IL DIRETTORE RISPONDE

Il meglio degli italiani

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
3

Signor direttore,
abbiamo una esigenza fondamentale: ritrovare il senso della cultura italiana nei suoi aspetti più vari, proprio in un momento storico e sociale in cui sembra che tutto sia proiettato verso l'oblio del nostro passato e della nostra arte. Le tradizioni popolari, per esempio, sono un dato essenziale della nostra cultura nazionale. E la Memoria? In una società che troppo spesso dimentica, bisogna fermarci e riflettere.
Responsabilità: ecco cosa serve, oggi. Ne serve tanta, perché perdersi è un attimo. O forse vale la pena impegnarsi solo quel tanto che basta per non morire d'inedia in un mondo che corre troppo? Il nostro patrimonio è immenso e va difeso con coraggio e l'esempio ci arriva proprio dalla terra più disgraziata: Amatrice e Norcia, splendidi esempi di fine cultura e arte. La gente del territorio sta combattendo anche per rivedere in piedi gli edifici di culto, pezzi essenziali della nostra arte migliore. Sta combattendo con forza affinché, nonostante il terremoto, un immenso patrimonio non vada perduto. Questa si chiama dignità e responsabilità. I posteri ricorderanno questo evento sismico come qualcosa di straziante della storia d'Italia.
Dovranno però anche ricordare la dignità di questa gente che si sta battendo in ogni modo per difendere ciò che le appartiene, e che appartiene all'Italia tutta. Grande rispetto di fronte a questa gente coraggiosa che piange ciò che ha perduto ma che difende con fierezza ciò che è rimasto. E' straordinario vedere questa grande forza comunitaria e identitaria, questo forte attaccamento alle radici in una terra tanto difficile. Le Istituzioni guardino a questo popolo con ammirazione. Uomini e donne che non hanno più niente, eppure continuano a lottare, e non se ne vogliono andare. Riflettano tutti. Rifletta soprattutto il governo: con il referendum Renzi può anche abbindolare e scherzare ma non con la dignità di questa gente e per il rispetto che che si deve portare a 300 vittime.
Mario Bertoli
Parma, 14 novembre

Caro Bertoli,

a parte la frase finale su Renzi e il referendum, che non capisco che cosa c’entrino, pubblico volentieri la sua lettera perché riassume due delle grandi forze italiane: il patrimonio artistico e culturale, che non ha eguali al mondo, e la nostra capacità di reagire alle disgrazie, pure questa unica, direi. Aggiungo una sola cosa: noi italiani abbiamo tanti difetti, ma siamo nati e cresciuti su un principio molto semplice, e cioè che ogni uomo vale per quello che è. Cioè vale per il semplice fatto di essere un nostro fratello. Per questo, in disgrazie come un terremoto sappiamo tirare fuori il meglio di noi stessi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    19 Novembre @ 16.30

    Anch'io, Direttore, non capisco il senso delle due ultime righe, ma le giustifico con il fatto che il signor Bertoli è notoriamente di destra, per cui si trova sull'altra riva, rispetto a Renzi. Per quanto riguarda il nostro patrimonio artistico, del tutto trascurato, Le posso citare un ultimo esempio. Ero in ferie a Magliano Toscano; a pochi km., sono andato a visitare i resti del Monastero di San Bruzio, ormai poca cosa, ma di una bellezza imponente e solenne e di grande sacralità emotiva, immersi in una campagna deserta e silente..Risalgono alla fine del XII secolo; ebbene, tutti gli interni dell'abside erano occupati da balle di fieno, messe lì a seccare dal contadino , proprietario del campo circostante. Io sono rimasto basito; ho subito scritto al sindaco ed all'assessore alla cultura di Magliano, denunciando la faccenda. Natural,mente, dall'alto dei loro scranni, non mi hanno mai risposto.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      19 Novembre @ 19.27

      Se ci sono dentro le balle di fieno significa , ovviamente , che la Chiesa è sconsacrata. Nelle stesse condizioni era la Certosa di Paradigna negli anni cinquanta e sessanta. Piena di balle di fieno , carri agricoli , aratri , trattori , prima di essere restaurata. in Borgo delle Colonne c' era una Chiesa adibita ad officina meccanica . Credo ci sia ancora , anche se mi pare non sia più officina. E che dire della Chiesa dei Templari , a Parma in via Bixio , dove c' erano anche le tombe dei Duchi , adibita per anni a sede dell' Assistenza Pubblica ? E la Chiesa di San Quirino in via Romagnosi , per anni spaccio dei Dipendenti Comunali ? E San Luca degli Eremitani , adibita a Distretto e magazzino militare ( tuttora in rovina ) ? E San Francesco del Prato , trasformato in galera ? Non c' è bisogno che andiamo a San Bruzio per scandalizzarci .

      Rispondi

      • Biffo

        20 Novembre @ 00.04

        Scusa, averci, ma pur di contestare e di fare il bastian contrario,non ti accorgi che, spesso, scrivi delle risposte che lasciano basiti? Ho!portato solo un ultimo esempio personale, tra tanti. Quelli da te citati a quale scopo vorrebbero arrivare, che va tutto bene così e che le chiese sconsacrate possono divenire allora dei cessi pubblici? Il valore artistico forse non rimane tale?

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene record, perché e come è succeso

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è succeso

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perchè Parma non capì il suo talento?

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS