ANIMALI

«Ho salvato una volpe grazie alla generosità del veterinario»

L'animale investito e poi soccorso da una donna in vacanza in Valceno: «Andreani ha lavorato gratis»

salvata volpe dal veterinario Mario Andreani
Ricevi gratis le news
0

Grazie al Centro recupero animali selvatici dei Boschi di Carrega, ai volontari e al veterinario Mario Andreani sono riuscita a salvare una volpe, ferita gravemente».
Una storia a lieto fine, quella raccontata da una villeggiante dell'Alta Val Ceno. Che però ha rischiato di avere tutt'altra conclusione. «Stavo rientrando a casa in auto, sulle montagne intorno a Bardi, quando all'improvviso mi è comparsa davanti una volpe - ricorda la villeggiante -. Purtroppo non sono riuscita ad evitarla e l'ho urtata. Sono smontata immediatamente dall'automobile per vedere come stava: la volpe era immobile ma fortunatamente non era morta. Così l'ho avvolta in un panno e l'ho portata a casa, per capire cosa potevo fare per aiutare il povero animale».
Rescue Dogs
La villeggiante ha cominciato a cercare i soccorsi con il telefono ma le difficoltà erano dietro l'angolo: «Ho chiamato i volontari di Rescue Dogs, che come è scritto sul sito ha recentemente firmato il protocollo d’intesa con la Provincia di Parma e Ausl per il soccorso di animali selvatici - continua -. Purtroppo i volontari non potevano intervenire».
L'associazione «Rescue Dogs» conta «ben 96 volontari che operano sul territorio a titolo gratuito - fa sapere l'associazione con sede a Soragna -. E sempre a spese nostre siamo sempre partiti per fare interventi di recupero, ma siamo obbligati poi a portare gli animali all'ospedale di riferimento e cioè al Cras dei Boschi di Carrega. E se l'ospedale è chiuso, chiaramente non possiamo fare nulla. Purtroppo, per gli stessi animali selvatici».
Il veterinario Andreani
A quel punto, la villeggiante ha chiamato gli operatori del Centro Cras dei Boschi di Carrega, ma anche loro non potevano più intervenire proprio perché non avevano la convenzione per operare sul territorio. «Nel frattempo - dice la signora -, ho messo la volpe in una scatola e l'ho lasciata in garage per la notte. Il mattino dopo, la domenica, la volpe era uscita dalla scatola, ma non stava bene e si trascinava le zampe posteriori. Nonostante le ferite, non riuscivo a catturarla. Così ho chiamato il veterinario Mario Andreani, sempre del Centro dei Boschi di Carrega, e alla fine è venuto fino in Alta Val Ceno, gratuitamente, per soccorrere la volpe: l'ha addormentata e l'ha portata via con sè a Sala Baganza. Insomma, grazie a Andreani e alla sua disponibilità, siamo riusciti a salvare questa bellissima volpe».
Il Cras Casa Rossa
E in effetti, come spiega Margherita Corradi, comandante Vigilanza ambientale e territoriale Ente parchi Emilia Occidentale dal primo luglio scorso sul recupero animali selvatici le cose sono cambiate: «In provincia di Parma ci sono due Centri recupero animali Selvatici (Cras): Casa Rossa a Sala Baganza al Parco Boschi di Carrega, che da quattordici anni si occupa di mammiferi selvatici; le Civette a San Nicomede, al Parco dello Stirone, che da dieci anni si occupa di uccelli rapaci. Entrambe le strutture sono gestite dall’ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale. Si tratta di piccoli ospedali per gli animali selvatici, nei quali vengono ricoverati complessivamente circa 900 animali all’anno. Oggi inoltre il Cras Casa Rossa assolve anche l’importante compito della detenzione e riabilitazione della specie Lupo».

L’attuale gestione del Centro Casa Rossa prevede la presenza di un responsabile (Margherita Corradi), di un veterinario responsabile sanitario (Mario Andreani) e all’occorrenza anche dei guardiaparco, spesso addetti alla manipolazione degli animali più pericolosi (tassi, volpi, lupi). Ma cosa deve fare oggi una persona se trova un animale ferito? «Si deve mettere immediatamente in contatto con il servizio veterinario dell'Ausl locale, con la Provincia o con le forze dell'ordine, che nel caso di un animale recuperabile fino al 30 giugno hanno dato comunicazione al Cras Casa Rossa, che grazie ad una convenzione con la Provincia - continua la Corradi -, si occupava sia del recupero sul territorio, che della cura degli animali in difficoltà, ricoverando l’animale nel Cras stesso. Dal 1 luglio la responsabilità h24 del recupero sul territorio provinciale degli animali feriti o in difficoltà è stata conferita dalla Provincia alla associazione zoofila Rescue Dogs, coadiuvata da un medico veterinario ed in collaborazione con il servizio veterinario dell’Ausl locale». Insomma, il Cras Casa Rossa e le Civette non hanno interrotto la loro attività, ma continuano a funzionare esclusivamente per la accoglienza degli animali e non per il recupero sul territorio, delegato dalla Provincia ai Rescue Dogs. Il compito del Cras è quello di accogliere gli animali e questo viene garantito con una apertura quotidiana pomeridiana che non si è mai interrotta.
«Ciò che manca - sottolinea la Corradi - è la garanzia  di una continuità di intervento per il futuro prossimo, dovuta alla incertezza anche di un sostegno economico  pubblico minimo a supporto di queste azioni. Il tasto molto dolente è quello economico, in quanto il Cras non è supportato da nessun finanziamento pubblico annuale garantito, che dia una certa stabilità gestionale. Servirebbe un sostegno costante, se pur essenziale; servirebbe diffondere un atteggiamento più civile, che facesse diventare il soccorso agli animali in difficoltà un dovere importante».
L'assessore Danni
Proprio così. Per mancanza di risorse la convenzione con il Cras dei Boschi di Carrega per intervenire sul territorio non è stata riconfermata. «Ci sono delle priorità - ha confermato l'assessore alle risorse naturali e alla fauna selvatica della Provincia Ugo Danni -. Le risorse sono talmente limitate che possiamo permetterci di mantenere solo delle attività indispensabili, come l'apertura delle scuole e la loro sicurezza. Purtroppo è la verità. Basti pensare che per ora non siamo nemmeno in grado di garantire lo sgombero neve nelle strade e nei paesi della provincia per il prossimo inverno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video

emergenza

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

Arresto cardiaco durante l’ora di ginnastica: 15enne salvato al Maggiore

1commento

maltempo

Emergenza elettricità: tante frazioni isolate nel parmense

1commento

ferrovia

Enza esondato: chiuse le linee Parma-Brescia e Parma-Suzzara

1commento

PIENA

Enza, a Casaltone il peggio è passato. "Ma restate lontano dagli argini" Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

4commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

17commenti

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole