21°

EDITORIALE

Lettera da San Leonardo: un quartiere difficile

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
3

Caro direttore,
sono una delle titolari di un'attività commerciale nel quartiere San Leonardo, che non è solo degrado, violenza e illegalità ma è fatta di persone e negozi, come il mio che, se già nella realtà di una crisi economica attuale cerca di restare a galla, oltretutto non è facilitato dal contesto. È giusto dare risalto e notizia di quello che accade nel nostro quartiere, non dobbiamo finire nell'oblio ma le foto usate per gli articoli, dove compare anche la mia insegna, (e la potenza delle immagini, come delle parole, non è da sottovalutare) sono uno smacco al cuore ma anche al portafogli. Col mio negozio ci devo vivere e mantenere una famiglia, occorre cercare soluzioni ma nel frattempo cerchiamo di non danneggiare con "pubblicità negativa" anche quei pochi che cercano di resistere.
Rossana Conti - Parrucchiera Rossana, via Trento 24/d, Parma

Gentile Rossana,
mi spiace se il suo negozio ha ricevuto una pubblicità negativa dal nostro servizio dell'11 novembre; e, per quello che valgono, le porgo le mie scuse. Credo però, me lo lasci dire, che nessun lettore al mondo potrebbe pensar male del suo negozio solo per averlo visto sullo sfondo, in una fotografia, in un servizio sul quartiere San Leonardo. È evidente che i problemi di quell'area non sono colpa delle persone oneste che vi abitano e vi lavorano; persone che, anzi, sono le prime a essere danneggiate dagli spacciatori e dagli altri loschi figuri che stanno occupando le vostre notti, e forse non solo le notti.
San Leonardo non è solo degrado e violenza, lei dice. Non c'è dubbio. È fatto appunto da persone che vi abitano e da negozianti che vi lavorano. Certo. Ma è proprio per aiutare queste persone e queste negozi a non sentirsi soli che noi della Gazzetta richiamiamo l'attenzione su una microcriminalità (termine che non mi piace: la criminalità non è mai micro) che rende San Leonardo un quartiere difficile. Lo facciamo, credo, con equilibrio, senza drammatizzare: abbiamo scritto più volte che Parma non è Scampia e San Leonardo non è il Bronx. Però i parmigiani ricordano quando la città era tutta più tranquilla e più vivibile, e non bisogna rassegnarsi al peggioramento.
Cara signora: sa perché pubblico la sua lettera in prima pagina, come editoriale? Perché mi offre uno spunto che mi intriga. E cioè, quello di ricordare a tutti che la polvere va rimossa, non nascosta sotto il tappeto. Ci sono troppe persone che vorrebbero che di certe cose non si parlasse. Non mi riferisco a lei (la sua lettera è anzi comprensibile e molto garbata) ma, mi creda, la tentazione di minimizzare i problemi, quando non di tacerli, è sempre molto forte da parte di chi avrebbe la responsabilità e il dovere di affrontarli.
Quando c'era Lui, cioè Mussolini, il problema della delinquenza fu affrontato, tra l'altro, anche abolendo la cronaca nera. Delitti, rapine, furti (lo spaccio di droga ancora non c'era, almeno nelle strade) non finivano sui giornali e gli italiani si convinsero che il fascismo aveva garantito l'ordine e la legalità. Ma non era vero.
Oggi Lui non c'è più, e non c'è più neppure il monopolio dei giornali nell'informazione, per cui replicare una censura del genere sarebbe impossibile. E ovviamente sarebbe anche, oggi come allora, sbagliato. Per questo i giornali almeno quel ruolo - di denuncia e di richiamo - lo conservano, e lo debbono esercitare.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    13 Novembre @ 16.42

    Comunque,io ringrazio Iddio e tutti i santi del calendario di essere riuscito, nel 2008, a vendere un appartamento in zona. E la polvere nascosta sotto il tappeto, fatta di spacciatori nigeriani e posteggiatori abusivi senegalesi, viene rimossa dalle massime autorità parmigiane, solo per il timor di apparire razzisti e xenofobi agli occhi delle solite minoranze ideologiche sinistroidi pseudo-marxiste,che non fanno che sputazzare slogans triti e ritriti dal famigerato '68, tutti radical-chic di nicchia della borghesia più pura ed annoiata.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      13 Novembre @ 17.52

      "Solite minoranze ideologiche sinistroidi pseudo-marxiste" , la cui "longa manus" è il Ministro degli Interni destroide Alfano.

      Rispondi

  • Michele

    13 Novembre @ 16.01

    mandra_sala@libero.it

    Questa giunta ha affossato mezza città. Emergenza criminalità altissima ed ormai insostenibile. Situazione FUORI CONTROLLO. La Incapacità a 360 gradi è evidente e dimostrata dai fatti. Ora parlo io ... diceva Casa l'assessore alla sicurezza qualche giorno fa. Ma Casa non ha detto nulla e non farà nulla. #effetto Parma.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Il CineFilo per domenica 22 ottobre - La battaglia dei sessi - Nico 1988 - It - Blade runner 2049 -

IL CINEFILO

It, il nuovo Blade Runner, La battaglia dei sessi: i film della settimana

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

12commenti

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

CALCIO

Domani si gioca Foggia-Parma, oggi le visite per Ceravolo Video

E' già tempo di nuove sfide per i crociati

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

36commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

"Parcheggio inadeguato in via Jacchia"

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro