12°

19°

Regione

A Parma i rifiuti di Reggio. Il Pd: "Tariffe più basse del 10%

Il nuovo piano: tariffazione puntuale e utilizzo ottimale degli impianti esistenti

La Regione ha firmato: i rifiuti di Reggio a Parma
Ricevi gratis le news
43

L'8 gennaio, avevamo annunciato. E l'8 gennaio è stato: la Giunta Bonaccini ha approvato la delibera flussi, ossia il documento legato al nuovo piano regionale dei rifiuti che - per Parma - prevede l'arrivo dei rifiuti solidi urbani di Reggio Emilia all'inceneritore di Ugozzolo. Debutta così nel campo ambientale l'area vasta che vorrebbe accomunate Parma, Piacenza e Reggio Emilia.

Ieri sera si è svolta una riunione tra i rappresentati del Pd di Parma, di Reggio Emilia e l'assessora regionale Paola Gazzolo, in cui Gazzolo ha dato tassative garanzie che la quantità di rifiuti inceneriti al Paip resterà congelata alle attuali 130 mila tonnellate e si è data l'indicazione che i costi di smaltimento siano uguali per Parma e Reggio. Un tema di rilievo, quest'ultimo. E soprattutto una questione di principio per Parma, che oggi paga 154 euro a tonnellata di rifiuti smaltiti a fronte dei 118 di Reggio Emilia per ogni tonnellata di rifiuti portata in discarica.

Con l'arrivo dei rifiuti solidi urbani di Reggio, l'inceneritore parmigiano smaltirà invece meno rifiuti speciali, che potevano essere conferiti anche da altre regioni e che rendevano economicamente meno al gestore, allungando anche i tempi di ammortamento dei costi dell'impianto. 


Dall'Olio (Pd): "Per Parma tariffe più basse del 10% nel 2016" 
(comunicato stampa del Pd di Parma) “Il territorio è salvaguardato, il conferimento verrà pagato e quindi si avrà un risparmio in bolletta; questo importante risultato ci fa dire è una vittoria per i cittadini e che il Pd unito ha tenuto la barra ferma, dimostrando di essere la vera forza di governo a Parma, anche alla luce del rapporto intrattenuto in questi ultimi mesi con la Regione e con le province limitrofe. Se infatti ci fosse stato un appiattimento sulle posizioni assunte dai 5 Stelle, ora ci troveremmo non con una provincia in emergenza, quella di Reggio Emilia, ma con due”. È questo il commento del segretario provinciale del Pd Gianpaolo Serpagli dopo l’approvazione del Piano regionale per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti che supera i vigenti piani provinciali, individuando un unico ambito regionale per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Il Piano conferma per il termovalorizzatore di Parma un tetto massimo di utilizzo di 130.000 tonnellate in linea con l'attuale autorizzazione e con i quantitativi di rifiuti conferiti in questi due anni di esercizio. Nell'ottica della reciprocità territoriale e di una gestione integrata di area vasta, il Piano prevede il conferimento al termovalorizzatore di Parma anche di rifiuti solidi urbani provenienti da Reggio Emilia in sostituzione dei rifiuti speciali attualmente trattati, che ammontano a circa 60.000 tonnellate. “La scelta responsabile di realizzare il termovalorizzatore ha consentito di rendere autonomo il territorio di Parma sul piano dello smaltimento dopo anni in cui si sono smaltiti i rifiuti in discariche ed inceneritori di altre province, a cominciare da quella di Reggio. Ora sarà Parma a contraccambiare ricevendo parte dei rifiuti prodotti da Reggio Emilia che ha chiuso il proprio inceneritore nel 2012 senza disporre di adeguate alternative di trattamento, forse condizionata dal vento politico del momento. Se questo non è accaduto e se Parma può vantare i migliori risultati in Regione e vederli finalmente premiati con una riduzione della tariffa di smaltimento dei rifiuti, è perché le amministrazioni Pd, a cominciare da quella provinciale, hanno scelto il campo della responsabilità, a rischio anche di perdere consenso, invece di cavalcare le paure e le facili, quanto inattuabili, promesse”.
“Il conferimento di rifiuti urbani da Reggio-Emilia non comporterà variazioni delle emissioni e dei quantitativi trattati, ma porterà significativi benefici sul fronte tariffario – è l’intervento del Capogruppo in Consiglio comunale Nicola Dall’Olio - Si prevede infatti, già dal 2016, una tariffa unica di smaltimento con una riduzione dell'ordine del 10% dovuta alla compartecipazione della parte reggiana alla spese di ammortamento dell'impianto. Per ogni tonnellata di rifiuto conferito è inoltre previsto il pagamento di un'indennità di disagio ambientale di 11 euro che andrà a beneficio del Comune di Parma e di quelli limitrofi. A questi benefici tariffari si potranno aggiungere le risorse del Fondo d'ambito di incentivazione previsto dalla Legge regionale sui rifiuti. Noi chiediamo al Comune che il ristoro ambientale venga messo a vantaggio dei cittadini riducendo la TARI, e non in opere preelettorali”.
Il Piano approvato dalla Regione si pone l'obiettivo al 2020 di dismettere due termovalorizzatori e di chiudere le discariche attraverso la riduzione del 20% della produzione procapite di rifiuti e il conseguimento del 73% di raccolta differenziata. “Condividiamo la delibera regionale che va nella direzione di uniformare gli ambiti territoriali – è la dichiarazione del Consigliere regionale Pd Alessandro Cardinali – In questo modo le spese di smaltimento saranno uguali per tutti i territori e si avrà un’agevolazione per i cittadini di Parma e provincia”. Sullo stesso tono il giudizio della Consigliera regionale Pd Barbara Lori. “Il confronto che la Regione ha messo in atto a tutti i livelli amministrativi a partire dai territori ci consente di mantenere l’impegno rispetto alla quantità di rifiuti destinati al termovalorizzatore e di promuovere un utilizzo dell’impianto dove i rifiuti speciali, le cui caratteristiche sono più difficilmente controllabili, assumono un ruolo che tende ad azzerarsi”. "La Regione Emilia-Romagna si conferma prima nelle scelte in materia rifiuti per innovazione e programmazione – conclude il Consigliere regionale Pd Massimo Iotti - La strada individuata permette davvero, e non a parole, di chiudere inceneritori e discariche. La definizione di un ambito di gestione sui rifiuti Parma-Reggio Emilia-Piacenza è il primo passo verso l'Area Vasta Emilia. In questo momento a Parma c'e chi guarda avanti per superare i problemi e chi non muove un dito e si limita alle polemiche. I Consiglieri Pd di Parma dimostrano di lavorare in positivo nell'interesse di Parma e provincia". 

E a Piacenza dicono no allo scambio di rifiuti con Parma

Parma-Reggio: la battaglia dei costi di smaltimento

Il piano della Regione

"Riciclare entro il 2020 almeno il 70% di carta, metalli, plastica, legno, vetro e organico e ridurre al 5% lo smaltimento a partire dal conferimento in discarica. Questi, in sintesi, gli obiettivi che la Regione si dà con il nuovo Piano per la gestione dei rifiuti. Obiettivi ambiziosi se confrontati con quelli indicati dall’Europa, di gran lunga inferiori: 60% di raccolta differenziata al 2025 (65% al 2030) e, per quanto riguarda lo smaltimento e il conferimento in discarica, il 10% entro il 2030. Da sottolineare come oggi questa percentuale in Italia sia prossima al 40%. Un nuovo approccio, dunque, nella gestione dei rifiuti, per produrne di meno, per differenziare e riciclare di più, e per consegnare alle generazioni future un territorio più pulito, sano e stabile dal punto di vista economico.
“Come avevamo promesso – ha ricordato il presidente Bonaccini – , dopo aver legiferato per primi in Italia in tema di economia circolare, con la legge regionale 16/2015, oggi in Giunta abbiamo approvato il Piano per la gestione dei rifiuti, che verrà messo alla discussione e all’approvazione dell’Assemblea legislativa nei tempi prestabiliti, e cioè entro la primavera. E’ un risultato che ci colloca tra le realtà più avanzate in Europa”.
“Il Piano, che intende uniformare e integrare principi e azioni che dovranno essere realizzati sull’intero territorio dell’Emilia-Romagna, garantirà una gestione più innovativa e razionale, volta a ottimizzare l’uso dell’impiantistica esistente su scala regionale e a porre le basi per una tariffa unica di smaltimento – sottolinea l’assessore all’Ambiente Paola Gazzolo – . Tutto ciò avrà anche ripercussioni importanti e positive in termini di risparmi per i cittadini, che vedranno a regime una riduzione delle proprie bollette”.
Il Piano delinea un modello di gestione che si fonda su prevenzione, preparazione per il riutilizzo, riciclaggio, recupero di energia e, infine, smaltimento in linea con la cosiddetta “gerarchia dei rifiuti” europea. L’attenzione si sposta quindi sulla parte a monte della filiera del rifiuto e non più su quella terminale coincidente con lo smaltimento, affrontando i temi della riduzione del rifiuto, della raccolta e dell’industrializzazione del riciclo. Quest’ultimo aspetto sarà affrontato anche attraverso la promozione di Accordi volontari che consentiranno la valorizzazione delle frazioni di rifiuti differenziati nell’ambito di cicli produttivi locali, favorendo quindi la crescita e lo sviluppo delle aziende locali operanti nel settore della Green Economy.
Già promosso a pieni voti dall’Europa, il Piano stabilisce un nuovo approccio nella gestione dei rifiuti, in continuità con quanto previsto nella legge regionale 16/2015. Uno strumento operativo per arrivare entro il 2020 al raggiungimento degli obiettivi già citati, a cui si aggiungono la riduzione della produzione pro-capite di rifiuti compresa tra il 20% e il 25%, il 73% di raccolta differenziata e l’autosufficienza per lo smaltimento nell’ambito regionale, mediante l’utilizzo ottimale degli impianti esistenti. Il Piano assegna alla “tariffa puntuale” un ruolo determinante per il raggiungimento degli obiettivi: il principio è “paghi quanto butti”, che punta a premiare i comportamenti virtuosi.
Le azioni concrete che consentiranno di raggiungere gli obiettivi del Piano sono quindi la tariffazione puntuale, gli Accordi di filiera previsti e in parte già sottoscritti, il fondo incentivante previsto dalla legge regionale 16/2015. A ciò si aggiungono le azioni specifiche sul Comune di Bologna e la Provincia di Reggio Emilia, già co-finanziate dalla Regione attraverso il Piano di azione ambientale. Sono previsti solo tre impianti di discarica in Emilia-Romagna, in via prioritaria per i rifiuti speciali, e la cessazione dei conferimenti di rifiuti urbani indifferenziati in due degli otto impianti di incenerimento."

Rainieri alla Regione: "Stop alle disuguaglianze nei costi di smaltimento

“Rimuovere la disuguaglianza nei costi di smaltimento ormai senza più giustificazione e per questo concentrare tutte le azioni che produrranno recupero di risorse nella gestione del termovalorizzatore di Parma, per far ridurre le tariffe rifiuti ai cittadini di Parme e provincia”.

Questa la richiesta avanzata alla Regione Emilia Romagna da Fabio Rainieri, consigliere del Carroccio e vicepresidente dell’assemblea regionale.
Con un’interrogazione a risposta scritta, Rainieri punta l’accento sul sistema di smaltimento rifiuti alla luce del nuovo piano regionale e chiede che i cittadini di Parma paghino “finalmente il giusto per il servizio senza più inutili e ingiustificati aggravi”.
“La giunta regionale – spiega Rainieri - prevede nel Piano Regionale di Smaltimento Rifiuti che i rifiuti solidi urbani della Provincia di Reggio Emilia siano bruciati nel termovalorizzatore di Ugozzolo a Parma. A tal proposito sottolineo la grande disuguaglianza nei costi di smaltimento dei rifiuti tra Parma e Reggio Emilia, in quanto nella prima si pagano 154 € a tonnellata (la più alta in Emilia-Romagna) e nella seconda 118 €. Una differenza di costi che ricadono sulle bollette dei cittadini utenti che in passato è stata ufficialmente giustificata, da Enìa (poi trasformatasi in Iren), Comune e Provincia di Parma, con le spese aggiuntive che Parma doveva affrontare per le spese di trasporto necessarie per smaltire i rifiuti fuori provincia e, nello specifico, nell’inceneritore ora chiuso di Novellara in provincia di Reggio Emilia”.
“Ma ora è del tutto evidente che queste spese non esistono più in quanto da ormai due anni Parma smaltisce totalmente in un impianto sul proprio territorio, per cui tutte le istituzioni in campo e non solo Atersir che si occupa specificamente delle tariffe rifiuti, dovrebbero impegnarsi a risolverla facendo ridurre i costi superiori che si devono sobbarcare i cittadini di Parma e provincia”.
“Così, mentre il Comune di Parma dorme, Iren continua a fare pagare ai cittadini di Parma costi aggiuntivi poco chiari. Per questo alla giunta regionale chiedo di rimuovere questa diseguaglianza di costi di smaltimento rifiuti facendo finalmente pagare a Parma il giusto e di chiarire come giustifica sia dal punto di vista del rispetto dell’autonomia decisionale dei territori in materia ambientale, sia di quello di stretta legittimità, che il proprio indirizzo di far smaltire i rifiuti di Reggio Emilia nel termovalorizzatore di Parma sia in contrasto sia con le richieste delle istituzioni del territorio, sia con la prescrizione autorizzatoria dello stesso impianto per cui non vi possono essere conferiti rifiuti di provenienza extra provinciale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fortunato

    09 Gennaio @ 17.27

    grazie sindaco e grazie anche al PD...... Vergognatevi !!!!!

    Rispondi

  • Ivo

    09 Gennaio @ 15.40

    @Michele . Che Pizzarotti e giunta non hanno rispettato il programma con i " cittadini" te ne do atto ! Di fatti, è stato allontanato da Grillo e il movimento 5 stelle , per la non coerenza nei confronti dei cittadini ( fondamentale per lo statuto 5 stelle, ma non ancora logico per tanti ..altri partiti ) poi , anch io non sarei tanto d accordo con i 5 stelle, e do ragione al sindaco, un po' per inesperienza ( ci sta tra giornaliere magagne itaGLiane) , perché prima di dire chiudiamo L inceneritore avrebbero dovuto LEGGERE IL CONTRATTO ( ricordo voluto fortemente dal pd ) c erano clausole, che contrattualmente ( furbi PD E LOBBY) avrebbero fatto lievitare la non costruzione , di non ricordo quante migliaia di euro ! È qui sei tra L incudine ed il martello.Se non lo si costruiva, non immagino cosa sarebbe accaduto, ( ricordo partendo già da 850 milioni di € di debiti lasciati dalle precedenti amministrazioni ) se ovviamente ( per me) si andava avanti, son fatti odierni.

    Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      09 Gennaio @ 18.09

      I debiti erano 851 milioni, anzi no, 900, o forse 1.000?! Boh, spariamo pure cifre a caso, tanto nessuno le ha mai certificate...

      Rispondi

  • Stefania

    09 Gennaio @ 13.55

    Grandissimo successo del Pd. Bernazzoli in campagna elettorale andava cianciando che grazie all'inceneritore Parma avrebbe avuto una tariffa di smaltimento adeguata a quella delle altre città con il i forni in funzione (circa € 100/t), Ora con l'inceneritore in funzione, Parma paga una tariffa superiore al 50% rispetto a quanto promesso (dal Pd) e Reggio che prima pagava € 118/t per smaltire i rifiuti in discarica, si troverà una tariffa aumentata del 30% per bruciare i rifiuti a Parma. Presi 2 piccioni con una fava. Gli speculatori amici del Gruppo Iren sentitamente ringraziano.

    Rispondi

  • Asterix

    09 Gennaio @ 12.36

    vedrete che il PD risolverà la questione, hanno fatto una campagna elettorale dicendo che serviva solo la provincia di Parma impossibile che pareggino il probabile futuro candidato sindaco (sempre se Rutigliano permette) a Pizzarotti che voleva chiuderlo. Povero Dall'Olio volete che lo seghino un'altra volta, impossibile. Iotti lo hanno mandato in regione come premio, volete dire che ha fatto lo scherzone al povero Dall'Olio ... Ahhhhh ....

    Rispondi

  • Vercingetorige

    09 Gennaio @ 11.33

    AVREI LETTO VOLENTIERI l' articolo della dolcissima Chiara , ma, purtroppo , quando ho letto "assessora", mi son venuti su gli anolini di Natale. Per me la "ministra" è quella di verdira !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

AVEVA SOLO 48 ANNI

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa

Calcio

Parma, tre punti d'oro

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

polizia

Furgone in sosta in centro per la consegna, spariscono dei vestiti

1commento

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

PARMA

Ruba 3mila euro: donna delle pulizie incastrata dalle telecamere Video

Lunedì

A1, chiusura casello di Parma in entrata per MI e uscita per BO 4 notti Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

1commento

SPORT

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

RUGBY

Zebre, crollo nella ripresa: avanti 30-7 perdono 38-33

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va