EUROPEI

Amarezza Italia: battuta ai rigori. Le pagelle degli Azzurri

Amarezza Italia: battuta ai rigori. In semifinale ci va la Germania
Ricevi gratis le news
2

Fine di un sogno e di un tabù: in 120 minuti più rigori si chiudono l’inattesa rincorsa europea dell’Italia di Conte e mezzo secolo di sudditanza psicologica calcistica dei tedeschi nei confronti degli azzurri. Dopo 8 tentativi, per la prima volta in una manifestazione ufficiale la Germania si impone sull'Italia: lo fa nella maniera più crudele, vera e propria nemesi, vincendo 7-6 grazie ai tiri al dischetto che vanno ad oltranza. Sbagliano, per l’Italia, nell’interminabile serie di emozioni (18 rigori tirati, quello decisivo lo ha realizzato Hector), Zaza, Pellè, Bonucci e Darmian. Provare a regalare un raggio di gioia sportiva agli italiani nel giorno più buio per la strage di Dacca era compito, anche psicologicamente oltre che tecnicamente, non facile: ma Buffon e i suoi compagni ci hanno provato. Hanno giocato alla pari con i campioni del mondo andando molto al di là dei propri limiti, come chiede l’ormai ex ct Conte. Possono essere orgogliosi dell’europeo che hanno disputato, sebbene resti l'amarezza: in semifinale con la vincente di Francia-Islanda va una Germania che non ha certo sovrastato l’Italia operaia.

LE PAGELLE DEGLI AZZURRI

BUFFON 8: la sua parata eccezionale su Gomez tutto solo quando è gia 1-0 per la Germania tiene in piedi l’Italia. Prima, paradossalmente, era stato impegnato solo una volta su svirgolata di Mueller nel primo tempo


BARZAGLI 6.5: si tiene largo per dare supporto a Florenzi e affronta a turno il centrocampista offensivo che ruota nella girandola di Loew, stringendo poi in area su Gomez o Mueller. Fisico ed esperienza, di testa o di piede sui palloni tesi lui c'è sempre
BONUCCI 7: il gol su rigore nei tempi regolamentari è il premio alla sua carica agonistica e alla precisione del gioco, perchè è un frangiflutto contro i marosi: sbaglia però il penalty dopo i supplementari. Anche stasera padrone del centro, è in anticipo sulle rare ripartenze tedesche. Ma stavolta fatica a impostare, perchè gli spazi sono tutti chiusi e davanti in mediana ha Parolo, playmaker atipico
CHIELLINI 7: in sofferenza sulla pressione degli avanti tedeschi, che ben conoscono l’impossibilità di giocare col piede destro del difensore azzurro. Spesso esce di fisico da situazioni intricate. Dal 14' sts ZAZA 5: il suo errore dal dischetto non è decisivo, ma quanta sufficienza nel calciare


FLORENZI 6.5: un pò perso sulla fascia, meglio in fase di copertura da terzino puro che in fase offensiva, come dimostra il salvataggio di tacco su Mueller in apertura ripresa. Ma la fatica della pressione tedesca si fa sentire nell’azione del gol di Ozil, dove è protagonista in negativo. Si riscatta col cross da cui nasce il rigore. Dal 41' st DARMIAN 6: entra e si sacrifirica, l’errore dal dischetto non gli si può imputare
STURARO 6.5: fatica tantissimo, l’intensità di gioco non è da lui. Poi però con i minuti comincia a metterci la grinta che gli compete. Nel finale di primo tempo sfiora il gol con un tiro da fuori, poi commette l’ingenuità della protesta che gli vale il giallo. Allora capisce, e si mette a fare una partita ordinata, di corsa e sofferenza
PAROLO 7: play improvvisato, lui che è cursore nato, soffre tantissimo il ruolo adattato e riesce meglio in fase di copertura (strepitoso nel togliere dai piedi di Mueller un pallone da contropiede) che in costruzione


GIACCHERINI 7: corre il triplo del solito, con molti meno spazi, e prova sempre a infilarsi tra le linee. Dal suo piede, lanciato da Bonucci, nasce l’azione più pericolosa di tutto il primo tempo. Poi nel secondo è costretto a fare quasi sempre il terzino
DE SCIGLIO 7: un piccolo leone in fase di copertura, nonostante dalla sua parte la Germania scenda con potenza impressionante, è fortunato però quando un paio di volte disimpegna in modo folle verso Buffon. Cala su di lui la stanchezza nella ripresa, quando è costretto a rincorrere sempre i tedeschi, Ozil in testa
PELLE' 7.5: un gioco massacrante di sponda e profondità, sempre con i tempi giusti. Subisce molti falli, si mette dalla parte di Hoewedes che è meno veloce e va perfino a marcare Kroos. Centravanti vero, si fa trovare due volte pronto nel finale dei 90', sfiorando il gol. Ma quello che più fa male è il palo sfiorato nel suo rigore alla sequenza finale
EDER 6.5: è il furetto che dovrebbe mettere paura ai giganti tedeschi, e quando ha palla al piede lui l’azione azzurra si velocizza. Come nel finale dei tempi regolamentari, quando dà a Pellè un gran pallone deviato in angolo. Alla fine è costretto a uscire per un infortunio. Dal 2' sts INSIGNE 6.5 : pericoloso negli spazi, e ce ne sono pochi, non si perde quando deve tirare per primo il rigore nella serie finale
CONTE 7.5: Ha portato questa squadra ben al di là dei propri limiti: se un quarto di finale europeo poteva essere messo in preventivo, averlo ottenuto giocando in maniera a tratti entusiasmante e riconquistando alla nazionale il tifo degli italiani va tutto a suo merito. Atleticamente la squadra è impressionante, tatticamente i suoi insegnamenti fanno degli azzurri formazione difficilissima da affrontare. Esce da gigante da questa manifestazione. (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • BETTA

    03 Luglio @ 13.30

    Un sincero applauso a Pellè per aver messo in luce, davanti a milioni di telespettatori italiani e non, tutta la furbizia di cui è dotato.

    Rispondi

  • Catto

    03 Luglio @ 00.23

    Ma un bel chissenefrega ?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Preso il rapinatore con roncola della sala scommesse

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

2commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

tgparma

Meteo: da domani rischio neve in città, domenica arriva il gelo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

10commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

Allarme

Parma, in 10 anni 166 medici in pensione. E chi li sostituisce?

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

ITALIA/MONDO

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

vandalismi

Imbrattata con svastiche la targa di Moro a Roma Foto

SPORT

guinness

Trainato da una Levante, Barrow sullo snowboard a 151,57 km/h: è record

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day