motogp

Valentino visto da Guareschi

Valentino visto da Guareschi
Ricevi gratis le news
2

Allora non è finito. Valentino Rossi sembrava un ex, a 36 anni è in testa alla classifica del mondiale. Valentino alla Ducati era penalizzato dalla moto, che adesso è molto competitiva, al di là del valore individuale di Dovizioso e Iannone.
Nella casa di Borgo Panigale, il suo team manager era il parmigiano Vittoriano Guareschi. Ora collaudatore di Valentino, in Yamaha, è Massimo Meregalli, brianzolo di Biassono.
Vittoriano, perchè ha lasciato?
“Avevo bisogno di più tempo per un discorso familiare - racconta il 44enne ex motociclista, abitante a Parma, vicino al campus -. Ho perso papà Claudio, a inizio 2013 e come famiglia abbiamo una concessionaria di moto, in città, e allora sono impegnato lì: con mio fratello Gianfranco, 40enne, abbiamo 4 dipendenti”.
E poi fa il marito e il padre…
“Laura, mia coetanea, lavora nel marketing della Daviness, è il marchio della Confort Zone: abbiamo due figli: Matilde, 5 anni, e Federico, di 12”.
Valentino è favorito per il titolo?
“Lo vedo in lotta con Jorge Lorenzo, non credo che altri possano inserirsi. Le Yamaha vanno molto bene, la Ducati non è a quel livello. Vale è davvero in forma, quest’anno non è praticamente mai sceso dal podio”.
In cosa è speciale?
“Raccoglie sempre il massimo da ogni weekend, anche quando il livello della competizione è altissimo. Al Mugello la moto non era a posto, non era in grado di combattere per la vittoria ma ha ottenuto il terzo posto. Era una chimera, dopo il warmup, il fine settimane era sfavorevole, neanche lui era in forma eppure questo lo differenzia da tutti gli altri”.
Lo sente ancora?
“L’ultima volta è stata la scorsa stagione, quest’anno non ancora”.
Diventerà altrettanto forte il fratello minore Luca Marini, figlio di Stefania Palma, la mamma di Valentino?
“E’ penalizzato dall’altezza, in quanto è quasi uno e 85. E i piloti in genere sono bassi. Partecipa al campionato spagnolo di moto2, gestito dalla Dorna, la stessa organizzazione che cura il mondiale di moto2. Dovrebbe essere ancora in moto3, dunque è già un passo avanti”.
Perchè non ha mai tentato il passaggio in Ferrari?
“Fra noi non ne abbiamo mai parlato. La storia risale al 2007, aveva valutato e provato la Rossa, ma poi decise di restare in motogp, dov’era certamente protagonsita”.
Nell’automobilismo secondo lei arriverebbe 18°? Cioè ultimo?
“Non penso proprio, certamente non è da coda del gruppo”.
Vittoriano, quale podio mondiale prevede, anche fra i costruttori?
“Lorenzo e Valentino Rossi, poi Dovizioso, Iannone o Marquez. Se lo spagnolo trova forma e concentrazione, sicuramente ha tutte le carte per restare sul podio finale. Adesso va forte anche la Ducati, sono molto competitivi. Il podio delle case di moto è più facile: Yamaha, Ducati e Honda”.
La Ducati arrivò sul tetto del mondo nel 2007, grazie soprattutto all’ingegnere Filippo Preziosi, tetraplegico. Aveva davvero progettato una moto inguidabile, nelle stagioni di Valentino a Borgo Panigale?
“Erano cambiate le gomme e il telaio, non era più all’altezza delle altre. Si trattava di un insieme di cause. Le corse vanno a periodi, pensate alla Ferrari e alla McLaren, sono cicli che toccano anche il mondo del racing. Chiaro che se la crisi avviene con Valentino si amplifica l’eco”.
Ora che peso hanno l’ingegner Gigi Dall’Igna e l’ad Claudio Domenicali?
“Per me è difficile giudicare. Sono uscito un anno e mezzo, appena dopo l’ad Gabriele Del Torchio, passato ad Alitalia, quindi non conosco le gerarchie in Ducati. All’epoca l’Audi era appena entrata, non so quanto sia coinvolta, immagino parecchio”.
Lei non ha nostalgia del circus?
“Relativamente. Guardo tutte le gare, sempre. Sono rimasto nel giro per 27 anni, da quando debuttai in gara a 16, ora mi godo una libertà diversa. Sono stato pilota: due volte vicecampione mondiale nel Supersport, per 4 stagioni in Yamaha superbike, con l’8° posto come migliore risultato, e i 9 anni da collaudatore in Ducati, più 4 da team manager. Avevo bisogno di rifiatare”.
Per quali campioni ha fatto il collaudatore?
“Loris Capirossi, poi Casey Stoner quando vinse il mondiale. Anche per Gibernau, Carlos Checa, Nicky Hayden. Sino al 2010, quando iniziai a fare il team manager, dello stesso Valentino”.
Quando rientrerà, allora?
“Penso di restare fuori. Mai dire mai, ovvio. Diciamo che mi godo lo stare a casa, fin da ragazzino in pista. Ho fatto più volte il giro del mondo, direi una cinquantina, in tutto. Per una ventina d’anni sono stato più in hotel che nel letto di casa…”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andrea

    28 Giugno @ 08.34

    Vincera anche il mondiale, ma tornerò a seguire la.motogp quando si ritirerà, pilota strafottente, che deve vincere anke passandoti sopra, incompatibile, e tutti gli italiani a goderselo... Che paes...

    Rispondi

    • Danyel

      28 Giugno @ 12.22

      certo che era meglio biaggi, con quello "spintone" che gli ha dato a 200 all'ora...ma rosica va'!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS