11°

editoriale

"Mandiamo via gli idioti dal nostro calcio"

Le parole dure e accorate del preparatore atletico Pincolini

pallone
Ricevi gratis le news
6

Vincenzo Pincolini, 61 anni, fidentino di nascita e salsese di residenza, preparatore atletico delle nazionali giovanili della Figc e della scuola calcio del Cus (in passato della Nazionale, di Parma, Milan, Roma, Inter e Atletico Madrid) interviene sui recenti episodi di violenza nel calcio. Con parole dure e allo stesso tempo accorate. 


Cosa sta succedendo ? Oppure… cosa si dovrebbe fare?
Mi viene da scrivere di impulso perché da molti anni “vivo” nel calcio e poi perché domenica scorsa mi sono imbattuto nell’incidente di Medesano naturalmente senza minimamente pensare a cosa c’era dietro.
Che dire? Discorsi retorici? Non ci penso proprio e poi il calcio (il nostro calcio) non ha certo bisogno di difese d’ufficio. A tanti, infatti, ricordo che al di là di questi episodi (Medesano e la rissa allo Stuard sono solo gli ultimi) il calcio dilettantistico e giovanile ha in sé valori incredibili. Quasi nessuno se n’è accorto ma nel calcio giovanile prima e in quello dilettantistico poi (come in tutti gli altri sport, ma il calcio è più popolare) l’integrazione fra razze, religioni e culture diverse e il mescolarsi tranquillamente di tante etnie e culture è cosa normale da 20-25 anni a questa parte. E il valore sociale dell’integrazione che il calcio (dico calcio perché esiste anche nei paesini più piccoli) ha operato dal punto di vista sociale è sicuramente da incorniciare.
Cosa si dovrebbe fare? Conoscendo bene questo mondo qualche consiglio mi sento di darlo. Naturalmente è facile parlare con tutti quei dirigenti appassionati che mettono tempo e volontà a disposizione ogni settimana. Ed è con loro che dobbiamo fare catena contro tutti quei deficienti (mancanti di cultura sportiva ed educazione in generale) che settimanalmente rendono sgradevoli tantissime partite giocate con regolarità e tanta energia. Fra di noi sappiamo esattamente come è compilata la classifica delle società più ignoranti della provincia o delle province limitrofe. Molto spesso sono genitori, spesso sono “ultras beceri” e qualche volta anche allenatori e giocatori. Sempre gli stessi. Dalla Federazione provinciale (dove Varoli ed i suoi collaboratori mettono tanto impegno) alle società direttamente impegnate che conoscono tutto il loro entourage, ai tanti genitori sani dobbiamo dire BASTA!
Dobbiamo vergognarci che si parli così del nostro calcio. Dobbiamo gettar fuori da questo mondo gli idioti e soprattutto dobbiamo ritirare i nostri figli dalle società che fanno della mancanza di valori sportivi una bandiera. Non dobbiamo mescolare i nostri figli con questa ignoranza. Dobbiamo isolare le società (che senza i ragazzi non vivrebbero) che vogliono vincere ad ogni età, costi quel che costi. Non ci stiamo.
Sì, penso che solo facendo così si possa cambiare qualcosa. Di società dove si fa ancora calcio correttamente ce ne sono.
Ultima provocazione: per me lo sport amatoriale è quello che si fa da soli organizzando partite fra amici. Senza stress e con tanti vantaggi per la salute.
Se pensiamo ai problemi del doping nel ciclismo amatoriale o al problema “dell’ordine pubblico” nel calcio amatoriale è chiaro che una grande riflessione va fatta!
Il calcio e lo sport in generale, lo ripeto, non hanno bisogno di questi idioti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    17 Aprile @ 12.52

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    E per quanto riguarda i cosiddetti "tifosi facinorosi" che facciamo? Possibile che gli episodi di guerriglia urbana riguardino sempre e solo il calcio? Purtroppo questo sport è irrimediabilmente malato. Il fair play qui è morto. Girano troppi soldi (e i conseguenti parassiti, donnine a gettone comprese), e la passione sportiva reale di pochi è oscurata dal Circo Barnum mediatico che ci propinano giornali e televisioni. Io ho seguito per un certo periodo il Rugby e mai mi è capitato di assistere ad episodi di ignoranza e violenza che nel calcio si ripetono troppo spesso.

    Rispondi

  • nador

    16 Aprile @ 21.18

    alacre.arrifungi@libero.it

    see, cosi rimangono in 2, tra campo e tribune

    Rispondi

  • the mari

    16 Aprile @ 19.07

    ma dai........... il calcio è un gioco di squadra| Testo

    Rispondi

  • Catto

    16 Aprile @ 12.15

    Magari, se mandassimo via gli idioti dal calcio non resterebbe più nessuno. Ne in campo ne a vedere le partite.

    Rispondi

    • Francesco

      16 Aprile @ 16.41

      brundofrancesco@libero.it

      condivido

      Rispondi

      • Biffo

        16 Aprile @ 18.43

        Così i miliardari in mutandoni andrebbero a lavorare veramente, invece di frequentare puttanelle di serie B. Non parliamo pi di Balotelli, caso esemplare di essere umano privo di cervello.

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi: foto

PARMA

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi Foto

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

tg parma

Fango, acqua, lavoro e tanta amarezza: parlano gli sfollati di Colorno Video

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

ENZA

Si lavora per il ripristino delle sponde di Enza e Parma Video

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

1commento

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

6commenti

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

I torrini del Battistero danneggiati: arrivano le impalcature Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

PARLAMENTO

Approvata la legge sul biotestamento. Le novità punto per punto Video

BOLOGNA

Peculato: condannato l'ex capogruppo Pd in Regione Marco Monari

SPORT

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

RUGBY

Carlo Orlandi (Zebre): "Cerchiamo di migliorare il possesso palla" Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS