20°

Automobilisti indisciplinati

Autodetector, altri pignoramenti

E colpirà anche i debiti sopra i 1.000 euro

Autodetector

Autodetector

20

L’Autodetector continua inesorabilmente a colpire. Nelle ultime due settimane, infatti, numerosi sono gli automobilisti pizzicati in circolazione dallo strumento che si sono visti pignorare il veicolo. Il primo è il conducente di una BMW 320 che circolava con l’auto scoperta da assicurazione da ottobre 2013 e senza aver effettuato la revisione prevista dalla legge. I fermi fiscali iscritti erano 6 per un totale di oltre 5.000 € di debiti con il Comune. Il veicolo è stato pignorato. 

Poi è toccato ad una Nissan Almera in P.le Fiume, anch’essa priva di assicurazione e con 4 fermi per un totale di 3.200 € di debiti.

Alla fine della scorsa settimana è stato colto in fallo un professionista parmigiano il cui veicolo, una Chevrolet Spark era gravato da debiti per 3.500 €. L’uomo, pur di evitare il pignoramento del mezzo, ha pagato immediatamente nelle mani dell’ufficiale di riscossione tutta la cifra ad estinzione del dovuto.
Stessa sorte è capitata al conducente e proprietario ecuadoregno di una Jeep Grand Cherokee che, dopo aver accumulato e non pagato 66 violazioni al codice della strada, aveva accumulato un debito di 6.500 €: il conducente sta trattando un accordo con Parma Gestione Entrate per la rateizzazione del pagamento.
Altre 3 auto sono state pignorate per un debito complessivo accumulato di 9.000 €.
Inoltre sono stati identificati i conducenti abituali di 2 veicoli stranieri che complessivamente avevano accumulato debiti con il Comune per 8.000 € di multe non pagate. L’avvenuta identificazione dei conducenti permetterà di addebitare loro l’intera cifra, in solido con i proprietari.
Altre 6 vetture sono state identificate dallo strumento in dotazione alla polizia municipale, ma non sono state pignorate a causa delle pessime condizioni in cui si trovavano: gli agenti sono comunque intervenuti attivando le pratiche per la rottamazione e togliendo così veicoli in sosta su suolo pubblico, privi di assicurazione e forieri di allarme sociale.

Autodetector in cifre: primo bilancio dopo un mese e mezzo di attività

Complessivamente dal 5 febbraio scorso, data di inizio dell’attività, con l’ Autodetector sono stati pignorati 15 autoveicoli che avevano accumulato debiti con il Comune per un totale di 215.300 €. Di questi 15 veicoli, 8 risultavano anche scoperti da assicurazione e 4 privi della revisione periodica obbligatoria. Due dei conducenti fermati risultavano avere problemi con la patente.
A questi automezzi, se ne aggiungono altri 4 pignorati per autonoma iniziativa degli ufficiali di riscossione di Parma Gestione Entrate.
Grazie alla collaborazione avviata con l’Istituto Vendite Giudiziarie sono già stati venduti 5 di questi veicoli, coprendo un’importante parte del debito, e per altre 9 autovetture si attende che venga fissata la data dell’asta con relativa vendita all’incanto.
Le restanti 5 automobili sono state ritirate, prima di essere vendute all’asta, dai proprietari stessi, che hanno pagato il debito contratto nei confronti del Comune di Parma o richiesto un piano rateale, versando però un acconto che coprisse quantomeno il valore di mercato del veicolo pignorato. Sempre nell’ambito della ricerca dei veicoli con Autodetector, sono state rintracciate altre 21 autovetture in circolazione gravate da fermi fiscali per un totale di 47.600 € di debiti verso il Comune: queste non sono state pignorate a causa delle pessime condizioni generali che rendevano antieconomico il procedimento, ma, essendo quasi tutte prive anche di assicurazione, si è provveduto a toglierle dalla circolazione e a dare inizio alle pratiche per la demolizione. Inoltre sono stati fermati 5 veicoli stranieri ai fini di identificare i conducenti e i proprietari degli stessi. In totale i veicoli in oggetto avevano accumulato debiti con il Comune per infrazioni al Codice della Strada per un totale di 44.000 €. Le intere somme verranno addebitate ai responsabili della circolazione (i conducenti che le usano), in solido con i proprietari.

Cosa si rischia

In questa prima fase, la ricerca è stata limitata ai contribuenti che hanno evaso cifre superiori ai 3.000 euro per violazioni al codice della strada. Da oggi, dopo la prima fase di rodaggio, si è deciso di inserire nel data-base dell’autodetector i veicoli sui quali pendono multe non pagate per un importo complessivo superiore ai 1.000 euro, con il conseguente fermo amministrativo.
In questi casi – certamente assi più numerosi – il rischio è quello di vedersi moltiplicato il debito nel momento in cui scatta il controllo.
Infatti, i trasgressori che circolano con i suddetti veicoli sono sanzionati dagli agenti di Polizia Municipale   poiché, ai sensi dall’art. 214, comma 8, D.lgs 30 aprile 1992, n. 285 e modifiche successive, è vietata la circolazione dei veicoli sottoposti a fermo amministrativo, ed è prevista un’ammenda variabile dagli 800 ai 3.000 euro, che si aggiungono a quanto già accertato. E i guai crescono esponenzialmente per coloro che hanno “dimenticato” di pagare l’assicurazione o di revisionare il veicolo.
Va poi considerato che questa attività – che verrà intensificata -   permette di evitare problemi agli utenti della strada che, incappando in sinistri con automezzi circolanti nonostante siano sottoposti a fermo amministrativo, potrebbero avere seri problemi dal punto di vista dei risarcimenti da parte delle Compagnie di Assicurazione. E qui, di converso, i guai per chi circola impunemente diventano assai più gravi.
Meglio dunque, molto meglio – fa notare la Polizia Municipale - recarsi a Parma Gestione Entrate, rateizzare il debito, tornare ad essere in regola e circolare senza l’incubo di essere colti in fallo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • federicot

    28 Marzo @ 22.02

    federicot

    Mi sa che non avete capito nulla né della privacy, ma poco importa fatti vostri ,né della legge e del diritto ben più grave sto sostenendo che lo stato é tanto più efficace e credibile se fa rispettare la legge proprio osservando il diritto e non agendo come fosse il far west. ho già scritto dei velox e del fatto che ogni tanti qualcosa funziona a norma di legge. Mi son beccato una multa anche io e me la sono pagata(faccio quel tratto almeno un paio di volte al dì tutti i giorni). Ho sollevato un dubbio ....stanare un contribuente evasore senza rispettare la legge significa che non c'è nessuna legge e non c'è certezza del diritto. Ribadisco il mio dubbio

    Rispondi

  • Matt

    28 Marzo @ 16.16

    Violazione della privacy.... @roberta visto il codicillo che han tirato fuori? Avevi ragione... Questa mentalità di difendere evasori e illeciti é quantomeno irritante!! Il problema che sicuramente troveranno qualcosa che non va! In effetti se non pago l'assicurazione perché un becero poliziotto dovrebbe saperlo. Prima di controllare dovrebbe mandarmi un foglio per spiegarmi quello che sta facendo e chiedermi se sono d'accordo. Non toccate il mio sacrosanto diritto di tenere nascosto un mio illecito!!!! W gli italiani! !!!

    Rispondi

  • federicot

    28 Marzo @ 15.47

    federicot

    Io invece imparo un po' da tutti, non ho la presunzione di selezionare i maestri. Tutti hanno qualcosa da insegnare.

    Rispondi

  • presente

    28 Marzo @ 14.36

    @REDAZIONE, stranamente, il lettore che DIFENDE gli evasori sembra troppo accanito a perorare la causa, nominando anche una assoiazione di consumatori che difende chi infrange i limiti di velocità e i medici che parlano con il cellulare mentre guidano (ricordiamoci che le vittorie di quest'associzione si riferiscono solo ai Giudici di Pace appellabili nei termini di legge, mentre le cause dinanzi al Tribunale civile e al TAR per ora sono state un fiasco totale, con addirittura l'addebito di spese. Se poi ci mettiamo che questa associazione non ha proposto reclamo dinanzi al Tribunale civile per questi colossali fiaschi...). Vorrei ancora una volta ribadire all'anonimo difensore degli indisciplinati evasori che LE FORZE DI POLIZIA E GLI ENTI DI RISCOSSIONE ( compresa la Polizia Municipale e Parma Gestione Entrate) sono derogati, per ovvii motivi di legge, dal seguire la legge sulla Privacy. In caso contrario come si farebbe a scoprire evasori fiscali, come si potrebbe notificare in verbale di Polizia Stradale senza contestazione immediata, solamente con il numero di targa del veicolo? in pratica se ti fanno la multa per divieto di sosta e tu, caro anonimo, non sei presente , come fanno a notificarti il relativo verbale a casa se non accedendo ai tuoi dati personali tramite i data base di motorizzazione, amministrazione comunale, ecc. ecc. ecc. ??????? Prima di scrivere basterebbe un po' di buon senso e un po' di logica. Poi, caro anonimo vai pure dove vuoi, tanto ad alcuni pur di dar contro a questa amministrazione comunale anche quando fa delle cose buone, basta un pretesto per fare degli inutili polveroni che servono solo a farsi pubblicità mascherata da difesa dei cittadini.

    Rispondi

  • Betti

    28 Marzo @ 14.13

    quindi, stando a quanto affermato sulla privacy, se un vigile mi ferma e mi chiede patente e libretto, cosa dovrebbe fare? Chiedermi di firmare un modulo di liberatoria ex art. 13 D.Lgs. 196/2003 ?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

E' morto Thomas Milian

Tomas Milian aveva 84 anni

Lutto

Addio a "Er monnezza": è morto Tomas Milian Gallery Video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo finisce sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Formaggio

La grana del grana

Il candidato

Laura Cavandoli: Il centrodestra si divide

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

4commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Raffaele Sollecito si trasferisce a Parma: intervista esclusiva Video

Accusato con Amanda Knox dell'omicidio Kercher, Sollecito è stato assolto. Ha scelto di vivere a Parma

2commenti

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PONTETARO

I ladri svaligiano l'auto in pochi minuti con la chiave clonata

1commento

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

17commenti

TRAVERSETOLO

Sorpreso ad abbandonare rifiuti, rimedia ripulendo la discarica

Colto in flagranza dai vigili. Ha anche realizzato una staccionata a sue spese

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Siamo uomini o robot?

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Schiaffo a Trump: non ha i voti per abolire l'Obamacare

Milano

Il convivente spegne la tv in camera, lei tenta di ucciderlo

2commenti

WEEKEND

ELEONORA RUBALTELLI

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

Mondiali

l'Italia batte l'Albania (2-0)

f1

Australia: nelle libere Hamilton vola, Raikkonen quarto

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery