestazioni. Non so. Può darsi che siamo una città con molti furbetti. O può darsi che la sindrome della divisa, che fa sentire particolarmente potente chi la indossa, abbia un suo ruolo in tutti questi episodi. Di sicuro, credo che la questione vada approfondita, e non sbrigativamente liquidata. Qualche problemino, forse, c’è.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    06 Ottobre @ 18.38

    Intanto, gli stessi controllori di holacheck a Reggio hanno multato un ragazzino down che pur avendo il biglietto, aveva sforato zona di un paio di fermate. A differenza di Parma, sindaco, assessore ai trasporti e presidente di Seta (l'omologa di Tep) si sono personalmente e pubblicamente scusati con la famiglia. Tanto per dire: questi sono gli stessi verificatori che a Parma vengono difesi dai giustizialisti talebani, e da dirigenti e politici di riferimento.

    Rispondi

  • Filippo

    05 Ottobre @ 13.12

    I giustizialisti giacobini faticano a capire il problema, che non sono le multe che giustamente colpiscono chi è sprovvisto di biglietto. Il problema sembra essere che tanti di quelli che potrebbero non averlo non vengono neanche affrontati, che i modi usati spesso travalicano l'educazione e che il buon senso non viene mai applicato nei casi dove il cliente potrebbe non avere torto.

    Rispondi

  • Antonella

    05 Ottobre @ 08.35

    Per me i controlli vanno fatti e spesso . I sollecito da tempo controlli per molti extracomunitari che entrano dalla porta centrale e non sanno neanche che cosa sia la obliteratrice . Fanno disordine ed urlano al cellulare e se chiedono loro il biglietto si scaldano e ti aggrediscono. Ben vengano controllori seri e determinati che non si facciano abbindolare da buonismo e pietà. BRAVI !!!

    Rispondi

  • ANNALISA TORTINI

    05 Ottobre @ 08.31

    Qualche "problemino"??!! Mezzi pubblici infrequentabili, dai paesi i tagazzi partono stipati cone sardine Delicius alle 7 del mattino per arrivare spesso in ritardo (Colorno, non Varsi), i soliti furbetti sono le orde barbariche di persone che evidentemente NON hanno biglietto ma che per ragioni di timore i controllori neppure guardano. È facile fare la multa alle persone "normali", vorrei vedere quanto le multe incidono a bilancio. Disservizio costoso e fastidioso.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    04 Ottobre @ 19.21

    Possono esistere casi limite di dubbia interpretazione , ma , in linea di massima , salire su un mezzo pubblico a Parma , è diventato come salire su un barcone a Lampedusa. E i furbastri sorpresi con le mani nella marmellata protestano pure ! Noi che il biglietto lo paghiamo da sempre , siamo stufi di pagarlo anche per gli alti !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Festa al Dragoon pub di Salso

pgn

Festa al Dragoon pub di Salso Foto

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

1commento

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche  Foto

social

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trattoria "Al Voltone"

CHICHIBIO

Trattoria "Al Voltone", la generosa tradizione della Bassa

di Chichibio

Lealtrenotizie

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

1commento

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

1commento

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

BORGOTARO

Laminam, nuove denunce e nuove smentite

Via Mameli

Tenta di rubare una bici: «placcato» dal barista

viabilità

Domenica con gelo e neve: possibili difficoltà in autostrada, anche in zona Parma

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

INAUGURAZIONE

Socogas inaugura due distributori sulla Brebemi

Intervista

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

CALCIO

Dilettanti e Giovanili, attività sospesa nel weekend

CARABINIERI

Spaccio di cocaina e hashish fra Parma e Borgotaro: coinvolti 6 magrebini Video

Tre magrebini sono stati arrestati, altri tre sono ricercati nell'ambito dell'operazione "Pokemon Go" dei carabinieri

TARDINI

Il Parma non batte il Venezia: finisce 1-1

Due grandi occasioni gialloblù nel primo tempo. Poi lagunari in vantaggio con Pinato raggiunti su rigore da Calaiò, appena entrato. Lo Spezia piega la Salernitana e ci supera

1commento

social

Derapate (follie?) con il quad in piazza Garibaldi Video

2commenti

PARMA

Neve in città: in azione i mezzi del Comune. Previsto un abbassamento delle temperature

E' attivo un numero verde del Comune di Parma per segnalazioni e informazioni. Scuole chiuse a Lesignano e Neviano

11commenti

Gazzareporter

Risveglio con la neve a Parma Invia le tue foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Stragi in Usa: se la proposta è armare gli insegnanti

di Paolo Ferrandi

4commenti

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

enti locali

Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna firmano il patto per l'Autonomia

Caserta

Violenza sessuale durante l'esorcismo: arrestato un sacerdote

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

Parma-Venezia

Scozzarella: "Meritavamo qualcosa di più, ma ripartiamo da questa prestazione" Video

SOCIETA'

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day