15°

29°

VIA TESTI

«Stupro di gruppo, ci fu favoreggiamento»

«Stupro di gruppo, ci fu favoreggiamento»
Ricevi gratis le news
0
 

Tra loro serpeggiava un nomignolo crudele, altro “marchio” di quella notte nera come il catrame. Ma dopo, quando le indagini hanno portato alla luce lo stupro del branco nell’ex sede della Rete antifascista in via Testi, sarebbero partiti con chiamate e sms. Gli “amici” comuni avrebbero contattato la vittima per mettersi d’accordo sulla versione da fornire agli inquirenti.

Approcci velatamente minacciosi e testimonianze fuorvianti (all’epoca rese come persone informate sui fatti) tese a inquinare le prove. Sarebbero questi gli elementi emersi dalle indagini dei carabinieri dell’Investigativo coordinate dalla Procura. E proprio il sostituto procuratore Giuseppe Amara, titolare di entrambi i fascicoli, ha chiesto il rinvio a giudizio per i quattro giovani, fra cui una ragazza, accusati di favoreggiamento.

Si tratta di due parmigiani, il 23enne A.S. e il 29enne D.D.P. , del 28enne R.G., residente nel reggiano, e della 26enne milanese M.D.P. Un filone ben distinto da quello che vede imputati per violenza sessuale di gruppo i due parmigiani, Francesco Cavalca, 25 anni, e Francesco Concari di 29, e il 24enne romano Valerio Pucci. Ma che ruota attorno alla stessa notte cattiva di sei anni fa, quando la ragazza avrebbe vissuto l’inferno.

Un’indagine in salita fin dalla prima ora, considerando anche l’ambiente storicamente avverso alle divise che portò a sviluppi via via più torbidi con lo scorrere dei mesi. Sempre stando all’ipotesi accusatoria la vittima, avrebbe ricevuto approcci più volte da uno degli indagati per favoreggiamento, sia attraverso sms che utilizzando i messaggi su Facebook.

Si trattava di chiamate e messaggi che – stando alla ricostruzione degli inquirenti – avrebbero dovuto non solo intimidirla, ma anche convincerla a ritrattare, a fornire una versione diversa dell’accaduto. Lei non ha mai trovato la forza di denunciare, ma due settimane fa ha raccontato in aula quel che ha potuto. Brandelli di un incubo troppo grande, troppo feroce, per non piangere.

Davanti al collegio giudicante presieduto da Mattia Fiorentini, a latere i giudici Adriano Zullo e Laura Guidotti, la 24enne mantovana ha ricostruito le sequenze di quella notte che sono ancora lì, a svuotarle l’anima. Lei sarebbe approdata in città per incontrare uno degli imputati. Sarebbe stato quest’ultimo, con una scusa, a condurla alla sede del movimento che allora si riuniva in via Testi. Una volta arrivata si sarebbe ritrovata sola insieme ai suoi presunti aguzzini, trasformati in belve senza scopo. Se non quello di sfregiare una vita.

Ci sarebbero inoltre solidi elementi per sostenere che la giovane vittima sarebbe stata drogata a sua insaputa. Poi l’agguato brutale ripreso con uno dei cellulari dei presenti, ed è stato proprio questo video la prova regina. La giovane si sarebbe risvegliata la mattina dopo all’interno della sede Raf di via Testi, nuda e con le tracce dei rapporti violenti sul corpo. Una storia, arrivata ai carabinieri dell’Investigativo solo dopo anni e grazie a una tenace ricerca di indizi. Una storia che il pm Amara non ha mai sottovalutato e per cui ha dato battaglia fin dalla prima ora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scoppia il motore della barca, si tuffa ma muore annegato

roccabianca

Barca inizia a inabissarsi per una rottura: 75enne si tuffa ma muore annegato

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

5commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

francia

Auto contro due fermate dell'autobus a Marsiglia, un morto. "Pista psichiatrica"

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

tg parma

Agosto 1984, quando i parmigiani andavano alla piscina Ex Enal Video

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti