19°

polemica

Seggi comprati? Bufera tra M5S e Pd

Elezioni 2014
Ricevi gratis le news
23

Quanto costa un seggio Pd a Parma? Se lo chiede il gruppo di maggioranza M5s facendo seguito alla vicenda Mineo e tirando in causa i tre parlamentari parmigiani: Pagliari, Maestri e Romanini. Affermazioni gravi, contenute in una nota inviata alle redazioni, a cui risponde, in una nota, il Pd di Parma con parole dure.

Il "caso Mineo" e le accuse dei M5S parmigiani

"Corradino Mineo, ex senatore PD, ha pubblicamente denunciato che, "per essere stato inserito in posizione utile in lista" (capolista in Sicilia) alle elezioni politiche del 2013, gli è stato richiesto con lettera formale dal tesoriere PD un contributo "una tantum" di 25.000 Euro - scrivono - . Soldi che Mineo si è rifiutato di pagare anche perché già versava, come altri parlamentari, 1500 euro al mese "per le spese del partito". "Una richiesta oscena" - ha protestato - "Chiedetemi un contributo se necessario ma non fatemi passare per uno che ha comprato il seggio". Il Fatto Quotidiano ha infatti parlato di vera e propria compravendita dei seggi, ma l'ex tesoriere PD Antonio Misiani parla di notizie destituite di fondamento: "É stato solo chiesto ai candidati di dare una mano". In effetti, parlando in termini commerciali, non si è trattato di una vera "prevendita" ma di una formula del tipo "prendi oggi" (il seggio) e, se soddisfatto (eletto) paghi dopo, anche con comode rate. Naturalmente il prezzo non era uguale per tutti: più elevato in platea per chi era in "posizione utile", a cominciare dai capilista ad elezione sicura, e via via scendendo, in galleria, fino ai prezzi stracciati per chi era collocato nel loggione del porcellum".

E allora ecco la riflessione "parmigiana" dei 5 Stelle: "Mineo racconta della Sicilia: ma da noi com'è andata? Ebbene, coi dati forniti da Mineo siamo in grado di stimare, ipotizzando un sistema uniforme a livello nazionale, quella che potrebbe essere stata la quotazione dei seggi dei parlamentari PD parmensi: Maestri, Pagliari e Romanini. Cominciamo per anzianità, dal Senato. Giorgio Pagliari, sesto in lista su 13 senatori eletti, dovrebbe essersi visto presentare un conto di circa 13-15000 Euro - si fanno i conti nel comunicato -. Di primo acchito sembrano un tot, ma un principe del foro come lui con un paio di cause di quelle buone se la cava. Più ardua la posizione di Patrizia Maestri: ottava in lista su 28 eletti, la sua quotazione si situa nel terzo superiore della gamma: sempre calcolando 25000 Euro il "dazio" per Franceschini capolista (non sappiamo se in qualità di Ministro abbia dovuto pagare un extra) la Maestri dovrebbe aver ricevuto una "nota pro-forma" di non meno di 15000 Euro, che per una sindacalista (mestiere ante parlamento) non sono pochi....ma in una legislatura, risparmiando qua e là, ce la si può fare. Il più fortunato, dal punto di vista economico, potrebbe essere stato Giuseppe Romanini: primo dei non eletti è entrato alla Camera nel 2014 al posto della Kyenge, mandata a Bruxelles a furor di popolo. Se, come si vocifera, la "tariffa" era già stata pagata dall'ex Ministra, Romanini si è visto recapitare gratis un biglietto last minute, una sorta di gratta e vinci "turista per sempre".
Questa però è ormai acqua passata: pare che nel PD - accusano i "grillini" -siano già aperte le contrattazioni per fissare le quote per i seggi alle amministrative, che rispetto alle previsioni dovrebbero lievitare leggermente: ci sono infatti da recuperare gli euro investiti a Napoli per trombare Bassolino". E non dovrebbero tardare le repliche. 

La replica del Pd: "Parole ignobili, non accettiamo lezioni di democrazia"

“Le frasi scritte dai rappresentanti del M5S sono talmente ignobili che non meriterebbero nemmeno una risposta, ma ci pare importante chiarire una cosa nei confronti dei cittadini: ogni singola azione nel Pd viene fatta alla luce del sole e nel pieno rispetto delle regole nazionali e regionali, non c'è nessuno scoop riguardo al contributo volontario chiesto agli eletti che non ha alcun collegamento con la scelta dei candidati ma serve a finanziare le attività del partito”. Usa queste parole il segretario provinciale del Partito democratico Gianpaolo Serpagli per commentare l'attacco del Movimento cinque stelle di Parma riguardo ai fondi che ogni rappresentante eletto versa volontariamente per le spese del partito. “Il sostegno economico dei parlamentari al Partito Democratico, che è un partito vero, fatto di cittadini, di circoli nei comuni e nei quartieri, appartiene ad una storia e ad una tradizione democratica comune ai grandi partiti popolari che i 5stelle non possono capire”.

I tre parlamentari parmigiani stanno valutando se adire a vie legali contro quanto detto dai rappresentanti Cinque stelle, mentre per quanto riguarda come sono state individuate le candidature, Serpagli, ci tiene a sottolineare alcuni numeri. “Nelle primarie del 30 dicembre 2013 hanno votato oltre 11mila persone in carne e ossa e sono state espresse più di 20mila preferenze in 73 seggi sparsi per tutta la provincia. Sulla base di questi numeri, e non di altro, i cittadini di Parma e provincia hanno deciso i candidati Pd al Parlamento: 5.622 preferenze sono andate a Patrizia Maestri, 4.529 a Giorgio Pagliari, 4.166 a Giuseppe Romanini, persone scelte in maniera democratica e trasparente, che stanno rappresentando Parma nel modo migliore”.

Il segretario, poi, rimanda al mittente le accuse di compravendita delle cariche. “Il Pd si è dato delle regole e le rispetta – dice - i nostri bilanci non solo sono pubblici ma anche certificati da un ente esterno, ci chiediamo come venga sostenuto il lavoro politico dei grillini e come possa parlare di democrazia il gruppo consigliare del M5S di Parma. Un movimento in cui l'ultimo consigliere entrato ha avuto il posto con ben 21 preferenze; dove chi non è d'accordo con la linea viene prima sbeffeggiato e poi espulso; dove le cose da fare vengono imposte al di fuori della città da capi e padroni. Da chi accetta e applica questo sistema non accettiamo lezioni di democrazia, il Partito democratico è un'altra cosa e continuerà ad esserlo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marco

    13 Marzo @ 23.22

    Le posizioni in lista dei parlamentari PD sono state decise dalle primarie, questo è un dato di fatto. Se persone delle istituzioni sanno di illeciti da parte di altre persone delle istituzioni hanno una sola strada da percorrere: la denuncia alla magistratura. Il dileggio, i sarcasmi, la mancanza di rispetto, il disprezzo che mostra il gruppo di maggioranza in consiglio comunale sa di miseria morale e umana. Io detesto la politica del PD, sia nell'azione di governo che nelle "riforme" istituzionali, ma in confronto a queste persone indecenti che cercano lo sfascio di tutto, si nutrono di odio e usano toni che di civile non hanno nulla non ci può essere alcun rapporto.

    Rispondi

    • Medioman

      14 Marzo @ 10.51

      E i candidati alle primarie, chi li decide? Io ricordo ancora le prime.... Prodi (appoggiato dalla "corazzata Potemkin") prese il 75 percento, ma lui "confessò" che puntava al 60 percento. Bertinotti (candidato della sinistra?) prese il 15 percento. Degli altri non ricordo nulla.... come nulla hanno lasciato alla storia del Paese. Come mai, i veri leader del partito non si candidarono?

      Rispondi

  • Gigi

    13 Marzo @ 22.26

    Sig Vercingetorige, a quali elezioni POLITICHE si riferisce? ...mi dia anche i dati delle elezioni del governo monti....oppure del governo letta...

    Rispondi

    • Vercingetorige

      14 Marzo @ 10.24

      ALLE ELEZIONI POLITICHE DEL 2013 . I dati che le ho riferito sono agli Atti Parlamentari , dove potrà facilmente trovarli. Per quanto riguarda i Presidenti del Consiglio Monti , Letta , Renzi , LEI DEVE RICORDARE CHE , IN ITALIA , FINO A QUESTO MOMENTO , NON C' E' L' ELEZIONE DIRETTA DEL CAPO DEL GOVERNO , CHE VIENE NOMINATO DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA , E NON C' E' NESSUN OBBLIGO DI FARE NUOVE ELEZIONI OGNI VOLTA CHE CAMBIA IL GOVERNO .L' essenziale è che abbia la fiducia del Parlamento. L' incarico viene generalmente dato ( anche se non è obbligatorio , perché il Presidente della Repubblica , in teoria , può nominare chi vuole ) , ad un personaggio indicato dal Partito di Maggioranza relativa , che , nel 2013 , è stato il PD ( sia pur di poco, e per questo , in Segreteria Nazionale , è saltato Bersani ) . La nomina dei Governi Monti , Letta , Renzi , hanno seguito questa prassi , e sono , pertanto , perfettamente legittimi ( poi , ovviamente , possono piacere o no , ma tant' è) .

      Rispondi

  • Vercingetorige

    13 Marzo @ 20.26

    E INVECE , SECONDO ME , GRILLO , TOMO TOMO , CACCHIO CACCHIO ( come diceva Totò ) , STA TIRANDO LA VOLATA A RENZI ! In Parlamento , nella votazione sulle Unioni Civili , avrebbe potuto far passare le adozioni , ma Alfano , col Nuovo Centro Destra , ha preannunciato voto favorevole alle Unioni Civili , ma contrario alle adozioni , di cui ha chiesto lo stralcio. Se le adozioni fossero passate col voto determinante dei "grillini" , la Maggioranza di Governo sarebbe andata a farsi benedire , ma Grillo ha salvato Renzi , ritirando i suoi voti all' ultimo momento. Poi la scelta dei candidati del "Movimento" alle prossime Amministrative. A Roma tutti si aspettavano la candidatura di Di Battista , o di De Vito , personaggi noti e stimati da molti , invece è stata scelta tal signora Virginia Raggi , che , con rispetto parlando , non conosce nessuno . Grosso regalo a Giachetti e Bertolaso . A Milano il "Popolo del WEB" ha scelto Patrizia Bedori , ma Casaleggio ha detto che non vale perché a lui non piace , e bisogna trovare qualcun altro .

    Rispondi

  • Giovanni

    13 Marzo @ 20.02

    La Magistratura dovrebbe: "Seguire il flusso del denaro" (Giovanni Falcone) Loro #PD partono in pompa magna con delle "Querele Intimidatorie" sapendo che la Magistratura ha pochi mezzi e risorse per indagare, seriamente e serenamente. Per quanto tempo andrà avanti ancora questa manfrina???

    Rispondi

  • gigiprimo

    13 Marzo @ 17.10

    vignolipierluigi@alice.it

    Ma mantenere l'apparato del parito, compresi i servizi auser, uisp, arci ecc. ecc. costa e molt. Per non parlare di coop, agenzie di viaggio e non ultimi immigrati. Certo, coloro che li votano, pensano che queste attività aiutino la società, ma questi servizi dovrebbero essere offerti dallo stato non dai partiti e con i nostri soldi

    Rispondi

    • Vercingetorige

      13 Marzo @ 19.45

      E con che soldi pensa che lo Stato eroghi i servizi che offre ?

      Rispondi

      • gigiprimo

        14 Marzo @ 15.18

        vignolipierluigi@alice.it

        ........ ma questi servizi dovrebbero essere offerti dallo stato, non dai partiti, con i nostri soldi. Va meglio, 'lesotutte'? un conto è dare soldi ad un partito per avere servizi che dovrebbe dare lo stato! ma in Italia non è così! e dopo parliamo di Roma ladrona!

        Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro