11°

17°

oltretorrente

Maxirissa in via Imbriani: nasce un caso politico

Maxirissa in via Imbriani: nasce un caso politico
Ricevi gratis le news
25

(g.b.) - Prima la cronaca, ora la politica. Che, a onor del vero, negli ultimi decenni non ha mai tributato troppo spazio a questi problemi se non a caldo su singoli episodi. Ma la maxirissa di via Imbriani, e forse anche il concomitante effetto di vicende più lontane (vedi Colonia, fatte ovviamente le debite proporzioni), sembra la classica goccia che fa traboccare il vaso dell'attesa: la politica cittadina si scuote e mette la questione quartieri/ordine pubblico/integrazione al primo posto.

Ci sono tanti rischi in un dibattito come questo: da una parte le possibili derive xenofobe (con generalizzazioni su un fenomeno che è fatto prima di tutto da migliaia di immigrati che a Parma lavorano seriamente e si sono integrati), dall'altra quello che viene sprezzantemente etichettato come "buonismo" ma che al di là delle terminologie si è a volte tradotto in una sottovalutazione concreta di problemi e delle paure, che non nascono solo dalle esagerazioni della politica - o di noi giornalisti - ma da un vissuto quotidiano che in  certe zone non è certo più quello cui siamo stati abituati per decenni.

Noi, come sempre, lasciamo innanzitutto la parola ai lettori nellko spazio commenti sotto questo articolo. E poi vi proponiamo gli interventi di queste ore da parte di partiti ed esponenti politici.

Roberto Ghiretti attacca Casa - Ho volutamente atteso qualche giorno per intervenire sui fatti di via Imbriani per evitare, se possibile, quell'enfasi retorica che spesso accompagna questi accadimenti, trasformandoli in simboli dei quali si parla per qualche giorno con grande concitazione, salvo poi dimenticarli quando l'onda emotiva inevitabilmente scema.
Via Imbriani non è purtroppo un fatto isolato nella nostra città: analoghe condizioni vengono vissute quotidianamente - e sottolineo quotidianamente! - dai residenti di molti altri quartieri cittadini. I primi a venirmi in mente sono il San Leonardo, il Pablo, il San Lazzaro, ma non vi è zona della città che non abbia i suoi problemi in ordine alla sicurezza.
Parma Unita oggi è una forza di opposizione, non abbiamo in mano le leve per poter intervenire da un punto di vista istituzionale su questi problemi, eppure in questi anni abbiamo promosso incontri nei quartieri e fiaccolate molto partecipate. In una parola abbiamo fatto sentire la nostra presenza a fianco dei cittadini, ascoltandoli e facendo le nostre proposte, perché siamo convinti che fare politica sia questo, agire e non chiacchierare.
La vocazione di chi fa politica, anche se per passione e gratuitamente, non può d'altronde che essere quella di immaginare una società migliore di quella che ha trovato, e non di prendere atto dei problemi, lamentandosi di questa o quella circostanza sfavorevole. Per questo nella conferenza stampa di Natale i cronisti mi hanno visto trattare dei temi che oggi tornano puntualmente. E' quindi con ancora maggiore vigore che daremo seguito agli incontri preannunciati nei quartieri sul tema sicurezza (e non solo), volendo essere chiari fin da ora, però: da noi nessuno troverà mai sponda per soluzioni becere e inconcludenti, perché per quelle ci sono altri partiti, che non potremo mai battere in xenofobia. Con i cittadini, che finora hanno avuto la bontà di affiancarci copiosi, parleremo francamente e apertamente del tema, individuando soluzioni inclusive e efficaci, che più di ogni altra cosa si pongano l'obiettivo di risolvere il problema. Lo faremo assieme, perché noi tutti assieme siamo Parma. Ho parlato volutamente di “risolvere il problema”, perché a mio parere è questo il nocciolo della questione: realizzare una città più sicura, più inclusiva, capace di isolare i comportamenti devianti senza per questo perdere la propria umanità. Una città dove rispetto delle regole sia la norma e non l'eccezione.
Oggi purtroppo nessuna forza politica si sta chiedendo dove stiamo andando, quali risultati portare a casa, quali azioni possano garantire maggiore sicurezza per i nostri commercianti, i nostri concittadini.
Via Imbriani ci racconta più la solitudine dei parmigiani che la loro insicurezza reale. Vorrei essere anche qui molto chiaro: il responsabile ha un nome e un cognome, ed è l'assessore Cristiano Casa.
Lo è in quanto responsabile delle politiche per la sicurezza del Comune di Parma, lo è perché nel corso del suo mandato la città è scivolata al 96° posto in Italia per sicurezza, lo è perché utilizza la Polizia Municipale essenzialmente per multare chi parcheggia male o per terrorizzare i commercianti del centro con controlli continui e futili. Il tutto per fare cassa.
Non è la nostra città, caro Assessore, questa Parma, abbiamo ben altre tradizioni e ben altri livelli di civiltà. Provveda a fare meno brindisi, meno inaugurazioni, meno fotografie e più incontri con i cittadini reali di Parma. Ne va della tenuta sociale di tutta la collettività, le sia chiaro.
Parma Unita rinnoverà l'incontro dei cittadini a breve, ripetendo il fortunato ciclo degli anni passati e sperando in uguale, e perché no anche maggiore, partecipazione. Il nostro posto è tra i parmigiani, da sempre. E con loro sceglieremo le soluzioni che affrontino e risolvano i problemi.

Roberto Ghiretti - Parma Unita

Il Pd chiede più controlli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    12 Gennaio @ 09.05

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    Nasce un caso politico? Siamo a posto, il problema non verrà mai risolto

    Rispondi

  • Gio

    07 Gennaio @ 23.14

    Giorgio R.

    Fra una scusa e l'altra ci hanno riempito di esuberi di persone per far guadagnare certe onlus e coop e credono di poterci abituare allo SCHIFO tra spaccio, risse rapine varie BASTA! Il sistema integrazione ha fallito e dove è andato bene ci è comunque costato euro su euro. LA MALAVITA VINCE e l'onesto che paga le tasse soccombe ! Paga le tasse anche per dare soldi all'Europa che poi li gira ai soliti che guadagnano da certe situazioni più il nostro Viminale (sempre soldi nostri) che elargisce 300 euro al mese a chi li prende in casa.....naturalmente i più sono accolti da coop e onlus che simulano situazioni per prendere soldi.

    Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    07 Gennaio @ 22.56

    Per una volta, non credo sia giusto addossare a questa giunta (come a nessun'altra) la responsabilità di una situazione oggettivamente fuori controllo. Un sindaco come Giuliani ha funzionato a New York perché le leggi gli consentivano interventi forti. Il problema è a livello nazionale per quanto riguarda garantismo, impunità e certezza della pena, ma anche a livello europeo per il controllo dell'immigrazione: i fatti di Colonia dimostrano che, anche in uno stato molto più Stato del nostro, un'amministrazione locale può fare ben poco.

    Rispondi

  • xxl

    07 Gennaio @ 21.38

    nilus75

    Gli immigrati vanno scelti, l'immigrazione va controllata, regolamentata e programmata. Col Pd al governo entrano cani e porci e il risultato si vede. Ora continuiamo pure a dare la caccia alle possibili derive xenofobe, nel frattempo ben peggio sta crescendo nel cuore dell'europa.

    Rispondi

  • Paul

    07 Gennaio @ 21.04

    Paul 07 Gennaio @ 14.39 Tra poco ci sara' un'altra via Imbriani o piazzale della pace ecc ecc ecc ! Sara' borgo Romagnosi poi via Mazzini ( le gallerie sono gia' "ben predisposte da tempo".) e poi via via tutta la citta

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

1commento

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va