-2°

IL CASO

«Lei sotto il bus, io le tenevo la mano e un ladro invece...»

«Lei sotto il bus, io le tenevo la mano e un ladro mi rubava il telefonino»
5

E' un racconto che a distanza di tre giorni ha ancora il volume e l'angoscia delle urla. Le urla della folla. Le urla dei vigili che allontanano la folla. Le urla strazianti che arrivano da sotto la pancia dell'autobus. Le urla che sente uscire dalla sua stessa bocca: lei, 19enne, che in quei primi lunghissimi minuti ha tenuto la mano della donna schiacciata dalla ruota del «gigante» in piazzale Corridoni. «Gridavo che chiamassero i soccorsi, che la gente stesse lontana. E che no, non alzassero l'autobus: lei aveva una paura tremenda che potesse cadere giù e farle ancora più male».
Lei si chiama Olesea, è originaria della Moldavia e vive a Parma da cinque anni. Quando mercoledì scorso ha visto l'ambulanza arrivare, ha lasciato dolcemente la mano della signora ferita, si è fatta subito da parte per non intralciare ed è scappata a casa dal suo bimbo di un anno: «Doveva mangiare, e io non potevo avvisare mio marito, ma mentre ero lì, inginocchiata al fianco della signora, qualcuno ha rubato il mio telefono...». Pausa di silenzio: al di qua e al di là della cornetta. «Sì, non ho parole. E ora farò denuncia: magari qualcuno di buon cuore me lo restituirà».
Ripartiamo, dunque, dal buon cuore: il suo. Se oggi sta raccontando alla Gazzetta di Parma di quella mattinata terribile, è perché il pensiero della 56enne e delle sue condizioni di salute non l'ha mai abbandonata. Non sapendo a chi rivolgersi, ha contattato noi. Sperando di ricevere buone notizie ma anche di potersi mettere in qualche modo in contatto con la signora o coi suoi familiari. «Sì, mi piacerebbe rincontrarla. Quando l'ho vista a terra, sotto l'autobus, ho pensato a mia mamma: anche lei gira in bicicletta, una bicicletta grigia come quella. E' stato uno choc».
Le immagini scorrono ancora in diretta. Una testimone direttissima, Olesea. «Ero appena scesa dall'autobus numero 6, dovevo correre in posta e poi a casa a preparare la pappa al mio bimbo. Stavo attraversando le strisce pedonali, quando ho visto sia il bus sia la signora in bici girare dal ponte verso via Bixio. Quando si sono toccati la bici è finita sotto l'autobus, trascinando con sé quella donna. Sono corsa: pensavo che l'avrei aiutata a scivolare fuori di lì. E invece...».
E, invece, ha visto il braccio intrappolato sotto la ruota e ha capito che la situazione era drammatica. «La signora urlava, chiedeva aiuto per il braccio e la gamba. Abbiamo chiamato un'ambulanza e lei mi ha preso la mano. A quel punto sono rimasta lì: gliela stringevo per farle forza, cercavo di farla parlare e di tenerla sveglia, le dicevo di respirare». E' in quel momento che - in buona fede, disordinatamente - dalle persone radunate intorno è arrivata l'idea di sollevare il bus e provare a liberare la ferita. «Ho iniziato a urlare, a dire di no: volevo che aspettassero i soccorsi e non rischiassero di peggiorare la situazione. Con una mano tenevo quella della signora, con l'altra cercavo di allontanare le persone. E nel frattempo qualcuno ha rubato il telefonino che avevo appoggiato a terra. Era il mio, ma per quel che ne sapeva il ladro poteva essere anche quello della signora: quello attraverso il quale si potevano rintracciare i familiari, ad esempio. E' un gesto che non riesco ad accettare». E come darle torto?
I primi ad arrivare sono stati gli agenti della Municipale, poi l'ambulanza e i vigli del fuoco. «Quando ho visto i soccorritori arrivare, ho lasciato loro il posto: non avevo competenze per stare lì, e rischiavo solo di intralciarli. Un signore gentile ha provato a fare il mio numero di telefono, ma era ovviamente staccato. A quel punto sono fuggita a casa. Ma il pensiero è rimasto lì...».
Lì, e alla speranza che quelle due mani di sconosciute si possano stringere ancora. E stavolta senza urla intorno: solo il silenzio rassicurante di un sorriso​.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marirhugo

    09 Maggio @ 23.02

    e se il ladro è apolide che facciamo?

    Rispondi

  • Massimiliano

    08 Maggio @ 20.32

    Che schifo.... Una giovane RAGAZZA STRANIERA CHE, aiuta una donna italiana, VIENE DERUBATA DEL CELLULARE....... VERGOGNARTI PARMA!!!!!!

    Rispondi

  • Alle

    08 Maggio @ 14.05

    La solidarietà in questi momenti sono valori importanti per il futuro di tutti noi. Per il ladro almeno 20 anni di galera magari a casa sua se straniero e poi altri 10 anni di scuola sempre a casa sua per imparare l' educazione civica. Sempre W W W i vigili del fuoco

    Rispondi

  • filippo

    08 Maggio @ 12.35

    purtroppo a fronte di tanti stranieri che si integrano ci sono altri che, OLTRETORRENTE, hanno creato una casbah come al loro paese..ma va bene così, come dice renzi noi siamo un grande paese...

    Rispondi

  • Luigina

    08 Maggio @ 12.24

    Mi auguro che questa ragazza possa avere notizie della donna ferita ..poi quel disgraziato che non ha avuto un po di sensibilita e a osato dismostrarsi per quello che è possa soffrire per la sua azzione criminale per aver rubato in una occasione dispiacevole

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

8commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

11commenti

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

14commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Parmense

Breve blackout a Salsomaggiore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017