-1°

IL DIRETTORE RISPONDE

Dino Buzzati e il senso della vita

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
0

Signor direttore,
non ricordo a quale età abbia letto «Il deserto dei Tartari».
Sicuramente lo lessi diligentemente annotando i nomi di tutti i personaggi di questo che forse è il capolavoro di Buzzati.
Al D’Azeglio vado a rivederne la trasposizione cinematografica girata nel 1976 da Valerio Zurlini con attori come Gassman, Trintignant, Gemma e Perrin nel ruolo del protagonista.
Da critico cinematografico quale non sono né potrei mai essere dico che il film splendidamente racconta il romanzo, un romanzo dalla trama quasi inesistente.
Nella vita di Giovanni Drogo, dalla nomina a sottotenente inviato alla remota fortezza Bastiani posta ai confini di un immaginario impero fino all’agonia della morte, nulla accade.
Il nemico mai si materializza all’orizzonte dello sconfinato deserto per cui deserta rimane la vita di Drogo e compagni: se non esistono i Tartari con cui combattere perché siamo qui? A che vale la nostra vita?
Ciò che essi vedono sono solo illusioni con le quali cullare il sogno (o la pazzia) che finalmente arriverà il bel giorno della battaglia, senso di una esistenza altrimenti destinata a scivolare nel nulla. Una vita di logorante attesa del niente, popolata da fantasie, illusioni, sogni.
Da ultimo però qualcosa veramente accade: è l’arrivo di un nemico ben più terribile dei Tartari, la morte.
Ecco la vera battaglia della vita, una battaglia della quale Drogo non potrà essere defraudato (infatti, molto gravemente malato, deve abbandonare la fortezza quando il nemico tanto atteso e sperato sembra davvero concretarsi) e che egli, da vero militare, affronta «assolutamente tranquillo», entrando nel buio della morte con un sorriso, unico nota di speranza cancellata dal regista che ha voluto restituirci una visione della vita disperata più di quanto non appaia nel finale del libro.
Paolo Galloni

Caro Galloni, io invece ricordo benissimo a quale età ho letto «Il deserto dei Tartari». Avevo 25 anni, tanti quanti ne aveva il sottotenente Drogo il quale, accorgendosi - al compimento del venticinquesimo anno - di essere più vicino ai trenta che ai venti, comprese che la propria giovinezza era finita e avvertì, in una notte tormentata, l'angoscia del tempo che passa. La stessa cosa accadde a me.
Pochi mesi dopo entrai al Corriere della Sera. Come lei ben sa, la Fortezza Bastiani non è altro che il Corriere, dove tutti attendono il proprio giorno di gloria. E il Corriere, a sua volta, è simbolo dell'esistenza di tutti noi, trascorsa in attesa di un senso, affinché la morte non ci inghiotta senza che noi possiamo almeno lasciare un segno del nostro passaggio sulla Terra.
Ma qual è poi il senso della vita? L'estate scorsa, in una chiesa di Rimini, ho letto una frase di Sandra, una ragazza morta a 22 anni in incidente stradale. Poco prima di morire aveva scritto sul suo diario: «La vita senza Dio è solo un passatempo noioso, o divertente, in attesa della morte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5