14°

28°

Emilia-Romagna

Nutrie: al via il piano regionale di cattura e controllo

Nutrie, al via il Piano regionale di controllo

Foto d'archivio

Ricevi gratis le news
10

Al via il Piano emiliano-romagnolo per il controllo delle nutrie: è il primo in Italia dopo l’entrata in vigore, nel febbraio scorso, del Collegato ambientale alla legge di Stabilità che, pur mantenendo la classificazione dei roditori come animali infestanti e non più come fauna selvatica, dà alle Regioni la possibilità di intervenire per garantire un’azione più organica e coordinata.
L’attuazione del piano in ambito urbano - dice una nota della Regione Emilia-Romagna - è in capo ai Comuni, in ambito rurale alla polizia provinciale e, nei territori di loro competenza, agli enti di gestione dei parchi e delle riserve naturali.
Nel dettaglio, viene spiegato, il piano «prevede che la cattura e la soppressione con metodo eutanasico è consentita con specifiche trappole, sia in città che in campagna, tutto l’anno da parte di Polizia provinciale, guardie comunali, coadiutori, agricoltori sul loro fondo, personale delegato alla tutela delle acque e nei parchi e riserve naturali dal rispettivo personale di vigilanza. L’abbattimento diretto con arma da fuoco - dice ancora la Regione - può essere effettuato dal personale di vigilanza, dagli agricoltori solo se in possesso di abilitazione all'esercizio venatorio, dai coadiutori durante tutto l’anno e, inoltre, dai cacciatori/coadiutori durante l’esercizio della caccia dalla terza domenica di settembre al 31 gennaio, nei territori cacciabili».
Nelle zone protette, invece, «il periodo di caccia è ridotto dal 1° agosto al 31 gennaio. Gli enti parco possono decidere periodi diversi sul loro territorio: nelle zone umide, Sic e Zps l'abbattimento può avvenire dal 1 agosto al 31 gennaio e solo con uso di pallini atossici per salvaguardare la nidificazione degli uccelli acquatici». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    27 Aprile @ 01.30

    Indiana

    In verità nessun animale è più dannoso,distruttivo e violento dell'uomo:come facciamo? Possibile che debba sempre e solo uccidere per "risolvere" problemi che egli stesso crea (le nutrie sono state portate qui da altri uomini imbecilli che volevano farne pellicce)? Possibile che non sia mai in grado di rispettare la vita e i diritti degli altri animali? Mi vergogno di appartenere a questa sadica e violenta specie! Vorrei tornare scimmia in un mondo senza uomini

    Rispondi

  • filippo

    26 Aprile @ 22.01

    Sono animali che non fanno parte del territorio, infatti non hanno nemici naturali ..pertanto si riproducono senza limiti e , a parte distruggere gli argini spesso mettono a rischio le auto nelle strade provinciali

    Rispondi

    • giorgio mezzatesta

      27 Aprile @ 07.39

      Filippo, vero fino ad un certo punto. Le nutrie hanno un temibile nemico: la volpe. E di nutrie le volpi ne mangiano parecchie, solo che, dando molto fastidio a qualcuno, ogni anno vengono spazzate via con i piani di contenimento. Se osservi i canali dove è mantenuta la vegetazione ripariale, ti accorgerai che di nutrie non ce n'è nemmeno l'ombra. Infatti le radici degli arbusti impediscono a questi animali di scavare le loro tane. Ma se togliamo, per la propria comodità, tutto ciò che spontaneamente cresce sulle sponde dei canali......

      Rispondi

  • Bela

    26 Aprile @ 21.39

    Risanate i fiumi dagli scarichi di fogna

    Rispondi

  • Maria

    26 Aprile @ 20.36

    Quanta crudeltà! Noi uomini non sappiamo fare altro che disastri e uccidere bestiole indifese. Perchè non è stato fatto un controllo preventivo ? Perchè si è aspettato che le nutrie si moltiplicassero a tal punto da dover ora assumere decisioni drastiche e crudeli? Si vergognino coloro che hanno la responsabilità del territorio per non voluto o saputo vedere......

    Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    26 Aprile @ 19.33

    e bravi i nostri politici che non cambiano mai. Comodissimo prendersela con le nutrie e non vedere come sono ridotti tutti i nostri corsi d'acqua, ridotti, proprio tutti, al ruolo di vere e proprie fogne. Fogne che poi, magari, sono utilizzate per irrigare i campi e "concimare" così i prodotti che arrivano sulla nostra tavola. E non si potrebbero fare,con la stessa solerzia con cui si decide di uccidere le nutrie, controlli severi sugli scarichi abusivi di chi, con la cisterna piena, scarica nei canali? E magari fare anche rigidi controlli su coloro che considerano gli argini vere e proprie discariche di ogni sorta di rifiuto? E magari invitare a non tagliare la vegetazione ripariale che con le proprie radici trattiene la terra ed evita che le nutrie scavino le loro tane? Ci se la prende sempre e comunque con i castorini, comodi capri espiatori delle malefatte umane.p.s. Magari fare anche un controllino su quei manufatti che sorgono lungo i corsi d'acqua ed impediscono alla stessa, durante la piena, di espandesi,non si potrebbe fare?

    Rispondi

    • Maria

      26 Aprile @ 20.39

      Glielo dica lei che è un esperto che quelle povere bestioline non vanno uccise....Non si poteva fare qualcosa prima di arrivare a questo?

      Rispondi

    • Pasquale

      26 Aprile @ 20.11

      Hai, no, qui il Prof. Mezzatesta per la prima volta casca nel benaltrismo. Le nutrie sono dannose e vanno eliminate. Nel contempo, ha ragione, provvedere a controllare i corsi d'acqua. Le due cose in parallelo, un non annulla l'altra.

      Rispondi

      • giorgio mezzatesta

        27 Aprile @ 06.22

        Pasquale lei ha ragione. Le nutrie creano problemi soprattutto alla biodiversità con la quale convivono. Non è fauna che appartiene ai nostri territori e pertanto non dovrebbe esserci. Ma il punto che volevo evidenziare è un altro. Si vuole, volutamente, sviare l'attenzione su come nulla si stia facendo per salvare quel poco che è rimasto e ripristinare condizioni accettabili di quel 99% dei corsi "d'acqua" ridotti al ruolo di fogne e discariche. Le mi appoggerà quando asserisco che i veri problemi dei nostri canali e fiumi sono l'abbandono al loro destino, nel totale disinteresse di chi dovrebbe provvedere a monitorare la situazione. Le nutrie certamente faranno danni, ma sono minimi rispetto a ciò che fa l'uomo. I corsi d'acqua sono una grande risorsa per il territorio, sono come le vene e le arterie del corpo umano, che provvedono a mantenerlo in vita. E' roba molto serie che riguarda la salute di tutti noi. E invece si pensa solo ad armare chi è felice i poterle far fuori.

        Rispondi

        • Pasquale

          27 Aprile @ 10.32

          Sono d'accordissimo! Da anni dico che invece di cementificare a go-go si possono spendere gli stessi soldi (incluse - cinicamente - eventuali mazzette) per curare il territorio e fare manutenzione e riparare gli immobili eccetera.

          Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti