10°

Fuga

Mezzani: perchè quella foto andava mostrata

Mezzani: perchè quella foto andava mostrata
Ricevi gratis le news
22

 

(g.b.) - Era inevitabile che la notizia di una "evasione" dalla Rems di Mezzani (la struttura "protetta" che ha preso il posto dei vecchi OPG: ospedali psichiatrici giudiziari) suscitasse allarmi e discussioni. E che suscitassero discussioni anche la decisione - delle autorità - di non pubblicare la foto e la decisione - nostra - di farlo.

Ci sono stati interventi garbati e rispettabili, così come non sono mancate le "consuete" lezioni di giornalismo ed etica. Molto brevemente, per spiegarci con i lettori anche come autore del corsivo in prima pagina dei giorni scorsi:

1) La Gazzetta rispetta da sempre la privacy nei casi in cui essa è tutelata dalla legge o dal buon senso

2) Ci rendiamo tutti conto che stiamo parlando di una persona giudicata "malata", anche se le modalità della fuga, pare con complici, sembrano quanto meno giustificare qualche dubbio in proposito alla mancanza di lucidità

3) Però in questo caso (come del resto per Carretta, tanto per citare una vicenda nota a tutti) non sta vivendo una sua personale e privata vicenda, ma è reduce da un feroce e pubblico tentato omicidio.

4) Quindi, se una persona del genere ha lasciato la struttura che l'ospitava (e qui solo la burocrazia italiana può perdere tempo sull'utilizzo o meno della parola "evasione") è innanzitutto giusto che la popolazione lo sappia, ed è già gravissimo che questo sia avvenuto solo grazie al nostro giornale, e crediamo giusto anche derogare alla privacy - nel nome della tutela alla superiore esigenza della pubblica incolumità - per quanto riguarda la foto. 

5) Ci sta ovviamente qualunque opinione contraria. Se c'è un difetto che non abbiamo, è quello di essere inospitali nel nostro spazio commenti. Anche per chi ci critica duramente, non per chi si limita a pontificare od offendere.

Laura Frugoni (Gazzetta di Parma 10-4-2016)

«E' un cane sciolto: viaggia senza documenti, non ha nemmeno un cellulare...», borbotta chi adesso deve di fatto gestire questa nuova grana, che si dilata ogni giorno un po' di più: cercare l'evaso che non è un evaso. E nel caso scovasse Wajdi Axyi, cosa dovrà fare? Una cosa sola: rispedirlo nella Rems di Mezzani da cui è sparito a quanto pare senza grandi sforzi, nell'attesa che un giudice ripensi il suo destino. Lo stiamo cercando, ripetono i carabinieri ai cronisti che incalzano. Segnalazioni, avvistamenti: ne sono arrivati, ma ancora il mare sembra parecchio alto. Vale la pena rispolverare qualche distinguo. Axyi non è un latitante, ma «solo» destinatario di una misura di sicurezza (che non è una pena): uno status differente che si scopre avere il suo peso anche nell'attività investigativa di quanti ora hanno il compito di dargli la caccia. Ad esempio, non possono ricorrere alle intercettazioni telefoniche (ma qui sarebbero inutili se, come dicono, il fuggitivo non aveva il telefonino). Intanto, la vicenda giudiziaria di Axyi va sempre più a fuoco: arrestato nel luglio scorso a Piacenza per tentato omicidio, il tribunale piacentino ha emesso il suo verdetto il 27 febbraio scorso. Assolto perché «totalmente incapace di intendere e di volere al momento del fatto», dunque il carcere di Novate (in cui era rinchiuso dall'estate scorsa) non era più posto per lui; la sentenza dei tre giudici Ghitti, Borasi e Milani aveva disposto di collocarlo nella struttura di Mezzani, dove «in base ai suoi progressi il magistrato di sorveglianza avrà il compito se dimetterlo o meno da questa residenza». Era stato il suo difensore, l'avvocato Emanuele Solari del foro di Piacenza, a chiedere una perizia per il suo assistito. Perizia affidata dal tribunale allo psichiatra Filippo Lombardi, che al termine dei suoi test aveva stabilito: Wajdi era totalmente incapace di intendere e di volere al momento del fatto. A quel punto non era più imputabile e il processo non poteva che concludersi con un'assoluzione. «Il mio assistito è un soggetto bisognoso di cure - aveva commentato l'avvocato Solari al termine dell'udienza - presso il Rems sarà monitorato dai medici e sarà vagliata la sua pericolosità sociale, quando sarà ristabilito potrà lasciare questa struttura sanitaria». Non è andata così: il tunisino non ha quasi fatto in tempo ad arrivare a Mezzani che se l'era già data a gambe. La sua pericolosità sociale resta il nodo cruciale della questione: chi può dire cosa gli stia frullando per la testa adesso che è diventato per tutti una primula rossa, quanto e come sia pericoloso per sé e per gli altri? E posto che sia davvero un «pericolo pubblico», quali armi difensive abbiamo noi - cittadini qualunque - che domani potremmo trovarcelo sotto casa? Poche, per non dire nessuna: risposta fin troppo scontata. Intanto però possiamo vedere la sua faccia: quella della foto che abbiamo scelto di cercare e pubblicare (che risale al periodo in cui era stato arrestato), nonostante le forze dell'ordine anche ieri avessero risposto niet: la foto per ora non è divulgabile. Tornando a quello che aveva combinato a Piacenza, nella sala dei videopoker del Bar Sport di via Alberoni, locale storico che in città tutti conoscono. Le cronache locali avevano dato ampio spazio a quel fatto di «nera», anche perché certi contorni parevano abbastanza inquietanti. Soprattutto il movente dell'aggressione non veniva fuori bene, c'era più di una versione: in un primo momento si disse che Axji aveva aggredito il connazionale cinquantenne (entrambi frequentavano saltuariamente il bar per giocare alle macchinette) al culmine di una discussione in cui il più giovane accusava il cinquantenne di non seguire i dettami del Ramadam. Gli inquirenti appurarono poi che la miccia era ben diversa: un diverbio legato allo spaccio di droga. Il finale fu comunque certo fin da subito: Axji si avventò sul connazionale con un coltello da macellaio, la lama mancò la carotide di appena un centimetro. Poi la fuga, che durò poco: non più di un paio d'ore. I poliziotti catturarono l'aggressore in via Cavour mentre tentava di prendere il largo (aveva un borsone con soldi e vestiti), grazie alla fondamentale collaborazione di alcuni testimoni, anche loro stranieri, uno dei quali aveva rincorso a lungo l'accoltellatore. Bloccato il tunisino, era stato disposto il fermo e di qui il trasferimento nel carcere di Novate con l'accusa di tentato omicidio. In cella c'è rimasto più di sei mesi: poi il processo e il verdetto e infine l'approdo alla Rems di Mezzani, dove nessuno - né i medici, né gli altri ospiti della struttura psichiatrica - ha avuto il tempo di conoscerlo. Quando è scappato era appena arrivato. Sui dettagli della fuga non s'è saputo molto. Di certo ha aspettato che facesse buio: erano le 11 di sera. Eludendo la sorveglianza (affidata a una guardia giurata), è sgusciato in giardino, è riuscito chissà come a bucare la recinzione. Non ha dovuto segare sbarre, perché quello non è un carcere. Le sbarre non ci sono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marirhugo

    11 Aprile @ 22.06

    dopo di che , dopo aver letto questo, io concludo che la foto non dev essere mostrata, questo e' quello che penso io, La foto secondo me non andrebbe mostrata.

    Rispondi

  • Lorenzo

    11 Aprile @ 19.49

    Perchè è giusto così

    Rispondi

  • ANONIMUS

    11 Aprile @ 19.11

    Rimango dell idea che la foto possa essere utile perché nessuno mi garantisce che si sia veramente allontanato tanto potrebbe anche essere in qualche casa abbandonata con dei connazionali DIFFICILE MA NON IMPOSSIBILE. E sono convinto che non hanno detto niente subito perché speravano di beccarlo e non volevano fare sapere niente ai cittadini. Domanda ma non hanno neanche un antifurto perimetrale al Rems?

    Rispondi

  • Svegliati Parma

    11 Aprile @ 18.36

    Privacy: legge per la tutela dei bagoloni!!!

    Rispondi

    • Vercingetorige

      11 Aprile @ 20.08

      Ed uno degli argomenti preferiti di quelli che non l' hanno mai letta !

      Rispondi

  • Valerio

    11 Aprile @ 16.00

    raq.cantiere.hera@gmail.com

    Beh, conoscendo (poco) la legge italiana, ma grande esperto di "quello che in realta' succede" prevedo la comparsa del Wajdi Axyi con tanto di avvocati (e sindacati) con querela verso la Gazzetta di Parma per violazione della privacy e richiesta di danni morali e fisici. Il Wajdi Axyi andra' subito in tutti i Talk Show italiani e l'anno prossimo lo vedremo anche come "Famoso" a qualche reality... Gazzetta, preparati.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      11 Aprile @ 18.02

      LA "PRIVACY" NON COPRE , come molti erroneamente credono , tutte le notizie relative ad una persona , ma solo alcune , come , per esempio , quelle relative alle preferenze sessuali ed alle eventuali malattie. Non mi pare che la "Gazzetta" abbia violato queste norme , quindi , secondo me , può stare tranquilla.

      Rispondi

    • 11 Aprile @ 16.45

      REDAZIONE - Ne abbiamo viste tante, in effetti

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mail, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

10commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

1commento

nel pomeriggio

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

anteprima gazzetta

Inchiesta sulle nomine al Maggiore, il punto della situazione Video

ragazzola

Più controlli sul ponte Verdi, ma c'è chi chiede l'intervento della magistratura Video

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareporter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

orrore a BANGKOK

Italiano ucciso e bruciato in Thailandia, caccia alla ex e all'amante

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video