Emilia-Romagna

Nutrie: al via il piano regionale di cattura e controllo

Nutrie, al via il Piano regionale di controllo

Foto d'archivio

Ricevi gratis le news
10

Al via il Piano emiliano-romagnolo per il controllo delle nutrie: è il primo in Italia dopo l’entrata in vigore, nel febbraio scorso, del Collegato ambientale alla legge di Stabilità che, pur mantenendo la classificazione dei roditori come animali infestanti e non più come fauna selvatica, dà alle Regioni la possibilità di intervenire per garantire un’azione più organica e coordinata.
L’attuazione del piano in ambito urbano - dice una nota della Regione Emilia-Romagna - è in capo ai Comuni, in ambito rurale alla polizia provinciale e, nei territori di loro competenza, agli enti di gestione dei parchi e delle riserve naturali.
Nel dettaglio, viene spiegato, il piano «prevede che la cattura e la soppressione con metodo eutanasico è consentita con specifiche trappole, sia in città che in campagna, tutto l’anno da parte di Polizia provinciale, guardie comunali, coadiutori, agricoltori sul loro fondo, personale delegato alla tutela delle acque e nei parchi e riserve naturali dal rispettivo personale di vigilanza. L’abbattimento diretto con arma da fuoco - dice ancora la Regione - può essere effettuato dal personale di vigilanza, dagli agricoltori solo se in possesso di abilitazione all'esercizio venatorio, dai coadiutori durante tutto l’anno e, inoltre, dai cacciatori/coadiutori durante l’esercizio della caccia dalla terza domenica di settembre al 31 gennaio, nei territori cacciabili».
Nelle zone protette, invece, «il periodo di caccia è ridotto dal 1° agosto al 31 gennaio. Gli enti parco possono decidere periodi diversi sul loro territorio: nelle zone umide, Sic e Zps l'abbattimento può avvenire dal 1 agosto al 31 gennaio e solo con uso di pallini atossici per salvaguardare la nidificazione degli uccelli acquatici». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    27 Aprile @ 01.30

    Indiana

    In verità nessun animale è più dannoso,distruttivo e violento dell'uomo:come facciamo? Possibile che debba sempre e solo uccidere per "risolvere" problemi che egli stesso crea (le nutrie sono state portate qui da altri uomini imbecilli che volevano farne pellicce)? Possibile che non sia mai in grado di rispettare la vita e i diritti degli altri animali? Mi vergogno di appartenere a questa sadica e violenta specie! Vorrei tornare scimmia in un mondo senza uomini

    Rispondi

  • filippo

    26 Aprile @ 22.01

    Sono animali che non fanno parte del territorio, infatti non hanno nemici naturali ..pertanto si riproducono senza limiti e , a parte distruggere gli argini spesso mettono a rischio le auto nelle strade provinciali

    Rispondi

    • giorgio mezzatesta

      27 Aprile @ 07.39

      Filippo, vero fino ad un certo punto. Le nutrie hanno un temibile nemico: la volpe. E di nutrie le volpi ne mangiano parecchie, solo che, dando molto fastidio a qualcuno, ogni anno vengono spazzate via con i piani di contenimento. Se osservi i canali dove è mantenuta la vegetazione ripariale, ti accorgerai che di nutrie non ce n'è nemmeno l'ombra. Infatti le radici degli arbusti impediscono a questi animali di scavare le loro tane. Ma se togliamo, per la propria comodità, tutto ciò che spontaneamente cresce sulle sponde dei canali......

      Rispondi

  • Roberto

    26 Aprile @ 21.39

    Risanate i fiumi dagli scarichi di fogna

    Rispondi

  • Maria

    26 Aprile @ 20.36

    Quanta crudeltà! Noi uomini non sappiamo fare altro che disastri e uccidere bestiole indifese. Perchè non è stato fatto un controllo preventivo ? Perchè si è aspettato che le nutrie si moltiplicassero a tal punto da dover ora assumere decisioni drastiche e crudeli? Si vergognino coloro che hanno la responsabilità del territorio per non voluto o saputo vedere......

    Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    26 Aprile @ 19.33

    e bravi i nostri politici che non cambiano mai. Comodissimo prendersela con le nutrie e non vedere come sono ridotti tutti i nostri corsi d'acqua, ridotti, proprio tutti, al ruolo di vere e proprie fogne. Fogne che poi, magari, sono utilizzate per irrigare i campi e "concimare" così i prodotti che arrivano sulla nostra tavola. E non si potrebbero fare,con la stessa solerzia con cui si decide di uccidere le nutrie, controlli severi sugli scarichi abusivi di chi, con la cisterna piena, scarica nei canali? E magari fare anche rigidi controlli su coloro che considerano gli argini vere e proprie discariche di ogni sorta di rifiuto? E magari invitare a non tagliare la vegetazione ripariale che con le proprie radici trattiene la terra ed evita che le nutrie scavino le loro tane? Ci se la prende sempre e comunque con i castorini, comodi capri espiatori delle malefatte umane.p.s. Magari fare anche un controllino su quei manufatti che sorgono lungo i corsi d'acqua ed impediscono alla stessa, durante la piena, di espandesi,non si potrebbe fare?

    Rispondi

    • Maria

      26 Aprile @ 20.39

      Glielo dica lei che è un esperto che quelle povere bestioline non vanno uccise....Non si poteva fare qualcosa prima di arrivare a questo?

      Rispondi

    • Pasquale

      26 Aprile @ 20.11

      Hai, no, qui il Prof. Mezzatesta per la prima volta casca nel benaltrismo. Le nutrie sono dannose e vanno eliminate. Nel contempo, ha ragione, provvedere a controllare i corsi d'acqua. Le due cose in parallelo, un non annulla l'altra.

      Rispondi

      • giorgio mezzatesta

        27 Aprile @ 06.22

        Pasquale lei ha ragione. Le nutrie creano problemi soprattutto alla biodiversità con la quale convivono. Non è fauna che appartiene ai nostri territori e pertanto non dovrebbe esserci. Ma il punto che volevo evidenziare è un altro. Si vuole, volutamente, sviare l'attenzione su come nulla si stia facendo per salvare quel poco che è rimasto e ripristinare condizioni accettabili di quel 99% dei corsi "d'acqua" ridotti al ruolo di fogne e discariche. Le mi appoggerà quando asserisco che i veri problemi dei nostri canali e fiumi sono l'abbandono al loro destino, nel totale disinteresse di chi dovrebbe provvedere a monitorare la situazione. Le nutrie certamente faranno danni, ma sono minimi rispetto a ciò che fa l'uomo. I corsi d'acqua sono una grande risorsa per il territorio, sono come le vene e le arterie del corpo umano, che provvedono a mantenerlo in vita. E' roba molto serie che riguarda la salute di tutti noi. E invece si pensa solo ad armare chi è felice i poterle far fuori.

        Rispondi

        • Pasquale

          27 Aprile @ 10.32

          Sono d'accordissimo! Da anni dico che invece di cementificare a go-go si possono spendere gli stessi soldi (incluse - cinicamente - eventuali mazzette) per curare il territorio e fare manutenzione e riparare gli immobili eccetera.

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Goblin, Simonetti : "I giovani ci riscoprono grazie a internet"

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

GAZZAFUN

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

Lealtrenotizie

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

2commenti

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale domani alle 14,30

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

ANTEPRIMA GAZZETTA

L'ultimo saluto a Giulia

Fedez in piazza per Capodanno. Ancora casi di bullismo. Inchiesta sulla dislessia

la storia

Colorno, i richiedenti asilo al lavoro a fianco dei volontari

1commento

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

polizia

Giovanissimi e violenti: denunciati due bulli 19enni

Una delle vittime massacrata per aver raccolto un rifiuto a terra

6commenti

POLIZIA

Rubavano gomme ai camion: 10 arresti, anche la Stradale di Parma nell'operazione

I malviventi viaggiavano fra la Puglia, l'Emilia-Romagna e il Piemonte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

Multati altri 3 tifosi che hanno esposto una "coreografia non autorizzata" fra il primo e il secondo tempo

1commento

TRASPORTI

Ferrovia interrotta per alluvione: bus sostitutivi e nuovi orari fra Parma e Brescello

Ecco cosa cambia sulla parte di linea Parma-Suzzara interrotta a causa dell'esondazione dell'Enza

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

ECONOMIA

Il ministro Martina ha incontrato i produttori di Parmigiano. Alluvione: "Siamo attenti a fare le cose bene"

Il presidente del Consorzio Bertinelli: "Cresce la produzione, prevediamo una crescita dell'export"

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

9commenti

AMARCORD

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

MANTOVA

Uccide i figli: indagato il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta le squadra

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260