14°

28°

milano

Appello Ruby: nuove condanne (ridotte) per Fede, Minetti e Mora

Appello Ruby: nuove condanne (ridotte) per Fede, Minetti e Mora
Ricevi gratis le news
15

(ANSA) - MILANO, 13 NOV - La Corte d’Appello di Milano con la sentenza sul caso Ruby ha ridotto le pene inflitte in primo grado a Lele Mora, Nicole Minetti ed Emilio Fede. L’ex direttore del Tg4, che era stato condannato a 7 anni nel luglio 2013, oggi è stato condannato a 4 anni e 10 mesi, mentre per Nicole Minetti la pena passa da 5 anni a 3 anni. A Mora, invece, condannato in primo grado a 7 anni, è stata inflitta la pena di 6 anni e un mese che comprende però anche la pena in continuazione per la bancarotta della sua società

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    14 Novembre @ 10.17

    Sempre in tema di processo mediatico signor medioman, perchè se questo processo è stato sempre bollato come una farsa, come un'invenzione della magistratura e tutto il resto, come mai le difese degli imputati invece di puntare sulla piena assoluzione smontando punto a punto l'impianto accusatorio hanno pensato bene di puntare a salvare il salvabile portando a casa le pene più favorevoli possibile? Tutti sono scesi sotto i 5 anni escluso lele mora per altri fatti, chiediamoci il motivo

    Rispondi

    • Medioman

      14 Novembre @ 13.59

      Non ho seguito questo processo (non ne sono particolarmente interessato); però, so di casi in cui gli avvocati consigliano di "patteggiare", anziché chiedere l'assoluzione, perché può essere un "male minore", rispetto alle lungaggini dei processi in Italia. Ad un mio conoscente, anni fa, fu consigliato di dichiararsi "colpevole" (ovviamente di un reato di basso livello) per chiudere un iter giudiziario che durava da più di dieci anni. Come diceva Fantozzi, "facci lei".

      Rispondi

      • Maurizio

        14 Novembre @ 14.44

        In questo caso sarebbe convenuto andare avanti, non ci sono problemi economici che constringono noi poveracci a patteggiare anche se innocenti, la prescrizione la si raggiunge in un baleno, non si macchia la fedina penale.....

        Rispondi

        • Medioman

          14 Novembre @ 16.48

          Le racconterò un fatto accaduto ad un mio conoscente, tanti anni fa, quando andavano di moda l'autostop e la minigonna.... All'entrata dell'autostrada c'era una ragazza (belloccia) che aveva un cartello con scritto "Bologna"; lui si ferma, e la fa salire in auto. Durante il tragitto, lei si mostra "disponibile".... Non so cosa sia successo realmente, ma ad un certo punto lei gli dice: se non mi paghi, ti denuncio, perché sono minorenne. Lui, ovviamente, la scarica e se ne va per la sua strada. Ci fu una denuncia per "tentata violenza sessuale", ma, per fortuna, la ragazza fu considerata "professionista", e la cosa venne archiviata. Ma se si fosse arrivati a giudizio, lei cosa avrebbe preferito fare? Dichiararsi "colpevole" e chiudere la vicenda con una lieve condanna, o trascinarsi per tribunali per anni?

          Rispondi

        • Medioman

          14 Novembre @ 16.24

          Non ci sono problemi economici che costringono noi poveracci a patteggiare? Provi ad immaginare un piccolo imprenditore (uno di quelli che lavora davvero) che deve andare avanti e indietro da Milano per presentarsi ad udienze che, magari, vengono rinviate per i più assurdi motivi.... oltre, naturalmente, pagare gli avvocati! Beh, fatti due conti, qualche mese con la condizionale possono costare meno del tempo perso; e, comunque, essere coinvolti per anni è già una "condanna", anche se alla fine si viene assolti.

          Rispondi

  • Bach

    13 Novembre @ 16.50

    Rimangono due fatti, sig. gigiprimo: 1) che codesti signori (i condannati) hanno fatto una figuraccia indegna e 2) per gli stessi fatti il fruitore ultimo di tali porcherie non ha pagato e non pagherà.

    Rispondi

    • Medioman

      14 Novembre @ 09.16

      Signor Bach, in Italia si discute di matrimoni omosessuali "perché lo fanno in tutta Europa", però non si discute di legalizzazione della prostituzione per lo stesso motivo; perché?? Sarà forse per "eterofobia"? Quanto poi alla "povera minorenne" che, secondo alcuni, a diciassette anni aveva già molta "esperienza" .... le sembra veramente così bisognosa di "tutela"? Secondo me, le vere porcherie sono quelle degli ipocriti che, non avendo reali argomenti, si affidano a questo gossip di basso livello, per prenderci in giro e fare i loro reali "porci comodi".

      Rispondi

      • Maurizio

        14 Novembre @ 10.15

        Medioman, come evidenziato in altro articolo e come evidenziato in altre vicende, la prostituzione è anche vista come tangente per dei lavori, cosa facciamo legalizziamo anche le tangenti e la corruzione? Aboliamo anche anche le carceri, la giustizia e tutto il resto perchè non serve più a nulla

        Rispondi

        • Medioman

          14 Novembre @ 10.40

          Giusto per il gusto del paradosso... in altri casi, le tangenti si chiamano "provvigioni" per il procacciatore di affari; non fa differenza, che siano "in natura" o in valuta. La vera differenza è tra chi fa la "verginella" (oddio, non avrei mai pensato che qualcuno avrebbe pagato per ottenere questo lavoro!) e chi, più realisticamente (e regolarmente) mette a bilancio le spese sostenute per "promozioni pubblicitarie". Ma, fin quando in Italia prevarranno gli ipocriti, "non si può dire" e "non si può fare". Sorvoliamo, poi, sul discorso "carceri": ormai, bisognerebbe chiamarle "alberghi". Se il cliente non è soddisfatto del "trattamento", ha diritto ad un rimborso!

          Rispondi

  • gigiprimo

    13 Novembre @ 13.40

    vignolipierluigi@alice.it

    Ma scusate, la notizia mi sembra sia: Ridotte le condanne per.....................................................?

    Rispondi

    • 13 Novembre @ 13.43

      Mi pare che la notizia di un processo sia innanzitutto condanna o asoluzione. Quanto alla riduzione delle pene è esattamente all'inizio dell'articolo

      Rispondi

      • gigiprimo

        13 Novembre @ 14.04

        vignolipierluigi@alice.it

        contenti voi..................................................ma il titolo è quello che conta e se i giudici hanno pensato che la prima sezione ha avuto la mano pesante, perché non evidenziarlo nel titolo? comunque grazie!

        Rispondi

        • 13 Novembre @ 14.08

          Non sono nè contento nè scontento, perchè non ero nè imputato nè parte lesa.....Se il titolo è quello che conta, lì va messa la cosa più importante: per Berlusconi abbiamo scritto "Assolto". E per dimostrarle che nulla di questa vicenda ci fa venire in tasca alcunchè le ho pure allungato il titolo. Ma quando torneremo in posizioni in cui occorrono meno parole, tornerò alla sintesi (e alla gerarchia) iniziale. Ricambio i ringraziamenti.

          Rispondi

        • gigiprimo

          13 Novembre @ 15.04

          vignolipierluigi@alice.it

          Nel lontano 1960 ca., al Melloni, c'era un Professore (non ricordo il cognome) che in classe aveva iniziato una scuola di giornalismo (forse Bellè lo ricorda) e penso spiegasse che nel titolo sta la notizia. Ora fra il titolo esistente: 'Appello Ruby: nuove condanne per Fede, Minetti e Mora' e: 'Appello Ruby: pene ridotte per Fede, Minetti e Mora' non vedo dove sta il problema di spazio! Però mi scusi ancora perché pensare che a Lei venga in tasca qualcosa? e poi che cosa è la 'gerarchia'? Auguri!

          Rispondi

        • 13 Novembre @ 18.57

          1) Nel titolo sta la notizia. Sono d'accordo: la notizia dell'appello di Berlusconi era la sua assoluzione, che ribaltava la sentenza di primo grado. La notizia di questo appello sta nelle condanne, anche proprio in relazione a quella assoluzione. 2) Che le pene siano state ridotte non mi pare che nessuno lo abbia nascosto 3) IL problema dello spazio sta nel fatto che nella nostra home page un titolo cambia posizione man mano che altre nuove notizie lo spingono giù. E non tutte le posizioni consentono titoli della stessa lunghezza: così, tanto più in una giornata abbastanza caotica per le vicende del maltempo, cerchiamo di fare un titolo che non ci obblighi ad intervenire ogni volta che la notizia cambia posizione. Ad esempio, il titolo sul caso Salvini a un certo punto risultava mozzato e abbiamo dovuto riscriverlo: sono cose che cerchiamo di evitare 4) La gerarchia è quella che i miei professori di giornalismo (non ho fatto il Melloni, ma credo cce ne fossero anche altrove) mi hanno insegnato:partire dalla cosa più importante. Per me la cosa più importante era nelle settimane scorse l'assoluzione di Berlusconi e oggi sono le condanne. Per lei sono le pene ridotte ? Benissimo: io resto della mia idea. 5) Il "non mi viene in tasca nulla" l'ho voluto sottolineare perchè di fronte al suo insistere ho voluto ben precisare che, non essendo un quotidiano di partito, la scelta (condivisibile o no) era strettamente giornalistica: appunto sulla base della "gerarchia" fra gli elementi della notizia (sempre secondo noi, ovviamente) 6) Grazie degli auguri, che ricambio

          Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti