rifiuti

Inceneritore e Sblocca Italia: Folli non si fida

Inceneritore

Inceneritore

Ricevi gratis le news
6

Inceneritore: il periodo ferragostano non manda in vacanza la questione. E in serata l'assessore Folli ha inviato alle redazioni un comunicato stampa in cui mostra di considerare la vicenda ancora aperta e insidiosa. Ecco il testo:

Si é tenuta stamattina la prima conferenza dei servizi in Provincia in relazione alla richiesta di Iren di adeguamento del'inceneritore di Ugozzolo allo Sblocca Italia che, se accolta, autorizzerà l'azienda a bruciare fino a 195.000 tonnellate e a ricevere rifiuti da tutta Italia. L'accordo di autolimitazione con i gestori annunciato a luglio dalla Regione con toni entusiastici alla vigilia della manifestazione NessunDorma é stato reso pubblico solo pochi giorni fa e dopo averlo letto siamo ancora più convinti di come sia stato corretto mantenere alta la guardia quel sabato di luglio in cui per le vie di Parma hanno sfilato cittadini ed associazioni da tutta Italia per dire no alla logica dell’incenerimento.

I presupposti limiti citati nel comunicato di allora letti nero su bianco nella delibera di giunta del 3 agosto scorso sono quanto di più fumoso e poco vincolante si possa pensare. Si fa riferimento alle autorizzazioni vigenti poi si alza la posta parlando di piano regionale e si chiede comunque che vada avanti il procedimento per l’adeguamento allo Sblocca Italia ma non si fa riferimento ad un piano di dismissione degli impianti come più volte sollecitato dalle amministrazioni locali in cui siano stabiliti tempi, numeri e criteri di priorità di spegnimento.

Il fatto poi che a Forlì sia stata conclusa la conferenza dei servizi per la classificazione in R1 (e che a Parma sia partito lo stesso procedimento senza che il gestore lo abbia ritirato come richiesto dal consiglio comunale e dall’assemblea dei sindaci) lascia spazio a futuri ripensamenti da parte dei gestori che in nessun modo potrebbero essere vincolati dall’accordo fatto con la regione.

A riprova di ciò si può portare l’esempio delle prescrizioni sottoscritte da Iren e dagli enti per l’inceneritore di Parma che al momento dell’accordo nel 2008 impedivano (e impediscono tuttora finchè non verranno cambiati) di ricevere rifiuti da fuori provincia. Orbene dopo 1 anno e mezzo scarso di funzionamento dell’inceneritore, Iren non ritiene più valido quell’accordo e chiede di poter ricevere rifiuti da fuori ed incrementare la capacità dell’impianto! Sulla base di quali rassicurazioni dovremmo credere che l’accordo con la Regione sia per delle multi-utility quotate in borsa vincolante?

Il recente passo indietro dell’assessore Bellini di Forlì è un segnale forte che un esponente dello stesso partito di governo manda alla Regione per esortare ad avere più coraggio e meno sudditanza verso Iren ed Hera, riprendendo in mano quel ruolo di regolatore che ha la potestà e l’obbligo di stabilire le strategie e la visione futura della gestione dei rifiuti nel nostro territorio.

Pure lo schema di decreto attuativo dello Sblocca Italia recentemente pubblicato sembra confezionato su misura per favorire chi con questi impianti ci fa utili con rischio imprenditoriale pari a zero visto che vengono pagati con le tariffe pagate dai cittadini.

Non a caso Iren ed Hera hanno voluto lanciare un messaggio preciso chiedendo di applicare gli effetti dello Sblocca Italia proprio iniziando da Parma e Forli, quei comuni in regione che erano stati più critici verso il piano regionale che mantiene in vita 7 impianti su 8 al 2020, che stanno pensando alla ripubblicizzazione del servizio di raccolta e che stanno ottenendo i migliori risultati nell'incremento della raccolta differenziata e nella riduzione del rifiuto residuo a smaltimento.

A questo punto occorre capire se la giunta Bonaccini, dopo aver adottato un'ottima legge regionale che va nella direzione di favorire l’economia circolare e l’uscita dalla logica di gestione basata sull’incenerimento vuole essere coerente e procedere in quella direzione adeguando di conseguenza il piano regionale e rendendo più vincolanti gli impegni per i gestori in una prospettiva di effettivo abbandono di un'impostazione che appartiene al passato. Noi crediamo che non sia più possibile adottare soluzioni di compromesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    11 Agosto @ 17.49

    FOLLI , ROMA E' SOMMERSA DI RIFIUTI ! La vecchia , grande discarica di Malagrotta è satura . I SUOI COMPARI DELLA GCR DI ROMA non vogliono nè discariche nè inceneritori , ma siccome "rifiuti zero " , per il momento e per diverso tempo ancora , non esiste , quelle montagne di "rudo" da qualche parte dovranno andare , prima che , a dicembre , arrivino decine di migliaia di pellegrini per il Giubileo .

    Rispondi

  • SILENZIOSO

    11 Agosto @ 08.28

    Che dire ? O Folli pensa che siamo tutti stupidi o ci vuole prendere per i fondelli. Uno che ha promesso un calo delle tariffe del 30% e ci ritroviamo a un +23% viene a parlare di fiducia ? Uno che, infischiandosene di tutto e di tutti, ha ridotto questa città a un letamaio, viene a parlare di fiducia ? Uno che consente a IREN di cablare il teleriscaldamento a tutta la città vuol farci credere che non sa come dovrà venire necessariamente alimentato ? Uno che ha messo i suoi uomini ai vertici di IREN viene a parlare di fiducia ? Folli, per cortesia, non so a casa sua .... ma la sua credibilità in giro per Parma è sottozero e dovrebbe rendersene conto senza che qualcuno glielo faccia notare. A meno che non ci siano interessi in ballo per cui valga la pena fare queste figure.

    Rispondi

  • Fede

    11 Agosto @ 07.06

    Meno di 2 anni cari, ve ne dovete andare prima!!!!!! Basta fare danni, parma fa schifo!!!! E Iren fa quello che vuole, caro assessore dovevate liberarci dall'inceneritore e darci la vostra democrazia piu' alta, e si e' visto come e' finita, fallito su tutta la linea!!!! Parma mai cosi' sporca pericolosa e costosa!!! Se aveste un po' di amore per Parma vi dimettereste volontariamente, ma siete gia' diventati politici di professione. A CASA GIUNTA DEL NULLA

    Rispondi

  • ANONIMUS

    10 Agosto @ 19.42

    Ma se vogliono piu rifiuti da bruciare non devono andare tanto lontano a prenderli.. basterebbe dare una bella pulita a parma! O rimettere i vecchi cassonetti e non farci piu fare la differenziata! Ps io da solo dovrei tenere per DUE MESI il residuo in casa! Per restare nelle giuste vuotature!!

    Rispondi

  • Vercingetorige

    10 Agosto @ 19.13

    SE E' QUESTIONE DI FIDUCIA , neanche i Parmigiani , salvo una cinquantina di esaltati , hanno fiducia in Folli .

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Poliziotti americani presi in un "fuoco incrociato"

usa

I bambini fanno a palle di neve coi poliziotti Video

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno visto dall'elicottero dei vigili del fuoco

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

1commento

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

3commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

1commento

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS