16°

fontanellato - fontevivo

Una fusione che crea molte polemiche

Comuni unificati Il sindaco: «Unire le forze per essere più efficaci». La Manghi: «Bisogna valutare con la popolazione»

Una fusione che crea molte polemiche
0

Maggioranza
«Se guardiamo all’attuale condizione economica e sociale capiamo come i Comuni non siano più in grado di tenere il passo sull'erogazione di servizi e la realizzazione di opere»: questo il commento del sindaco Massimiliano Grassi sulla questione della fusione tra i Comuni di Fontanellato e Fontevivo. «In pochi anni siamo quasi arrivati all’azzeramento della capacità di investimento a causa della crisi economica e dei vincoli del patto di stabilità: mantenere i livelli di servizi, pur razionalizzando le spese, è sempre più difficile. La nostra volontà di andare verso una fusione è animata dall’intenzione di unire le forze per avere maggiore efficacia rispetto a due enti distinti. I Comuni devono svolgere le stesse funzioni, erogare gli stessi servizi e, spesso, lo fanno con le medesime modalità: unendo le energie si può risparmiare. Penso ad esempio ad un unico segretario, un unico responsabile della ragioneria, un minor numero di responsabili tecnici, a un ampliamento dell’orario di apertura degli uffici. Chi pone la questione sul risparmio dato dal minor numero di consiglieri e assessori guarda il dito e non la luna. Oggi ci sono leggi nazionali e regionali che premiano in termini economici le fusioni tra Comuni: per Fontevivo e Fontanellato arriverebbe una cifra attorno ai 10 milioni di euro e, cosa importantissima, avremmo lo svincolo dal patto di stabilità, cosa che riaprirebbe per tre anni la possibilità di fare investimenti. I due Comuni sono assimilabili come caratteristiche: eccellenti livelli di servizi alla persona, livello di indebitamento e di tassazione molto basso. Inoltre uno è a vocazione produttiva, l’altro ha investito sul turismo: due aspetti che si integrano dando una maggiore omogeneità». Una scelta presa secondo alcuni troppo rapidamente. «I tempi sono maturi: oggi la fusione è un fatto straordinario e porta vantaggi». Il percorso verso la fusione sarà però prima condiviso con i cittadini, come ha assicurato Grassi.

L'opposizione
Le opposizioni consiliari tornano sull'argomento «fusione» dopo le lettere inviate nei giorni scorsi e relative all’incontro preliminare avuto con il sindaco Massimiliano Grassi. «Siamo favorevoli alla fusione di Comuni solo quando vi sia consuetudine e necessità di condivisione di servizi, piccola dimensione dei Comuni, debolezza economica e isolamento nell’erogazione dei servizi - sottolinea Nadia Manghi -. Nello specifico, per quanto riguarda la fusione tra Fontanellato e Fontevivo, ci troviamo ad essere contrari per diverse ragioni. E’ infatti iniziato l’iter formale della fusione come mero atto burocratico senza prima aver valutato pubblicamente con la popolazione e con i consiglieri i “pro e contro” di tale soluzione. Non è stato poi valutato alcun piano territoriale alternativo con i Comuni limitrofi per individuare altri e più utili progetti. La fusione potrebbe aver senso solo in alternativa alle deleghe già in atto di importanti funzioni amministrative all’Unione Terre Verdiane: così si rischia di moltiplicare tempi e spese per i Comuni e il cittadino. Fontevivo e Fontanellato non sono riusciti nemmeno a condividere la formazione del personale e la gestione consortile dell’asilo nido, con la conseguenza di avere ora eccesso di posti disponibili e lievitazione dei costi pro-capite. C'è poi un preoccupante silenzio circa la necessità di riformulazione di Psc, Rue, Poc, già costati a Fontevivo molte centinaia di migliaia di euro». Concordi sull'argomento anche Giuseppe Carra e Daniele Bocchi, consiglieri di centro destra. «Noi consiglieri saremo chiamati tra brevissimo tempo ad esprimerci con un voto in consiglio. Rivendichiamo il diritto di avere tutto il tempo necessario per approfondire, insieme alla popolazione, un tema che avrà conseguenze negli anni futuri sulla vita dei cittadini. Occorrerà inoltre valutare seriamente, al di là degli interessi personali degli attuali amministratori, anche gli aspetti critici e non solo quelli positivi che verranno sbandierati dal sindaco e dalla giunta per avallare una decisione precipitosa e improvvisa».

Lega Nord
Anche Gino Aimi, segretario della sezione locale della Lega Nord, interviene nella questione relativa all’ipotesi di avviare il processo di fusione dei Comuni di Fontevivo e Fontanellato. «Non siamo contrari se questo si tradurrà in benefici per i cittadini: lo svincolo dal patto di stabilità, per due amministrazioni che hanno un "segno positivo", può essere un’occasione importante per il rilancio del territorio, per il potenziamento dei servizi e del welfare, per effettuare investimenti sui sistemi di sicurezza e, non da ultimo, per intervenire in supporto delle tante famiglie che oggi faticano ad arrivare a fine mese - ha detto Aimi -. E’ un progetto al quale daremo il nostro appoggio, anche considerando che non abbiamo un problema di identità territoriale con Fontanellato: da tempo c'è molto in comune tra i due centri, a partire dalle scuole fino ad arrivare alla polizia municipale e ai carabinieri. Attualmente la fusione è ancora un’ipotesi e non ci siamo ancora potuti confrontare sui passi concreti da fare né con i cittadini né con l’amministrazione visto che c'è stato solo un incontro informativo: è chiaro però che, qualora dovessimo accorgerci che la finalità ultima di questo passo non è l’andare verso i cittadini, ma piuttosto cercare di cambiare le carte in tavola per poter scavalcare qualche legge o che l’intento nascosto degli attuali amministratori sia quello di unire le forze per fare del Partito Democratico il partito prevalente e di spartirsi il potere per i prossimi dieci anni, allora ci opporremo con decisione. In linea generale riteniamo che la scelta di fondere i due enti possa essere vantaggiosa e aprire diverse opportunità ma, prima di dare un giudizio definitivo, ci aspettiamo che venga organizzato un incontro per dare a tutti gli interessati le informazioni del caso. Per quanto riguarda le tempistiche, siamo d’accordo a portare avanti i passaggi il più velocemente possibile in modo da completare l’iter entro la prossima tornata elettorale: sarebbe infatti inutile perdere tempo con nuove elezioni e deleterio affidare il Comune a un commissario».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

1commento

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

1commento

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

2commenti

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

nepal

Intrappolato in un burrone nell' Himalaya, trovato vivo dopo 47 giorni

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling