11°

IL DIRETTORE RISPONDE

E se ci dessimo tutti una calmata?

E se ci dessimo tutti una calmata?

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
4

Egregio direttore,
le scrivo per raccontare un fatto molto triste che è successo a mia figlia nel mondo dello sport. Sono la mamma di una ragazzina di 14 anni che gioca o meglio, giocava da 5 anni in una grande società sportiva di Parma. Premetto che mia figlia non è una «campionessa» lei giocava per svagarsi dallo studio e per stare in compagnia di un bellissimo gruppo di ragazze che si era formato negli anni. Quest’anno le ragazze erano in circa 19, e da subito l’allenatrice ha cominciato a dire che si sarebbero formate due squadre, dichiarando che non avrebbe mai fatto una squadra di serie A e una di serie B, e fino a qui capisco, le ragazze sono tante ed è giusto dividerle in due squadre. Arrivando un giorno ad annunciare le squadre: una di 15 ragazze e le 4 rimaste fuori si sarebbero allenate e forse avrebbero giocato con le ragazzine di 12 anni, così dividendo anche il gruppo di amiche, certo che non le hanno detto voi non giocate, voi siete scartate, ma andate con le più piccole così avrete una speranza di fare una partita! (Forse era meglio essere scartare con una lettera).
Mia figlia si è sentita umiliata e l' ha fatta sentire la «balorda» del gruppo. Io non pretendevo che mia figlia giocasse sempre e a tutte le partite, anche perché, vedo i suoi limiti, ma mi chiedo perché umiliare e farle sentire così? Lei lo faceva per svagarsi e per stare con le sue amiche, e per come la vedo io questo sport è stare bene, fare movimento, e fare gruppo, ma è possibile che questi allenatori/educatori non riescono a capire che facendo così allontanano i ragazzi dallo sport, che è fondamentale! E premetto un’altra cosa, se la società quest’anno ha deciso di selezionare una squadra (e quindi eliminare le ragazze meno brave) perché non comunicarlo anche ai genitori, che sono i tutori di questi ragazzi, senza dover umiliare così le ragazze! (Abbiate almeno la sensibilità di prenderle da parte e dirglielo senza il pubblico).
Mi spiace molto ma ho così aperto gli occhi anche sulla pallavolo a Parma. Mia figlia ha già detto che non farà più pallavolo né in questa società né in un’altra società. Posso solo dire grazie che tenete i ragazzi legati allo sport.
Micaela Bagatti

Gentile signora Micaela,
la sua lettera è ahimè così tanto simile a molte altre. Genitori che si lamentano per il comportamento di dirigenti e allenatori di società sportive che dovrebbero far giocare (e sottolineo giocare) bambini o adolescenti, e che invece si comportano come fossero in Champions League. Ricerca ossessiva del risultato, selezioni spietate, modi sgradevoli per estromettere dalla società i piccoli atleti.
E’ indubbio che queste cose si ripetano sempre più spesso. Tuttavia, non vorrei che questi episodi finissero per screditare l’intero mondo dello sport giovanile, composto per la maggioranza da persone che dedicano il loro tempo (gratis) per far praticare uno sport a bambini e ragazzini. Queste persone andrebbero ringraziate più spesso.
E poi, oltre che fra i dirigenti e gli allenatori, ci sono anche molti genitori che sbagliano. Non parlo ovviamente del suo caso, signora. Però chiunque ha esperienza di calcio, o volley o altri sport giovanili, ha visto scene imbarazzanti ai bordi del campo. Genitori che insultano l’arbitro, che insultano l’allenatore, che insultano gli avversari, che si insultano fra di loro. Così come certi dirigenti e allenatori sfogano le proprie frustrazioni giocando a fare il Galliani o il Mourinho, anche certi (sempre più numerosi) genitori sfogano le proprie pretendendo che il figlio sia trattato come un Cristiano Ronaldo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    09 Ottobre @ 09.06

    mandra_sala@libero.it

    Lo sport è un business. A 12 anni si firmano già contratti di proprietà che durano 9 anni a favore delle società sportive. L'alternativa sono le squadre che non fanno i campionati ma solo amichevoli. Quindi si può scegliere... tra chi gioca seriamente e chi gioca per svago. Sono due cose diverse.

    Rispondi

  • Lucio G.

    08 Ottobre @ 15.51

    Sono d'accordo con la mamma. Solleviamo ad alta voce la protesta contro quelle società che hanno comportamenti malsani con ragazzi in fase di crescita e che approcciano allo sport non per fare agonismo , ma principalmente per crescere e stare coi coetanei. I ragazzi sono delicati e meritano adulti in grado di rappresentare una guida, un esempio. Diversamente non sono adeguati a rivestire nessun ruolo, in primis come genitori, insegnanti, allenatori. Possono essere le persone più erudite, i migliori sportivi, ma pessimi educatori. Di questi hanno bisogno i ragazzi!

    Rispondi

  • Bastet

    08 Ottobre @ 13.41

    Pare che le discipline marziali siano le più sane (mai avuto dubbi !!!)...un Sensei non penserebbe nemmeno lontanamente di scartare qualcuno!!!Il dojo è aperto a tutti così come il tatami!

    Rispondi

    • Filippo

      08 Ottobre @ 17.42

      Lo sport di squadra ha dinamiche diverse da quello singolo, dove l'eventuale inadeguatezza condiziona solo il tuo risultato e non anche quello di tutti i tuoi compagni. Per questo, a partire dai 10/12 anni s'innescano meccanismi competitivi che portano alla selezione dei migliori. Pretendere che non succeda, non solo denota incomprensione dello sport come agonismo, ma fa perdere anche l'occasione per insegnare ai ragazzi a sopportare le delusioni, ad impegnarsi maggiormente per riuscire, a tifare per i compagni anche quando non si è protagonisti, al fatto che non sempre c'è giustizia: alla vita, insomma.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

SERIE A

Crolla la Juve, l'Inter batte l'Atalanta ed è seconda

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto