15°

29°

esperti

Gli scienziati: "Droghe 'leggere'? Effetti devastanti"

Gilberto Gerra

Gilberto Gerra

Ricevi gratis le news
23

Saranno «leggere», ma gli effetti possono essere devastanti. Dall’apatia totale nei confronti del mondo, a vere e proprie reazioni paranoidi. Dalla memoria ridotta a «colabrodo», all’alterazione di personalità, specialmente negli adolescenti. Ma – e non è un dettaglio – in alcuni individui può determinare l’insorgenza di psicopatologie che in caso contrario sarebbero rimaste sopite. Non parlano per slogan e nella loro carriera toccano con mano gli effetti delle cosiddette droghe leggere.

Tre voci, tre esperti a confronto che spazzano via dubbi e sfatano miti. «Durante l’assemblea generale a New York sul tema della droga è stato confermato che l’uso di cannabis, fuori dal contesto medico, è proibito dalla legislazione internazionale. Dunque qualunque Stato pensi di attuare sperimentazioni di tipo diverso viola le convenzioni internazionali. Non solo: l’Oms, giusto un mese fa, ha pubblicato un intero volume sui danni alla salute provocati cannabis fuori dal contesto terapeutico». È una premessa doverosa secondo Gilberto Gerra, direttore del Dipartimento di prevenzione contro la droga e il crimine dell’Onu, che, tra un volo e l’altro, trova il tempo di affrontare con noi un tema assai delicato. Ed è proprio Gerra a ribadire gli effetti di queste sostanze stupefacenti tutt’altro che innocue: «L’uso provoca una riduzione delle capacità cognitive e danni alla memoria, sia a breve che lungo termine. Avvengono poi sottili ma pesanti cambiamenti di personalità nel soggetto, di cui si accorgono soprattutto le persone più vicine. Ma nel tempo sono scientificamente provate vere e proprie alterazioni cerebrali». Ma c’è un altro aspetto particolarmente allarmante: «Esiste un’enorme variabile individuale di soggetti, condizionati anche dalla genetica, in cui l’uso di cannabis provoca l’insorgenza di gravi disturbi psicotici».

Sintomi pesanti, come attacchi di ansia e stati paranoici, molto simili a quelli provocati dalla schizofrenia. A snocciolare dati significativi è poi Giuseppe Fertonani Affini, psichiatra del Sert, dirigente medico dell’Ausl. «La cannabis è considerata l’anticamera alle droghe pesanti. Il 45% circa dei pazienti in carico al Sert ha poi sviluppato forme di poliabuso», va al sodo l’esperto. «Non solo: nell’arco degli ultimi dieci anni, anche sulla base di marijuana sequestrata dalle forze dell’ordine, è stato riscontrato che la concentrazione del principio attivo nei cannabinoidi è passata dal 2,4% al 60%, se teniamo conto di alcune partite rinvenute e analizzate. Questo aumento esponenziale provoca una dipendenza fisica e psichica pesante, così come lo è il percorso di riabilitazione». L’età più delicata? «Sicuramente quella compresa tra i 13 e i 21 anni – chiosa ancora Fertonani Affini – e quando parliamo di alterazioni cognitive, parliamo di deficit di attenzione, di carenza delle funzioni esecutive – cioè la capacità di pianificare e programmare – e di sindrome amotivazionale». Ossia il «mal di vivere», l’apatia verso il mondo.

Il primario del Pronto soccorso, Gianfranco Cervellin, accende infine i riflettori su altre conseguenze strettamente legate all’abuso di sostanze: «Occorre ricordare che in Pronto soccorso non ci prendiamo cura solo di giovani che collassano a causa dell’incetta da stupefacenti, ma anche con altri eventi strettamente legati all’uso/abuso di droghe. Parlo soprattutto di incidenti stradali e risse». Ed è proprio sul fenomeno sempre più diffuso del «cocktail sballo e alcol» che pone l’attenzione il numero uno del reparto delle emergenze. «Io vorrei rilanciare con una domanda – aggiunge Cervellin –: siamo sicuri che le classificazioni leggere o pesanti in merito alle sostanze stupefacenti possano essere effettuate? Mi chiedo ad esempio: le centinaia di nuove sostanze che ci troviamo di fronte di che categoria fanno parte? Tra i “non classificati” vorrei ricordare il mefedrone che, solo nel 2015, ha mietuto ben 34 vittime certificate».

PARMA ZERO ZERO ZERO: leggi l'inchiesta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele E

    01 Maggio @ 08.32

    @nador "mi tira fuori anche una singola statistica che riporta le morte per cannabis negli ultimi anni, una sola, non la trova vero? sa perche? perche non uccide...". Scusami nador ma se ti aspetti che le statistiche contino quelli trovati cadavere con la canna cadente in bocca, come un tempo si trovavano quelli con la siringa piantata nel braccio, sfido che non le trovi! Prova a contare anche gli sballati che si sono stampati in macchina o, peggio, quelli che hanno provocato la morte di altri. Oppure quei morti di droghe "pesanti" che hanno cominciato con quelle "leggere". Clicca su "Ricalcola" poi ne riparliamo. p.s. ti anticipo: non ho detto che TUTTE queste morti sono provocate dalle canne.

    Rispondi

  • Giacomo

    01 Maggio @ 06.51

    Incredibile...nel 2016 c'è ancora gente che sostiene che la droga fa bene! Pur di non ammettere che chi la consuma è malato e dovrebbe curarsi. Pur di non ammettere che un contesto socio-politico come quello italiano, dove le chiacchiere servono a mascherare l'indifferenza ed il menefreghismo generalizzato, è e sarà sempre incapace di dare risposte serie a qualsiasi disagio. Figuriamoci a quello più pericoloso ed infido (può colpire tutti noi e chi lo nega probabilmente è già malato) come è quello psichico.

    Rispondi

  • Gianluca

    01 Maggio @ 04.49

    Va bene continuiamo con il proibizionismo ma vietiamo anche alcol, sigarette, tabacco da masticare, nutella( olio di palma) carne rossa, insaccati, rinazina, colle varie, oki, solventi, popper, aulin, videopoker, slot, gratta e vinci, lotto, Cola, caffè, zucchero, ecc ecc. Per come la vedo io il proibizionismo non fa altro che del male, è come una madre che è iperprotettiva con i proprio figlio con il risultato che non raggiungerà mai l'autonomia. L'umanità è cresciuta culturalmente, se vuoi usare certe sostanze usale, assumendoti le tue responsabilità la vita è tua. Io sono per la liberizzazione e magari più informazione e dialogo da parte dei GENITORI E SCUOLA.

    Rispondi

  • giuliano

    30 Aprile @ 20.58

    Scusa Biffo, ma tu che sei e che competenza hai per mettere in dubbio e canzonare un fior di scienziato come Gerra? Ah già, tu forse ti informi nei convegni o nei seminari che organizza il canapaio...

    Rispondi

    • Biffo

      01 Maggio @ 11.59

      Perché, tu sai chi sia io e quali competenze io abbia mai? E tu, chi sei? Mi ricordo di aver seguito, una volta, un incontro con Gerra, sull'alcolismo tra i giovani. Era stata soporifero, ogni tre parole doveva pronunciarne due in english, per dimostrare le sue frequentazioni USA. Io, comunque, per tua norma e regola, occupo posizioni di eccellenza nel Settore Cultura, Patrimonio UNESCO, Diversità culturale, incontro spesso la Segreteria del Presidente e del Segretario Generale UNESCO in Italia, vengo interpellato nel Settore Educazione, Diritti umani, Scuole associate, Centri e Club per l'UNESCO, collaboro con la Biblioteca, Scienze esatte e naturali, MAB, Sviluppo sostenibile, sempre per l'UNESCO.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    30 Aprile @ 19.37

    LA PERICOLOSITA' PER LA SALUTE DELL' USO ABITUALE DI DERIVATI DELLA CANAPA E' SCIENTIFICAMENTE ACQUISITA . Chi mette in dubbio questa acquisizione scientifica sono solo quelli che pascolano nel sottobosco della sottocultura dei drogati.

    Rispondi

    • nador

      30 Aprile @ 20.37

      alacre.arrifungi@libero.it

      Caro tuttologo, io faccio parte di quel "sottobosco della sottocultura dei drogati" (?), ho piu di 30 anni, lavoro 10 ore al giorno, non fumo tabacco ne bevo alcolici, ho una compagna e una figlia, faccio sport 4 volte a settimana ma la sera prima di dormire mi rilasso con un po di erba o hashish. Scrivo questo per fare capire chi fuma non è un drogato. le droghe vere creano dipendenza e uccidono, cosa che la marijuana non ha mai fatto, la invito a cercare le statistiche, si ma non come la gazzetta che porta espertoni e nemmeno sulla pagina di giovanardi, mi raccomado. poi comunque piu che l'uso direi l'abuso provoca danni, come tutte le cose del resto, provi a bere 10 litri d'acqua in un giorno e poi mi racconta, se ci riesce. Legalizzare è l'unico modo per regolamentare. Ultima cosa, mi dica in tutta onesta, lei fuma tabacco o beve alcoll?

      Rispondi

    • federicot

      30 Aprile @ 20.11

      federicot

      E'altrettanto provato che proibirla non ne limita affatto il consumo. Quindi?

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Barca prende fuoco e affonda nel Po, Marco Padovani muore annegato

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

2commenti

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

1commento

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti