15°

Emilia-Romagna

Nutrie: al via il piano regionale di cattura e controllo

Nutrie, al via il Piano regionale di controllo

Foto d'archivio

10

Al via il Piano emiliano-romagnolo per il controllo delle nutrie: è il primo in Italia dopo l’entrata in vigore, nel febbraio scorso, del Collegato ambientale alla legge di Stabilità che, pur mantenendo la classificazione dei roditori come animali infestanti e non più come fauna selvatica, dà alle Regioni la possibilità di intervenire per garantire un’azione più organica e coordinata.
L’attuazione del piano in ambito urbano - dice una nota della Regione Emilia-Romagna - è in capo ai Comuni, in ambito rurale alla polizia provinciale e, nei territori di loro competenza, agli enti di gestione dei parchi e delle riserve naturali.
Nel dettaglio, viene spiegato, il piano «prevede che la cattura e la soppressione con metodo eutanasico è consentita con specifiche trappole, sia in città che in campagna, tutto l’anno da parte di Polizia provinciale, guardie comunali, coadiutori, agricoltori sul loro fondo, personale delegato alla tutela delle acque e nei parchi e riserve naturali dal rispettivo personale di vigilanza. L’abbattimento diretto con arma da fuoco - dice ancora la Regione - può essere effettuato dal personale di vigilanza, dagli agricoltori solo se in possesso di abilitazione all'esercizio venatorio, dai coadiutori durante tutto l’anno e, inoltre, dai cacciatori/coadiutori durante l’esercizio della caccia dalla terza domenica di settembre al 31 gennaio, nei territori cacciabili».
Nelle zone protette, invece, «il periodo di caccia è ridotto dal 1° agosto al 31 gennaio. Gli enti parco possono decidere periodi diversi sul loro territorio: nelle zone umide, Sic e Zps l'abbattimento può avvenire dal 1 agosto al 31 gennaio e solo con uso di pallini atossici per salvaguardare la nidificazione degli uccelli acquatici». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    27 Aprile @ 01.30

    Indiana

    In verità nessun animale è più dannoso,distruttivo e violento dell'uomo:come facciamo? Possibile che debba sempre e solo uccidere per "risolvere" problemi che egli stesso crea (le nutrie sono state portate qui da altri uomini imbecilli che volevano farne pellicce)? Possibile che non sia mai in grado di rispettare la vita e i diritti degli altri animali? Mi vergogno di appartenere a questa sadica e violenta specie! Vorrei tornare scimmia in un mondo senza uomini

    Rispondi

  • filippo

    26 Aprile @ 22.01

    Sono animali che non fanno parte del territorio, infatti non hanno nemici naturali ..pertanto si riproducono senza limiti e , a parte distruggere gli argini spesso mettono a rischio le auto nelle strade provinciali

    Rispondi

    • giorgio mezzatesta

      27 Aprile @ 07.39

      Filippo, vero fino ad un certo punto. Le nutrie hanno un temibile nemico: la volpe. E di nutrie le volpi ne mangiano parecchie, solo che, dando molto fastidio a qualcuno, ogni anno vengono spazzate via con i piani di contenimento. Se osservi i canali dove è mantenuta la vegetazione ripariale, ti accorgerai che di nutrie non ce n'è nemmeno l'ombra. Infatti le radici degli arbusti impediscono a questi animali di scavare le loro tane. Ma se togliamo, per la propria comodità, tutto ciò che spontaneamente cresce sulle sponde dei canali......

      Rispondi

  • Bela

    26 Aprile @ 21.39

    Risanate i fiumi dagli scarichi di fogna

    Rispondi

  • Maria

    26 Aprile @ 20.36

    Quanta crudeltà! Noi uomini non sappiamo fare altro che disastri e uccidere bestiole indifese. Perchè non è stato fatto un controllo preventivo ? Perchè si è aspettato che le nutrie si moltiplicassero a tal punto da dover ora assumere decisioni drastiche e crudeli? Si vergognino coloro che hanno la responsabilità del territorio per non voluto o saputo vedere......

    Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    26 Aprile @ 19.33

    e bravi i nostri politici che non cambiano mai. Comodissimo prendersela con le nutrie e non vedere come sono ridotti tutti i nostri corsi d'acqua, ridotti, proprio tutti, al ruolo di vere e proprie fogne. Fogne che poi, magari, sono utilizzate per irrigare i campi e "concimare" così i prodotti che arrivano sulla nostra tavola. E non si potrebbero fare,con la stessa solerzia con cui si decide di uccidere le nutrie, controlli severi sugli scarichi abusivi di chi, con la cisterna piena, scarica nei canali? E magari fare anche rigidi controlli su coloro che considerano gli argini vere e proprie discariche di ogni sorta di rifiuto? E magari invitare a non tagliare la vegetazione ripariale che con le proprie radici trattiene la terra ed evita che le nutrie scavino le loro tane? Ci se la prende sempre e comunque con i castorini, comodi capri espiatori delle malefatte umane.p.s. Magari fare anche un controllino su quei manufatti che sorgono lungo i corsi d'acqua ed impediscono alla stessa, durante la piena, di espandesi,non si potrebbe fare?

    Rispondi

    • Maria

      26 Aprile @ 20.39

      Glielo dica lei che è un esperto che quelle povere bestioline non vanno uccise....Non si poteva fare qualcosa prima di arrivare a questo?

      Rispondi

    • Pasquale

      26 Aprile @ 20.11

      Hai, no, qui il Prof. Mezzatesta per la prima volta casca nel benaltrismo. Le nutrie sono dannose e vanno eliminate. Nel contempo, ha ragione, provvedere a controllare i corsi d'acqua. Le due cose in parallelo, un non annulla l'altra.

      Rispondi

      • giorgio mezzatesta

        27 Aprile @ 06.22

        Pasquale lei ha ragione. Le nutrie creano problemi soprattutto alla biodiversità con la quale convivono. Non è fauna che appartiene ai nostri territori e pertanto non dovrebbe esserci. Ma il punto che volevo evidenziare è un altro. Si vuole, volutamente, sviare l'attenzione su come nulla si stia facendo per salvare quel poco che è rimasto e ripristinare condizioni accettabili di quel 99% dei corsi "d'acqua" ridotti al ruolo di fogne e discariche. Le mi appoggerà quando asserisco che i veri problemi dei nostri canali e fiumi sono l'abbandono al loro destino, nel totale disinteresse di chi dovrebbe provvedere a monitorare la situazione. Le nutrie certamente faranno danni, ma sono minimi rispetto a ciò che fa l'uomo. I corsi d'acqua sono una grande risorsa per il territorio, sono come le vene e le arterie del corpo umano, che provvedono a mantenerlo in vita. E' roba molto serie che riguarda la salute di tutti noi. E invece si pensa solo ad armare chi è felice i poterle far fuori.

        Rispondi

        • Pasquale

          27 Aprile @ 10.32

          Sono d'accordissimo! Da anni dico che invece di cementificare a go-go si possono spendere gli stessi soldi (incluse - cinicamente - eventuali mazzette) per curare il territorio e fare manutenzione e riparare gli immobili eccetera.

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

I carabinieri in piazza Gioberti dove è stato rinvenuto il corpo

Ultim'ora

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

LEGA PRO

Il Parma sbanca Gubbio 4-1. Recuperati 2 punti al Venezia

In gol Calaiò, Nocciolini e Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino. Crociati terzi a 8 punti

1commento

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

21commenti

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno i controlli dal 27 al 31 marzo

Parma

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

7commenti

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

SOCIETA'

la peppa

Tartine fiorite

centro giovani

"Noi che....": così si raccontano i giovani di Parma Il video

1commento

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017