19°

TERRORISMO

Belgio: i 2 jihadisti arrestati erano in fuga verso l'Italia

terrorismo
Ricevi gratis le news
2

I due cittadini belgi arrestati in Francia ieri sera nell’ambito della retata anti-jihadisti condotta da Bruxelles erano in fuga verso l’Italia e sono stati bloccati dalla polizia francese nella regione di Chambèry su segnalazione di quella belga. E’ quanto si apprende da fonti di polizia, riferisce l’agenzia Belga.
I due belgi, riferiscono le fonti, volevano passare la frontiera nel momento stesso in cui i doganieri francesi hanno ricevuto la segnalazione da parte delle autorità del Belgio, e sono quindi stati fermati. Appena lanciato l’attacco a Verviers, i due membri della cellula jihadista si sarebbero dati immediatamente alla fuga. La polizia belga aveva subito emesso un mandato d’arresto europeo. Ora la Francia dovrà decidere se estradarli verso il Belgio.

In Italia 100 jihadisti, attivi su social e blog
Nel Centro Nord. Isis li monitora sul web, cerca anche laureati
Un centinaio di jihadisti che vivono regolarmente in Italia e puntano ad accreditarsi di fronte ad Al Qaeda e Isis aprendo blog e gruppi social. E intanto il Califfato li monitora per arruolare non solo soldati, ma anche esperti laureati. Ma nel nostro Paese - come emerge da un’inchiesta, il cui testo integrale è pubblicato su Ansa.it - l'identikit jihadista ha tanti nomi e poche certezze. L'intelligence è focalizzata su una lista di cento nomi, in maggioranza magrebini di seconda generazione già inseriti nel contesto italiano, residenti soprattutto in Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Veneto e Lazio. Di questi, una decina sono donne.
Si tratta di persone abbastanza conosciute negli ambienti investigativi, apertamente favorevoli alla guerra santa. Hanno aperto blog personali e stabilito contatti con altri utenti europei di spicco dell’estremismo islamico, come i curatori di '4Sharià in varie nazioni o i frequentatori di 'Ansar al-Mujahideen English'. Non formano una vera comunità, l’unico legame sono le convinzioni più estreme del salafismo, collante per potenziali terroristi, differenti dai più avanzati jihadisti di Londra, Parigi, Belgio o Germania. E in attesa di una terza generazione anche qui.
Il tutto sotto l’occhio vigile dell’Isis. Come succedeva già nel Medio Oriente, le giovani leve vengono monitorate dai talent scout del terrore, per assoldare i migliori. Lo Stato Islamico cerca nella rete anche studenti universitari, ingegneri e medici con tendenze estremiste, cominciando a dialogare con loro. Il pericolo è concreto: sono centinaia gli utenti che dall’Italia accedono ai forum Shumukh, Ansar al-Mujahideen, al-Qimmah e Ansaral-Mujahideen.
Aldilà della rete, il problema è anche focalizzato su quelle figure di raccordo con le organizzazioni. Pur essendo ancora in pochi, in Italia esistono 'facilitatorì che hanno legami con i gruppi terroristici e possono agevolare le rotte verso altri Paesi e gli scambi di informazioni. Un allarme è stato lanciato - secondo alcune fonti - dai servizi segreti tunisini che descrivono il paese come un buco nero dal quale è possibile imbarcarsi verso la Turchia per la Siria ed altre zone di guerra e fare ritorno, passando inosservati. A questo si aggiungono i particolari legami degli estremisti con il gruppo tunisino di Ansar al-Sharia, gruppo salafita con tendenze jihadiste che dopo la caduta di Ben Ali ha acquisito un grosso seguito. Tutto risale ai primi anni del duemila, quando alcuni tunisini furono arrestati e poi espulsi verso le carceri tunisine all’epoca di Ben Ali. Dopo la caduta del regime, molti di loro hanno mantenuto i contatti con l’Italia e potrebbero sfruttarne appoggi logistici. Così come l’Algeria, altro Paese su cui si focalizzano i flussi sotto questo aspetto. Una porta alternativa, già da qualche anno, sono anche i Balcani, l'Albania e il Kosovo.
In tutto questo traffico gli ambienti di alcune moschee sembrano aver perso la loro peculiarità ormai da tempo. Restano comunque situazioni delicate come quella di viale Jenner a Milano o di Ostia, sul litorale romano, con una forte presenza di egiziani e di Fratelli mussulmani reduci della primavera araba, che non professano la jihad ma che a Roma possono rappresentare la frangia più estrema dell’Islam. Situazioni che stridono con altre centinaia di adolescenti delle terze generazioni in Italia - simpatizzanti per la jihad - che invece vivono il web intrappolati negli ossimori, tra un 'Mi piacè ai video delle star nostrane della tv e i post che inneggiano alla guerra santa contro la decadenza dell’occidentalismo. Nel tempo il rischio è che qualcuno varchi il confine virtuale. E’ allora che i cyber-guerrieri trasformano il loro credo, fino a sistemarlo nella canna di un kalashnikov.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • eugenio

    16 Gennaio @ 22.45

    Certo. Dove possono pensare di trovare più impunitá che in Italia? Quì l'importante e avere le tasche vuote, prosciugate dalle imposte sulle imposte delle imposte alle imposte. Per il resto si può ammazzare liberamente

    Rispondi

    • Gio

      17 Gennaio @ 13.15

      Giorgio R.

      Si Eugenio imposte sulle imposte e sulle imposte con servizi dimezzati PER MANTENERE CHIUNQUE ARRIVI QUI e chi prende soldi dall'Europa per fare certe cose. abbiamo l'iva solo in Italia al 22% per far si che facciano vedere che da Bruxelles elargiscono fondi per l'immigrazione di ogni tipo. Sappiamo che metà dell'iva va a Bruxelles e provate a immaginare dal 19% al 22% quanti MILIONI di euro in più dai soliti coglioni come noi che arrivano. SIAMO ORMAI ESASPERATI !!!!!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro