LIBRI

"Orme selvagge". Gli animali in un clic

Le nostre iniziative

"Orme selvagge". Gli animali in un clic
Ricevi gratis le news
1

C'è un lupo che ti guarda negli occhi. Una volpe che si gratta contro un tronco. Una civetta che, appollaiata su un palo, si gira verso l'obiettivo. Ci sono gli scatti di 25 anni di passione per la natura, gli animali e la fotografia. Anni di appostamenti, di ricerca e studio di tracce, ore e ore passate a realizzare a mano (e a migliorare di volta in volta) le loro «trappole»: trappole che non fanno male, perchè catturano immagini. Straordinarie. Là dove gli animali vivono, tra i boschi e nei prati del nostro Appennino.
Davide e Isacco Zerbini, titolari di un'azienda parmigiana e fotografi naturalisti per passione, hanno capito che quello poteva essere il modo per conoscere e vedere da vicino gli animali selvatici che tanto li attraevano, per i quali si emozionavano. Così, da ragazzini, hanno cominciato a modificare macchine fotografiche, a costruire sensori che le facessero scattare al passaggio degli animali: insomma a realizzare le prime «trappole fotografiche».
«All'inizio con mezzi rudimentali, marchingegni elettromeccanici - raccontano - poi negli anni e grazie ai tanti “fallimenti” abbiamo migliorato sia la parte tecnica che quella di preparazione e realizzazione degli scatti».
Oltre al clic della macchina fotografica («Principalmente usiamo reflex a rullino, le più affidabili e la meno dispendiose in termini di batterie») fondamentali sono i flash (fatti in casa) per dare luce all'oscurità dei boschi. E poi la grande conoscenza degli animali e dell'ambiente in cui vivono per poter scegliere il luogo giusto dove nascondere le loro apparecchiature. Isacco, perito industriale, è l'esperto di sensori e marchingegni vari. Davide, il più ferrato in fotografia e luci.
Ora, i migliori scatti realizzati in tutti questi anni (non solo con le trappole fotografiche, perchè gli Zerbini sono fotografi naturalisti che hanno viaggiato tutto il mondo, ma nei libri ci sono animali e paesaggi solo delle nostre terre) sono raccolti in due volumi dal titolo «Nei boschi dell'Appennino emiliano - La vita nascosta degli animali» (Silva editore), in vendita a 10 euro più il prezzo del quotidiano con la Gazzetta di Parma. Pagine emozionanti: le foto sono corredate di schede puntuali e dettagliate o di citazioni azzeccate, sempre realizzate dagli Zerbini («Quando avevamo dubbi abbiamo chiesto consulenza ad esperti», confidano) e scandite dalle stagioni: inverno e primavera il primo libro (uscita il 7 marzo), estate e autunno il secondo (uscita il 14 marzo). In totale, più di 200 scatti. La prefazione è dell'etologo Danilo Mainardi.
Un'occasione, non solo per scoprire la vita segreta di istrici e cinghiali, tassi e caprioli - senza dimenticare, ovviamente, il lupo - ma anche per condividere l'approccio dei fratelli Zerbini alla natura: quello del massimo rispetto e dell'onestà. Tutti gli scatti - sottolineano - sono realizzati esclusivamente «in natura» (altrimenti è indicato nella didascalia) cioè con gli animali in stato di libertà, senza forzature o manipolazioni. A vedere la bellezza e la qualità delle immagini si stenta a crederci. Invece sta tutto lì il risultato: nel know how acquisito negli anni, nella pazienza (quanta!), nei tentativi, nell'inventare e reinventare meccanismi e nel risolvere problemi. «In un'occasione, per non far ghiacciare l'obbiettivo della macchina, posizionata vicino a un ruscello, abbiamo inserito una resistenza che faceva sciogliere il ghiaccio», raccontano.
Che emozioni i primi risultati «riusciti» dopo lo sviluppo dei rullini. I tassi che uscivano dalla tana e poi la foto al primo lupo. «Era nella zona di Bosco di Corniglio - ricordano - dopo che i responsabili del Progetto Life ci avevano chiesto di fotografare il ritorno dell'animale sul nostro Appennino». Avevano visto le tracce, trovato gli escrementi, ma ancora non l'avevano visto. Loro l'hanno fotografato. L.Soz.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gloria

    06 Marzo @ 11.59

    Dovremmo solo essere contenti che queste creature stanno ripopolando questi territori. Si tratta in fin dei conti del loro habitat, non possiamo fargli guerra. Il lupo, poi, non è pericoloso per l'uomo, come si crede, sono sempre le solite dicerie inutili. Ci sono ben altri animali che sembrano innocui, ma sono tutt'altro che buoni e cari, leggevo un articolo interessante su Focus a riguardo. A questo punto dovremmo fare anche la guerra ai cigni, no? http://www.focus.it/ambiente/animali/7-animali-killer-insospettabili?gimg=57962&gpath=#img57962

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

Lealtrenotizie

Arrestato insegnante di musica: i due anni da incubo di un'allieva

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

protagonista

Colorno, il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

Ieri mattina la storia a lieto fine nella frazione di Copermio

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

colorno

Approfittano del caos dovuto alla piena per svaligiare due case Video

solidarietà

"Chi vuole ospitare sfollati di Lentigione?": Sorbolo e Mezzani aprono uno sportello

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

6commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

5commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

STORIA

Parma, Reggio e Modena celebrano la Via Emilia

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

GAZZAREPORTER

L'acqua invade la Reggia di Colorno: il video del lettore Andrew

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita la Rugby Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS