-4°

MUSICA

Dall'inferno all'orchestra: George Michael è ancora «live»

Goerge Michael

Goerge Michael

0

Il nuovo album «Symphonica» è qualcosa di più del ritorno di George Michael sul mercato del disco con la documentazione «live» del tour portato nei teatri d’opera tra il 2011 e il 2012. E’ un cd di riscatto, di rivalsa sulle traversie di anni turbolenti e dei due mesi passati dietro le sbarre nel 2010 per essersi andato a schiantare con l’auto, in stato di alterazione da cannabis, contro un negozio. Prodotto dal 14 volte Premio Grammy Phil Ramone, scomparso un anno fa, il disco riporta il clima e le suggestioni di quelle 75 notti con orchestra, raccontando il cantante inglese di origine greca a un’altra angolazione rispetto a quella in cui l’aveva messo l’epopea Wham! e i 115 milioni di dischi venduti. Il progetto è straordinario, anche se figlio di un’intima contraddizione: quella di evocare la musica sinfonica pur utilizzando altri linguaggi, come il jazz o l’easy listening con una lievità che di «Symphony» ha poco. Ma Georgios Kyriacos Panayiotou, cinquant’anni, guarda avanti e prova a godersi fino in fondo questo suo grande momento.
Partiamo dall’inizio, perché George Michael?
«Perché a scuola avevo un amico di nome Dino Michael. In realtà il suo nome vero era Michaelos, ma come un sacco di greci venuti qui in Inghilterra negli anni '60 se lo cambiò in Michael. A me piaceva molto come cognome d’arte, anche perché era pure il nome di un mio zio. E poi in giro era pieno di cantanti dal doppio nome, basta pensare ad Elton John, a Rod Stewart o allo stesso Michael Jackson».
Mai cantato prima con una filarmonica?
«No. Mi ero esibito con una piccola orchestra in un unplugged di Mtv, ma a costruire un vero e proprio show sulla mia voce non ci avevo mai pensato. All’inizio è stata un’esperienza snervante perché temevo che la gente stavolta non mi avrebbe seguito. E invece...».
Molte canzoni provengono da ‘Songs from the Last Century’. Perché?
«Perché sapevo che certi classici della musica del Novecento avrebbero trascinato le mie capacità d’interprete in territori che non avevo ancora avuto modo di esplorare né su disco né dal vivo. Prendi 'Roxanne'; non è proprio una delle canzoni di Sting che preferisco, ma provandola ne ho intuito subito il potenziale. Così l’ho asciugata nella parte che mi convince di meno - 'Roxanne, Roxanne ...' - lasciandole esprimere il suo potenziale jazz. Penso che tra i solchi di ‘Symphonica’, anche se presente solo nella versione deluxe del disco, trovi un arrangiamento bellissimo».
Nell’album c’è una grande versione di «Wild is the wind», incisa originariamente da Johnny Mathis, anche se forse l’ispirazione le è venuta dalla versione di David Bowie.
«Uno dei miei album preferiti è proprio 'Station to Station' di David Bowie, l’album in cui è contenuto la rielaborazione di quel pezzo. Perché mi attraggono le cose con un’anima r&b. Amo tutta la produzione del Bowie anni '70, ma soprattutto quello Philly e soul precedente la svolta elettronica. Fra l’altro in ‘Station to station’ c’era Dennis Davies, il batterista che amo di più assieme a John Bonham degli Zeppelin e Tony Thomson degli Chic».
Cosa rimane, oltre al cd, di questi concerti con orchestra?
«Ripercorrendo la mia carriera non riesco a ricordare una performance più bella di quella tenuta alla Royal Albert Hall durante il Symphonica Tour. Questo grazie alla vicinanza del pubblico alla scena, ma pure alla cornice carica di suggestioni, di memorie, e di un’acustica studiata apposta per i cantanti ».
Lei ha sempre improntato il rapporto con i fans sulla massima trasparenza.
«Con un’unica grossa eccezione, non aver trovato per 15 anni la forza di dirgli che ero gay».
Perché?
«Se tu vivi una vita lontana da quella dei tuoi familiari la decisione di fare ‘coming out’ è relativamente facile, ma se il legame è forte lo diventa molto meno. Negli anni in cui l’Hiv era un killer che nessun rimedio farmacologico riusciva a fermare, qualsiasi genitore avesse un figlio gay viveva nell’angoscia. E io stavo male all’idea di vedere mia madre pregare il cielo che mi risparmiasse. Devo dire che rifarei tutto di nuovo: innanzitutto per non farla preoccupare e poi perché dopo aver dichiarato la mia omosessualità non è che le cose siano migliorate, anzi è accaduto tutto il contrario».
Che ricordi ha di Pentonville, il carcere in cui era il detenuto A8365AW?
«In Inghilterra dopo la condanna vieni associato all’istituto di detenzione più vicino al tribunale che ti ha giudicato. E siccome a pronunciare la mia sentenza era stata la Highbury Magistrates Court, a Nord di Londra, mi hanno dirottato su Pentonville. Sapevo di avere un conto da pagare con la giustizia e ho provato a farmene una ragione, anche se i primi giorni di permanenza tra bulli e pedofili dell’ala G non sono stati troppo piacevoli. Poi mi hanno trasferito in un carcere del Suffolk, High Point, ed è andata meglio».
Ora che farà?
«Sto lavorando sul materiale che ho scritto una volta uscito di prigione. Non so ancora che piega prenderà, ma non mi dispiacerebbe fare qualcosa per la comunità gay, magari un album dance».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

5commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta