cultura

Morto Aldo Braibanti, protagonista storico processo per "plagio"

Fu l’unico condannato per questo reato, poi abolito nel 1981

Morto Aldo Braibanti, protagonista storico processo per "plagio"
Ricevi gratis le news
2

Si è spento due giorni fa, ma la notizia è stata data solo oggi dalla famiglia, che ha voluto rispettare le sue volontà. Aldo Braibanti, 91 anni, è stato tumulato stamani in forma strettamente privata a Fiorenzuola d’Arda, in provincia di Piacenza. Ex partigiano, filosofo, artista, regista, scrittore, omosessuale dichiarato, il suo nome è rimasto legato a un celebre processo celebrato nel 1968, nel quale era accusato di aver 'plagiatò due giovani discepoli. La sua condanna a 9 nove anni è rimasta l’unica nella storia repubblicana per questo tipo di reato, introdotto nel codice penale in epoca fascista e poi abolito nel 1981.
Il processo attirò a lungo l’opinione pubblica e aprì un dibattito che poteva ricordare le inquisizioni medievali per stregoneria. Aldo Braibanti fu arrestato il 5 dicembre 1967. Molti anni prima, nel 1959, il professore si era trasferito da Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), dove era nato, a Castellarquato, andando ad abitare in una vecchia torre dove aveva creato un cenacolo frequentato soprattutto da ragazzi, ai quali insegnava filosofia e arti figurative. Tra i giovani, due diciottenni in particolare si rivelarono i discepoli più affezionati del professore, il quale, secondo l’accusa, a un certo punto li convinse ad abbandonare le famiglie e ad andare a vivere con lui, omosessuale, sottomettendosi completamente alla sua volontà. Non valse a nulla il tentativo di uno dei ragazzi di difendere Braibanti dichiarando di aver scelto il rapporto con lui: il giovane finì per essere rinchiuso dalla famiglia in un manicomio. L’altro discepolo, invece, depose contro di lui.
Il 14 luglio 1968 la Corte di Assise di Roma lo condannò a nove anni di carcere e il 27 settembre 1969 la Corte di Assise di Appello ridusse la pena a quattro anni (due gli vennero condonati in quanto ex partigiano). Per la prima, e ultima volta, una persona veniva condannata per l’articolo 603 del Codice penale. La condanna suscitò ampia eco in Italia e a favore di Braibanti si mobilitarono numerosi intellettuali. Si dovettero però attendere dieci anni perchè la Corte costituzionale mettesse la parola fine a questo reato.
"Braibanti era un intellettuale gentile – commenta Franco Grillini, presidente di Gaynet – che subì le purghe di Stato per essere omosessuale. Da parlamentare mi battei perchè il governo Prodi gli concedesse i benefici della legge Bacchelli. Riuscimmo infatti a ottenere per Braibanti l’assegno vitalizio e per noi fu un risarcimento per una condanna omofoba assurda e frutto di una norma del codice fascista Rocco". Anche il Circolo Mario Mieli ricorda la sua figura "schiva e piena di dignità", "vittima suo malgrado del clima oscurantista e omofobo del nostro Paese".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gherlan

    13 Aprile @ 19.33

    L'abolizione del reato di plagio fu una vera bestialità. Posto che forse l'applicazione al caso Braibanti non fosse opportuna, se tale reato fosse ancora previsto dall'ordinamento si potrebbero fermare stroncare le tante sette che si approfittano di menti deboli. Ma la Corte costituzionale, notoriamente, del buon senso si fa beffe, e lo dimostra ogni giorno.

    Rispondi

  • Roberto

    13 Aprile @ 00.10

    Braibanti dovrebbe essere riabilitato pubblicamente, condannando nel contempo ufficialmente chi lo ha perseguitato ingiustamente. Solo così tutto ciò avrà un senso. Politici italiani dalla memoria corta e parlamentari nostalgici del codice Rozzo brigano da decenni per reintrodurre l'articolo 603 nel nostro codice penale, uguale nella sostanza e diverso solo nel nome (manipolazione mentale). C'è un'intera banda di associazioni antiplagio e antisette, e addirittura una squadra di polizia apposita nel Ministero dell'Interno che operano indefessamente per riesumare quest'abominio giuiridico. http://www.liberocredo.org

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Pochi disposti a tenere gli stili di vita sani necessari per donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Tenta di gettarsi dal ponte, i carabinieri lo salvano

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video