17°

32°

viabilità

Via Toscana, da ottobre ingresso a scuola senz'auto?

Intanto in viale Maria Luigia il provvedimento diventa definitivo

Viale Maria Luigia, definitiva la chiusura per l'ingresso scolastico

Una delle scuole su viale Maria Luigia

Ricevi gratis le news
15

Con l'inizio delle scuole, da martedì 15 settembre, viale Maria Luigia sarà chiuso al traffico dalle 7,40 alle 8,10.
Nel solo tratto di Piazzale Rondani antistante la scuola Parmigianino resta confermata la chiusura anche dalle 12,55 alle 13,30, in vigore da oltre un decennio.
Il provvedimento relativo a viale Maria Luigia, attuato negli ultimi mesi dell'anno passato, diventa definitivo in forza dell'apposita ordinanza firmata nei giorni scorsi dal sindaco Federico Pizzarotti.
Lo conferma una nota del Comune, che spiega: "L'accesso sarà consentito soltanto a pochi automezzi di insegnanti e personale scolastico con spazio per la sosta all'interno dei cortili scolastici, oltre ovviamente ai servizi di emergenza, ai disabili muniti di autorizzazione e ai veicoli che trasportano studenti in condizione di disabilità temporanea.
Il provvedimento è stato adottato, in accordo con i dirigenti scolastici, a seguito della positiva sperimentazione attuata dal 20 aprile 2015".
"Abbiamo fortemente voluto questo intervento - sottolinea l'assessore alla mobilità e ambiente Gabriele Folli - per diverse ragioni, in primis per motivazioni legate alla sicurezza stradale e alla salvaguardia della salute degli studenti, oltre che per la tutela dell'ambiente e per educare i ragazzi ad utilizzare mezzi alternativi all'automobile. D'altra parte, non servono commenti per vedere a quali pericoli erano sottoposti i nostri studenti, e quali erano le situazioni ambientali, con lunghe colonne di auto in transito e numerose auto ferme, spesso a motore acceso".
"Con questa iniziativa viene notevolmente ridotto anche il rischio di tanti piccoli incidenti rilevati in passato dalla Polizia Municipale.
Il Comune ha già manifestato l'intendimento di estendere l'iniziativa anche la comparto scolastico di viale Toscana: già alla fine dello scorso anno scolastico l'assessore Gabriele Folli ha incontrato i dirigenti delle scuole interessate, ottenendo il loro assenso di massima alla chiusura selle strade afferenti agli edifici scolastici insediati in zona. Il provvedimento scatterà con ogni probabilità dal mese d i ottobre, non appena saranno definiti gli ultimi particolari su viabilità e deroghe agli accessi, ma è già certo che la limitazione al traffico sarà istituita negli orari di uscita degli studenti anzichè in quelli di entrata, come invece avviene in viale Maria Luigia, in quanto, dalle rilevazioni effettuate e dalle opinioni stesse raccolte fra i dirigenti scolastici, nel comparto di via Toscana risulta quello il momento più critico sia per l'intasamento del traffico sia per l'incolumità degli studenti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    10 Settembre @ 15.31

    E devono aumentare le corse, perché fra le sette e le otto sono così pieni, che con gli zaini qualcuno non riesce a salirci.

    Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    10 Settembre @ 15.30

    Provvedimento giusto, ma devono calare le tariffe degli autobus: con due o più figli che li usano, anche solo nei mesi più freddi, sono troppo cari!

    Rispondi

    • Maurizio

      10 Settembre @ 23.00

      Magari, non tanto per gli studenti però dovrebbero calare perchè penso che l'abbonamento almeno quello urbano sia accettabile o magari si dovrebbe pensare a riduzione in base al numero dei figli. Sarebbe bene che si ritornasse all'era degli scambiatori e navette come erano state pensate da ubaldi e poi modificate durante il mandato Vignali (ma quì non so se la colpa sia dell'amministrazione o della tep), prima infatti le navette facevano 3 fermate intermedie da un capolinea all'altro ma soprattutto i biglietti erano bassi, con un euro giravi in tutti gli autobus durante tutto il giorno, adesso se uno deve portare la famiglia in centro spende meno andando al goito o toschi, prima gli scambiatori erano sempre pieni di auto, ora sono vuoti, biglietti a due euro e navette che fermano ad ogni fermata senza contare il fatto che spesso le macchinette per il biglietto non funzionano e così ti tocca comprare il biglietto a bordo a prezzo maggiorato ma soprattutto non valido tutta la giornata

      Rispondi

      • Filippo Bertozzi

        11 Settembre @ 17.46

        Infatti mi riferisco alla riduzione in base ai figli, che questi (...) hanno eliminato insieme al quoziente Parma. A chi dovesse comprare due o tre abbonamenti, potendo accompagnare i figli in scuole vicine o nella stessa, converrebbe di gran lunga la macchina: alla faccia della lotta all'inquinamento. Ma come sempre, questi fanno le cose scollegati dagli altri attori della mobilità: il Comune chiude le strade e toglie i benefici (mentre stanzia 260.000€ per l'integrazione dei nomadi, il cui ultimo pensiero è integrarsi...) e la Tep diminuisce le corse. Complimenti per intelligenza ed efficienza.

        Rispondi

  • Cristina

    09 Settembre @ 22.40

    perfetto ottima decisione ma si pensi anche ad abbassare il costo dell'autobus. È vero che ci sono tariffe agevolate per gli studenti ma a mio avviso bisognerebbe fare uno sforzo in più. Con tutto questo inquinamento ci stiamo "uccidendo" con le nostre stesse mani....un tempo parma era la città delle biciclette ma ora dove sono finite ? ...mi sembra che di gente in bici ce ne sia meno...con tutto il traffico che c' è forse risulta anche un po' pericoloso .

    Rispondi

  • Labandieraitaliana

    09 Settembre @ 21.17

    Ma state scherzando? Provvedimento utile?! Scusate ma abbiamo ripreso gli Auser per destinare la municipale ad altro servizio e ora gli facciamo chiudere le strade intere per le scuole? Ma questi proprio sono fuori di testa. Già il mattino a Parma il traffico su alcune aree va in tilt per il grande afflusso dovuto a studenti e lavoratori in marcia chiudiamo pure tutte le vie di transito così facciamo ingorghi fino alle 10! Alla faccia del provvedimento per tutelare l ambiente!

    Rispondi

    • salamandra

      10 Settembre @ 10.07

      cos forse qualcuno capisce che usare l'auto a tutti i costi è sciocco

      Rispondi

      • Labandieraitaliana

        10 Settembre @ 23.16

        Le auto non sono il problema. I giovanotti che scendono dall autobus se vanno sul loro bravo marciapiede non corrono alcun rischio e chi arriva in bici ha la ciclabile a disposizione separata dalle corsie di marcia delle auto. Invece di chiudere le vie con delle transenne mandassero i vigili a far rispettare le regole di sosta in quelle aree durante l arrivo dei baldi giovanotti! Sarebbero più utili e i furbetti del parcheggio si scanterebbero ben alla svelta! Stesso discorso vale per viale maria Luigia dove marciapiedi e pista ciclabile sono più ampi della corsia di traffico auto e per il quale lo scorso anno erano presenti ben 5 agenti adibiti a guardare una transenna!

        Rispondi

  • Maurizio

    09 Settembre @ 21.03

    Magari in via toscana, così non avremmo genitori con auto accesa in mezzo alla strada e soprattutto i ciclisti potrebbero benissimo utilizzare la ciclabile dove venivano parcheggiate le auto, quì però io mi chiedo come mai si deve arrivare a tanto? I vigili che sono li a controllare all'uscita da scuola perchè devono chiudere un occhio e girarsi dall'altra parte?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti