19°

29°

Intervista

Tappe epiche viste da Piero Chiara

Alberto Brambilla, autore del saggio introduttivo di «Lo Zanzi, il Binda e altre storie su due ruote». «Nei suoi articoli lo scrittore coglieva in questo sport la possibilità per gli umili di emergere». «Delle gare ciclistiche seppe offrire uno sguardo originale. Il Giro come enciclopedia patria»

Felice Gimondi
Ricevi gratis le news
0

Piero Chiara, maestro della prosa novecentesca, nutrì sempre viva attenzione per lo sport, che egli stesso aveva praticato in gioventù, frequentando la palestra a Luino per esercitarsi nel pugilato e nella lotta greco-romana. La sua passione profonda fu però il ciclismo, che lo portò a scriverne occasionalmente su varie testate (commentò anche per la tv il Giro d’Italia del 1968). Alberto Brambilla - docente universitario che da anni si occupa del rapporto sport cultura e collaboratore di questa pagina culturale - ha avuto la felice iniziativa di reperirne i testi «ciclistici» sepolti nelle pagine di vecchi quotidiani e riviste e di pubblicarli nel libro «Lo Zanzi, il Binda e altre storie su due ruote. Scritti sul ciclismo 1969 - 1985» (Nomos edizioni, pp. 75, euro 9,90). Vi troviamo cronache sportive dedicate alle grandi corse in linea e a tappe, all’epoca dei pionieri, ai campioni diventati leggende, ma anche scritti dedicati dal giornalista-scrittore alla nascita del ciclismo. Valga, come esempio, l’«incipit» dell’articolo «L'ordigno a due ruote», una sorta di breve storia della bicicletta: «Come sia potuta sfuggire l’invenzione dalla bicicletta a Leonardo da Vinci si spiega soltanto col carattere aristocratico dell’ingegno leonardesco, inteso alla costruzione di grandi macchine che servissero per la guerra, oppure all’ideazione di un mezzo che consentisse all’uomo di volare. L’idea di un mezzo di spostamento veloce per lavoratori, contadini, fattorini e altra minuta gente, non allettò il suo cervello, che se vi si fosse applicato, avrebbe di certo realizzato facilmente la bicicletta con quattro secoli di anticipo, tanto gli era chiaro il funzionamento degli ingranaggi e il problema della trasmissione de moto». Riemergono dalle pagine di Chiara grandi campioni del passato quali Binda, Gimondi, Merckx e il varesino Augusto Zanzi. Ad Alberto Brambilla, che ha redatto l’ampio e acuto saggio introduttivo, chiedo: ma chi era questo Zanzi?
«Lo Zanzi era un ciclista oggi dimenticato ma di una certa levatura, attivo negli anni Trenta, che partecipa a diversi Giri d’Italia e a un Tour. Chiara ne aveva conosciuto la fama e trasferendosi a Varese lo aveva conosciuto di persona. Per altro al suo ritiro lo Zanzi aveva aperto un negozio di vendita e riparazione di biciclette, che a Varese divenne un luogo d’incontro di suiveurs ed appassionati. Si comprende come Chiara potesse ricordarsi dello Zanzi, divenuto vero esperto di ciclismo, quando, trovandosi a commentare il Giro d’Italia del 1968, si trova a corto di argomenti... nulla di meglio dunque che proporre, a sorpresa, i pronostici dello Zanzi rivelatisi per altro spesso azzeccati».

Lo Zanzi è anche una metafora?
Lo Zanzi è in primo luogo una geniale trovata, se vogliamo, narrativa, un coup de théatre ad alto effetto anche televisivo... e poi è il riconoscimento di un amico, di un umile ma importante rappresentante della sua terra varesina.

Lei scrive che gli scritti proposti sono utili soprattutto per entrare nella «bottega» di Chiara scrittore. Con quale spirito egli osserva e rappresenta il mondo delle corse in bicicletta?
Chiara è come al solito mosso da curiosità e dalla voglia di provarsi su terreni di solito non battuti da lui, soprattutto sul piano della cronaca. Ma direi che si capisce che il suo mestiere è un altro, non riesce ad aderire alla cronaca stretta della giornata ciclistica, ama piuttosto i tempi medio-lunghi della narrazione a tavolino, preferisce divagare, e in questo discende dalla grande tradizione degli scrittori-giornalisti come Buzzati, o Pratolini o Gatto, chiamati «a fare colore» come si diceva allora, e dunque a fornire alle gare ciclistiche un punto di vista originale. La «bottega» di Chiara sta appunto nella scrittura (o riscrittura) artigianale dei pezzi, nel loro smontaggio e nella loro ripresa in occasioni diverse, come accade esemplarmente per gli articoli dedicati a Binda.

Negli articoli balenano osservazioni di carattere storico, talora sono accenti di garbata ironia. Cosa la colpisce maggiormente?
Mi colpisce in primo luogo la straordinaria capacità di sintetizzare in due paginette secoli di storia, collegando lo sport alla società e all’economia. Poi c'è la consueta abilità stilistica di Chiara che fa il resto.

Chiara ha visto nel Giro d’Italia un elemento fondante dell’Unità nazionale e insieme «un’opportunità per gli aspiranti alla gloria».
Ma nella sua lettura del Giro c'è qualcosa di più. Chiara propone di leggere il Giro come una sorta di enciclopedia patria, la possibilità straordinaria di conoscere attraverso la corsa i luoghi e le bellezze del nostro paese. Per di più Chiara coglie nel ciclismo la possibilità per gli umili di emergere, puntando sulla loro forza, sulla fatica.

Ad Alfredo Binda, Chiara dedica pagine dalle quali emerge l’umanità e la grandezza semplice dell’eccelso campione. E’ la ricerca del vero e dell’autentico che distingue Chiara?
Direi che la domanda vada in un certo senso rovesciata, in quanto è la vita esemplare di Binda, come atleta e come uomo, che si impone. Chiara non può non riconoscere in lui un modello esemplare. È l’uomo che ha dovuto emigrare in Francia per fare fortuna, ma, pur essendo divenuto un campione eccezionale a livello mondiale, non ha mai smesso di essere un uomo misurato ed onesto. Ciò lo fa per Chiara il simbolo del lombardo o ancora di più il simbolo della sua terra d’origine, Binda rappresenta le radici, le stesse a cui Chiara ha da sempre attinto per scrivere le sue storie migliori.

Lo Zanzi, il Binda e altre storie su due ruote
Nomos, pag. 75, euro 9,90

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti