-5°

impianti sportivi

Palestra Quadrifoglio: dopo quasi vent’anni finalmente qualcosa si muove

La palestra Quadrifoglio

La palestra Quadrifoglio

0

 

COMUNICATO UFFICIO STAMPA COMUNE

La palestra del Quadrifoglio, intestata a Maurizio Casalini ha vissuto per quasi vent’anni solo nelle polemiche sui giornali, nell’utilizzo abusivo come dormitorio improvvisato, nel nulla degli edifici che, abbandonati a sé stessi, invecchiano con impressionante rapidità.
Quattro assessori armati di buona volontà e un commissario scandalizzato per la cosa non sono bastati a risolvere questo caso da “Gabibbo” di una struttura invidiata persino dagli americani del baseball e lasciata ad agonizzare, prigioniera della burocrazia.
Ora sembra arrivato il momento di aprire la porta e destinarla alla sua naturale vocazione, l’attività sportiva, particolarmente quella giovanile.
La “rinascita” della palestra “Maurizio Casalini” sembra decretata grazie alla firma della convenzione fra Comune e società “Inzani”, che prevede l’assegnazione a quest’ultima della struttura sportiva per vent’anni dietro l’impegno di garantire l’uso pubblico e soprattutto di realizzare lavori per oltre 270.000 euro, necessari a risistemare, arredare e attivare l’impianto.
Il Comune, come prevede la legge regionale, darà un contributo annuo di 20.000 euro per la gestione (il Comune potrà anche disporre l’uso per 6 ore settimanali e organizzare manifestazioni senza spese per 36 ore l’anno), mentre la società pagherà un affitto per i primi dieci anni solo simbolico (5.000 euro) per consentire alla società stessa di recuperare i costi di investimento affrontati, che saliranno successivamente a 24.000 euro annui.

La storia
L’affidamento in gestione della palestra, in realtà, nasce da una procedura pubblica messa in atto nel 2010, con la quale si era arrivati all’assegnazione della gestione del Pala-Casalini alle società Inzani e Parma Baseball, che aveva delegato l’Inzani stessa ad assumerne la gestione.
Da allora, purtroppo, la convenzione è rimasta “in letargo” per una lunga storia di ordinaria burocrazia, che ha radici assai più antiche, e che è passata attraverso le gestioni di Arturo Balestrieri, Vittorio Adorni, Roberto Ghiretti, Carlo Alberto Cova, oltre che del commissario Ciclosi, che ebbe parole di fuoco dopo un sopralluogo nella palestra dello scandalo.
La struttura avveniristica, con tetto in legno – 1.600 metri quadrati coperti – fu progettata nel 1995 e realizzata dalla Federazione Italiana Baseball con un costo di circa 4 miliardi. Quindi passò al Comune, che la acquistò e ne girò la titolarità alla STU Authority., insieme al Quadrifoglio di baseball (compreso lo stadio Notari), per conferire un patrimonio alla società.
Purtroppo, fino al 2012,  la STU Authority ha rifiutato di concedere la palestra in comodato al Comune, affinché potesse dar concretezza al bando del 2010, e l’impianto non è mai stato utilizzato da nessuno. Le conseguenze sono quelle che vediamo oggi.
Il Comune ha ottenuto l’utilizzo solo dal 2013, grazie alla disponibilità da parte del nuovo amministratore Pietro Conca, che consentirà di dare finalmente vita a questo importante impianto sportivo.
Ora la situazione è sbloccata: la convenzione firmata fra Comune e STU Authority concede al Comune di utilizzare l’impianto, ed è quello che si farà in tempi abbastanza rapidi, non appena la società Inzani avrà dato corso ai lavori di ultimazione, manutenzione e all’acquisto degli arredi.
Da oggi per il Pala-Casalini si scrive una nuova storia.
Soddisfatti sia l’assessore Giovanni Marani, che finalmente si trova a poter dare corso ad una soluzione positiva, sia il presidente della società “Inzani” Sergio Greci, che arriva a coronare un sogno nel cassetto da troppi anni, e presto potrà trasferire parte dell’importante attività della storica polisportiva nella “nuova” palestra, che sarà anche a disposizione del quartiere e della collettività.

La soddisfazione di Marani
”Questo importante passo avanti va letto come un successo dello sport e per lo sport – afferma l’assessore Giovanni Marani - testimonia la caparbietà da parte del Comune e delle associazioni sportive nel perseguire il difficile processo di riqualificazione e valorizzazione degli impianti sportivi presenti nella nostra città. Posso garantire che il Comune in ogni sua componente vorrebbe poter dare ad ogni situazione aperta risposte celeri. Non è solo una questione economica: le società sportive si interrogano su come sia possibile che ci vogliano mesi anche solo per consentire piccoli lavori di miglioria, magari a carico loro. Per aprire una palestra ci sono voluti quasi vent’anni e cinque assessori, per consentire l’installazione di due torri faro nove mesi… Più che di una legge sugli stadi – prosegue Marani - lo sport di base avrebbe necessità di una legge sugli impianti, che rendesse più facile la flessibilità delle convenzioni a fronte di investimenti sulle strutture, che rendesse conveniente per le aziende, magari con detrazioni fiscali, sponsorizzare le riqualificazioni. Diversamente anche le belle vittorie come questa rischieranno di venire cancellate dalla lentezza di un sistema che sembra fatto per non dare risposte”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

4commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria