BAND DI PROVINCIA

I Jordi

Quando l'amore per il rock appassiona padre e figlio che fondano una band Per loro il top è suonare ai motoraduni

Jordi

Jordi

0

«La musica per noi è divertimento e condivisione». E’ questa la filosofia che spinge sul palco la band langhiranese Jordi. E’ una filosofia fatta propria dal gruppo nel 2010 e che oggi, a quattro anni di distanza, spinge i quattro componenti del gruppo, gli stessi della formazione originale, a girare in lungo e in largo la provincia di Parma per regalare serate divertenti durante le quali, da un momento all’altro, può scattare una jam session coinvolgendo i musicisti presenti tra il pubblico. «Tutto ha avuto inizio nel 2010 - racconta Giordano “Jordi” Calestani, il cui soprannome è presto diventato il nome della band -. E’, in quel periodo, che mio figlio Alessandro è stato folgorato dalla passione per la musica. Per buona parte della sua gioventù Alessandro non ne ha voluto sapere di note e spartiti. Poi tutto è cambiato». L’amore per la musica, che aveva stregato papà Giordano ancora adolescente tra gli anni ’60 e ’70 quando il suo maestro William Mori gli prestò una chitarra di nascosto dai genitori, colpisce anche Alessandro che decide di imparare a suonare la chitarra. Suo primo maestro è Beppe Ugolotti, storico componente dei Tnt. Dopo l’esperienza con i Rock Dust, Alessandro si unisce al papà Giordano. Un giro di telefonate e nella band entrano anche il batterista Alfonso Cavalieri e il bassista Luca Moretti, che avevano condiviso precedenti esperienze musicali con Giordano. Sono tutti langhiranesi e il debutto sul palco non poteva che avvenire proprio in casa: nel settembre del 2010, nell’ambito dei «Sapori del giallo», evento del Festival del prosciutto di Langhirano. Le cover rock-blues dei Jordi piacciono. Da Langhirano iniziano ad essere proposte in tutta la provincia. «Suonare con il tuo figlio è meraviglioso - spiega Giordano -. Già la musica da sola è qualcosa di bellissimo che ti senti dentro. Poter far musica insieme a lui ti regala poi qualcosa di indescrivibile». Una magia in grado di annullare anche i tre decenni di differenza che intercorrono tra il più giovane del gruppo, il 30enne Alessandro, e il meno giovane, il padre 60enne Giordano, passando per i 39 anni di Luca e i 47 di Alfonso. «Raggruppiamo diverse generazioni - aggiunge Giordano - e ciò rispecchia anche le caratteristiche del nostro pubblico, un pubblico eterogeneo che ci porta a proporre scalette nei vari concerti in base al contesto in cui ci troviamo a suonare. Una delle location che amiamo di più è quella dei motoraduni. Da un po’ di tempo, siamo in ottimi rapporti con il gruppo di motociclisti parmigiani guidato da Nicola Veneri. Suonare alle loro feste ci fa sentire come se fossimo in California. Memorabili sono stati i concerti ad Eia e al Gasoline di Lentigione ma anche al motoraduno “Ciao Chicco” di Bedonia dedicato ad un motociclista scomparso». L’obiettivo futuro dei Jordi è quello di continuare a suonare divertendosi. E nel frattempo realizzare il sogno di Giordano - che Alessandro ha reso nonno di Andrea e Giada pochi giorni fa - ossia quello di suonare sul palco anche con i due nipotini. «Li sto già aspettando per farli suonare insieme al bravissimo Leonardo, figlio del batterista» annuncia raggiante Giordano.
______

 

Chi sono - Quattro musicisti tutti langhiranesi
Tutta langhiranese la band Jordi. Composta dal cantante e chitarrista d’accompagnamento Giordano «Jordi» Calestani, 60enne artigiano di Pastorello di Langhirano; alla batteria c’è Alfonso Cavalieri, 47enne che lavora in un’industria di serramenti a Pilastro come Luca Moretti, bassista 39enne. Completa il gruppo il chitarrista solista Alessandro Calestani, 30enne langhiranese oggi residente a Podenzano e figlio di Giordano. Il simbolo del gruppo è una «J» bianca inserita all’interno di un ottagono bianco su uno sfondo nero.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika su Rai Due

su Rai Due

L'Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

nostre iniziative

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

22commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli errori, la sconfitta e la possibile rivincita

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

storia

Scoperta la mummia della regina Nefertari al Museo di Torino

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ANIMALI

sos animali

Di chi è questo pappagallo?

sos animali

I due cagnolini Kay e Tata cercano una famiglia