15°

29°

editoriale

Parma e perché sbagliano i profeti di sventura

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
9

Permettetemi di parlarvi della città nella quale ho trascorso gli ultimi sei anni della mia vita: Torino. Lo faccio, come capirete fra poco, per parlare di Parma.
Dunque. Siamo tutti nati e cresciuti con un'immagine ben chiara di quella città: Torino uguale Fiat. Se quaranta, trenta o anche vent'anni fa qualcuno avesse ipotizzato che un giorno la Fiat non sarebbe più stata il baricentro della città, sarebbe stato preso per profeta di sventura. Qualsiasi persona dotata di un minimo di raziocinio avrebbe scommesso che Torino, senza la Fiat, sarebbe morta.
Che cosa è accaduto, invece? È accaduto che nel 1980 la Fiat aveva, a Torino città, 150.000 dipendenti; oggi non arriva a ventimila. Quindi, secondo le previsioni, la capitale del Piemonte (ed ex capitale d'Italia) sarebbe dovuta cadere in preda al caos e alla miseria. Ma i futurologi sono pagati per sbagliare.
Torino ha saputo reinventarsi e oggi la sua qualità della vita è molto, ma molto superiore a quella degli anni Ottanta. In quel periodo la città era cupa, grigia. Ci andavo spesso come inviato del Corriere della Sera e dopo cena, se provavo a fare un giro, in centro acceleravo il passo per rientrare al più presto in albergo, visto il clima spettrale. Oggi perfino il quartiere dove ho abitato fino al mese scorso - San Salvario, un tempo una specie di Bronx - è diventato il regno della movida: locali aperti fino a tarda sera, ristoranti, bistrot. La metropolitana è magnifica. Gli affitti costano la metà di Milano. La domenica il centro è invaso da turisti. Il museo del cinema, il museo egizio e la reggia di Venaria hanno prenotazioni fino alla prossima estate; ci sono mostre fiere e festival.
Tutto questo vuol forse dire che la Fiat non era importante per l'economia torinese? Al contrario: la Fiat è stata importantissima e vitale; ha fatto molto per la città, più di quanto si sappia. Ma a un certo punto ha dovuto internazionalizzarsi, cambiare strategie. E la storia è andata avanti in senso positivo: sia per la Fiat, sia per la città. Come hanno fatto, i torinesi, a reinventarsi? Primo: hanno saputo cogliere le occasioni, a partire dalle Olimpiadi invernali del 2006. Secondo: hanno messo da parte certe anticaglie ideologiche contro il progresso; è grazie all'alta velocità, ad esempio, se oggi tanti romani vanno a Torino in quattro ore (non s'era mai visto, prima, un romano turista a Torino). Terzo: hanno riconosciuto le proprie risorse e le proprie ricchezze, facendole fruttare. Quarto: hanno fatto squadra.
Ora, se da Torino ho accettato di venire a Parma, è perché preferisco vivere a Parma che a Torino. Ovvio. Credo in questa città. La trovo magnifica, mi piace la sua gente. Per questo soffro nel sentire commenti rassegnati al declino. Qua c'è tutto: storia, bellezze artistiche e naturali, musica, un'impareggiabile cucina, grandi industrie anche di livello internazionale. Dobbiamo lavorare tutti insieme per valorizzare queste risorse, per attirare investimenti e turismo. Direi che dobbiamo perfino essere più sfacciati, nel senso quasi di ostentare le nostre bellezze. Perdonatemi quel «nostre»: ma mi sento già uno di casa.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    30 Novembre @ 03.07

    la rivolta di atlante

    PER VOLARE CI VOGLIONO LE ALI E NON SEMBRA CHE LA PESANTE E QUOTIDIANA ZAVORRA ECONOMICA E BUROCRATICA PERMETTA AI POCHI UCCELLI-IMPRENDITORI DI DECOLLARE , ANZI DIREI CHE LA STAGIONE DI CACCIA E' APERTA TUTTO L'ANNO E CHI HA ANCORA UNO SPIRITO LIBERO E COMBATTIVO E' SOTTO FUOCO COSTANTE. SINCERAMENTE VEDO MOLTI DANZARE INTORNO AL FALO' DELLE ULTIME RISORSE. DOPO 7 ANNI DI VACCHE MAGRE LA SENSAZIONE GENERALE E' DI STANCHEZZA E IL GRIDO DI BATTAGLIA DI UNA CLASSE MEDIA LAVORATIVA E' UN " SI SALVI CHI PUO' " .

    Rispondi

  • Maurizio

    29 Novembre @ 21.35

    Belle le parole del direttore ma io penso che come dimostrano alcuni commenti sotto non verranno capite ne colte da parte di nessuno, non è un problema di parma e di sindaco, è un problema italiano e parma non ne è immune, quà ci sono troppe bandiere, se si perde si lavora non per costruire ma per distruggere perchè sono io che devo andare al potere e costruire, sono così i politici e siamo così noi cittadini. L'Italiano medio è quello che, per fare un esempio di poche settimane fa nel campo sportivo, si indigna (lasciamo perdere gli insulti) con un suo connazionale perchè non si è fatto da parte lasciando passare valentino rossi e poi se la prende con un pilota perchè agevola un connazionale portandolo a vincere il titolo mondiale. Questo esempio dimostra com'è l'italiano medio, a seconda degli attori si ci comporta bene o male, chissenefrega poi se parliamo di sporitivtà e tutto il resto, basta che non tocchino me e non mi disturbino nel raggiungere il mio obiettivo

    Rispondi

    • la rivolta di atlante

      01 Dicembre @ 00.49

      la rivolta di atlante

      SCUSA , MA FORSE HAI PERSO UN PAIO DI GIRI DEL GP PRECEDENTE .... UN PILOTA (VR) PRESO A CASCATE DA UN RIVALE (MM) COSA DEVE FARE ??? E' CHIARO DEVE PARTIRE DALL'ULTIMA FILA !!!! IO GLI AVREI DATO - SALOMONICAMENTE - 100 METRI DI VANTAGGIO .... ALTROCHE' ...!!

      Rispondi

  • Fede

    29 Novembre @ 17.22

    Tranquillo Direttore, una volta archiviato l'enorme errore a 5 stelle Parma tornera' a volare, piu' di prima e con tutta la serieta' e la voglia di lavorare che ci ha sempre contraddistinto.

    Rispondi

    • leoprimo

      29 Novembre @ 19.35

      Verissimo voleremo fra i debiti lasciati dal centro destra e nell'immobilismo paludoso della sinistra. Per tornare a volare si dovrebbe tornare all'epoca del Sindaco Grossi ma ahimè erano altri tempi. Inutile accusare che ci sta governando hanno sicuramente commesso degli errori ma mai quanto chi li ha preceduti:sindaci di destra e presidenti della Provincia di sinistra.

      Rispondi

  • GioNoxe

    29 Novembre @ 17.08

    jovisglans@outlook.com

    Sono parole giuste, corrette molto razionali... dobbiamo credere in noi stessi e nella nostra città!

    Rispondi

  • Jack

    29 Novembre @ 15.16

    Veramente ottima analisi. Concordo al 100%.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Nada con A toys orchestra

musica

Nada a Parma con A toys orchestra

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

2commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

18commenti

METEO

Arriva una nuova ondata di caldo africano

Già finita tregua, da mercoledì temperature tornano sopra media

1commento

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

usa

Scontro fra treni a Filadelfia, 33 feriti

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti