19°

il caso

Molestie sul bus, il Centro Antiviolenza: "Non giudicate quella ragazza"

Autobus Tep

Autobus Tep

Ricevi gratis le news
2

Ha fatto il giro del web la testimonianza di una studentessa universitaria parmigiana che ha raccontato un episodio accaduto sulla linea numero 7: un approccio di un ragazzo a una ragazza che passa dalle chiacchiere alle molestie, alla paura. La testimone è intervenuta quando ha pensato che le cose potessero prendere una brutta piega ma, oltre alle colpe evidenti del ragazzo, ha posto una riflessione: "Ciò che mi preoccupa veramente è che una ragazza di vent’anni non abbia saputo riconoscere il limite PRIMA di averlo sorpassato. Perché ha dato tutte quelle informazioni a un ragazzo che la trovava bella? Perché, fino al punto limite che l’ha avviata alla paura, c’era in lei un certo sorriso “appagato”, quasi lusingato dalle attenzioni ricevute, proprio quel sorrisetto ingenuo e innocente, che ho osservato sin dall’inizio e che mi aveva fatto pensare che fossero amici? A mio parere, se non insegniamo alle nostre giovani ragazze, alle future donne, ad amarsi da sole, a non rincorre banali lusinghe che mascherano beceri istinti puramente sessuali, a non essere così ”credulone”, ad autoapprezzarsi…beh, non credo si possa fare un vero cambiamento".

Proprio su questo tema interviene il Centro Antiviolenza di Parma, continuando una collaborazione avviata da tempo con la Gazzetta di Parma.

"Da qualche giorno circola in rete la testimonianza di una ragazza di Parma che racconta come, nell’indifferenza della maggior parte delle persone, sulla linea degli autobus 7 – quella che collega la stazione con il campus universitario – una studentessa sia stata vittima di violenza da parte di uno sconosciuto.
Non mettendo in dubbio la buona fede della ragazza che scrive e anzi plaudendo all’attenzione mostrata nei confronti di un’altra donna, essendo stata lei l’unica ad intervenire per aiutare una persona evidentemente in difficoltà, vorremmo però cercare di superare i soliti pregiudizi che accompagnano queste vicende. Proprio per questo motivo ci pare doveroso dire che noi siamo dalla parte della ragazza. Non di quella che racconta quanto successo, ma quella che ha vissuto l’episodio in prima persona, di quella che solitamente viene definita la “vittima” della violenza e che in questo caso, proprio a causa del racconto diffuso sulla rete, è stata vittimizzata un’altra volta dalle parole della impavida “testimone”. Vorremmo dire a quella ragazza che ha subito la violenza che noi siamo dalla sua parte. Sempre. Che per noi dovrebbe essere libera di sedersi ovunque voglia, che siano i sedili di ultima fila di un autobus o le panchine della stazione in piena notte perché non esistono posti sicuri e posti “infelici” (come si spiegherebbe allora che la maggior parte delle violenze vengono commesse in ambiente domestico, in quella casa che da sempre è l’emblema della sicurezza?). Vorremmo dirle che deve essere sempre libera di accettare un complimento, di apprezzarlo e anche di sorriderne senza che per questo debba essere “chiamata” ingenua e/o superficiale e senza che per questo venga messa in dubbio la sua autostima. Vorremmo dirle che non è colpa sua. Mai. Ci piacerebbe farle sapere che tutte queste cose non la rendono responsabile di ciò che è successo su quell’autobus. Perché c’è un solo responsabile ed è il ragazzo.
E poi vorremmo dire alla “testimone” per niente silenziosa e a tutte/i quelle/i che hanno condiviso le sue parole che “il vero cambiamento” ci sarà quando gli uomini impareranno a rispettare una donna e le sue decisioni, quando gli uomini si innamoreranno della sua libertà e quando nessuna donna verrà giudicata o colpevolizzata per un atteggiamento che noi riteniamo sbagliato. Perché tra dire «ah ma la ragazza era vestita provocante….così bella poi!» e «insegniamo alle nostre giovani ragazze, alle future donne, ad amarsi da sole, a non rincorre banali lusinghe che mascherano beceri istinti puramente sessuali, a non essere così ”credulone”, ad autoapprezzarsi» non c’è davvero nessuna differenza."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • bichouk

    17 Dicembre @ 13.45

    Concordo in pieno!quando si è molto giovani e magari timide, non sempre si hanno strategie di allontanamento immediate ed efficaci. Essere belle ed elegantemente vestite poi, mi dispiace per la ragazza che ha scritto la lettera, è una "scusa" vecchia come il mondo è oltretutto piuttosto banale.

    Rispondi

  • Bastet

    17 Dicembre @ 13.08

    Posto che una ha il diritto di vestirsi come accidenti vuole....a volte si risponde garbatamente per paura !...in ogni caso la ragazza è stata ingenua...ma dare colpe a lei è assurdo!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro