-0°

12°

EDITORIALE

Quel che manca per fare un governo

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
3

Quel che manca per fare un governo non è una maggioranza solida sia alla Camera che al Senato, non è l'intesa sul nome del nuovo premier o su un Renzi-bis, non è un programma condiviso su come affrontare la crisi economica e non è neanche un accordo su una nuova legge elettorale per andare al voto rapidamente. Quel che manca è, molto semplicemente, la voglia di trovare un accordo. In una parola, manca il senso di responsabilità nei confronti del Paese. Ciascuno pensa al proprio interesse di bottega, e basta.
Discorsi demagogici? Può darsi. Però osserviamo quello che sta accadendo dopo il referendum. Renzi si è dimesso, ma non è detto che non resti in carica ancora per un po', magari fino alle prossime elezioni. Aveva detto che si sarebbe ritirato a vita privata, e sul cambio di programma non ci sentiamo di biasimarlo, perché per quanto abbia perso il referendum, il risultato dimostra che un seguito ce l'ha, e forte. Resta segretario del Pd, ma nel Pd come sempre succede i fedelissimi sono diventati un po' meno fedeli dopo la sconfitta: si è aperta la fronda e sono cominciate le manovre di palazzo per cambiare leader, oltre che a palazzo Chigi, anche in largo del Nazareno.
Nel centrodestra non c'è neppure bisogno di cambiare il leader, per il semplice motivo che il leader non c'è. O meglio ce ne sarebbe uno, l'immortale Berlusconi. Il quale però ha ottant'anni e qualche problema di salute: in certi momenti perfino lui ha pensato che si dovesse nominare un successore e ne ha ipotizzati alcuni, però poi li ha soffocati tutti in culla: Alfano, Toti, infine Parisi. E poi, nel centrodestra non c'è solo Forza Italia: c'è anche la Lega, che ha un altro leader, Salvini, il quale vuole le elezioni subito. Berlusconi invece non le vuole. Prima del referendum aveva detto che, in caso di vittoria del no, si sarebbe seduto a un tavolo con Renzi per cambiare la legge elettorale e andare al voto con calma. Oggi invece dice che di larghe intese non ne vuole neppure sentir parlare.
Poi ci sono i grillini. Per mesi hanno gridato al golpe sostenendo che la legge elettorale voluta da Renzi, l'Italicum, è una porcheria che favorisce svolte autoritarie. Oggi spingono per andare a votare subito con l'Italicum: non perché non pensino più che è una porcata, ma perché hanno capito che è una porcata che in questo momento li farebbe vincere.
Ma vincere con chi? Ci vorrebbe un candidato premier. E fra i grillini c'è chi vorrebbe Di Maio, chi vorrebbe Di Battista e perfino chi non è d'accordo sul voto con l'Italicum.
Ecco perché diciamo che ciascuno sta pensando ai propri interessi, e non a quelli del Paese. Ed è deprimente che questo si ripeta oggi, cioè subito dopo una discussione sulla Costituzione. Si sono riempiti in tanti la bocca, in questi mesi, con «lo spirito dei Padri Costituenti». Ma avrebbero dovuto prima sciacquarsela, la bocca. Perché la Costituzione la fecero italiani dalle diverse, perfino opposte visioni del mondo, cattolici e laici, comunisti e liberali: ma italiani, e come tali impegnati a unirsi per il bene del Paese. Italiani che avevano una visione sul futuro, mentre quelli di oggi ce l'hanno al massimo sulla percentuale da prendere alle prossime elezioni.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ab9pr

    11 Dicembre @ 18.56

    alberto_bianco@alice.it

    Il Direttore ha capito benissimo quello che si percepisce in tv e sulla carta stampata, ovvero che in Italia, i politici, si riempiono la bocca di tante belle parole e di affascinanti promesse non per il bene del Paese ma esclusivamente per raccogliere voti e "vincere" le elezioni o il referendum di turno. Bisognerebbe spiegare a questa gente che vincere le elezioni e governare è solo il punto di partenza non quello di arrivo e che bisogna festeggiare solo dopo aver lavorato onestamente ed aver risolto i veri problemi del Paese. Questo, Vercingetorige, è molto più di una ragione per votare si o no al referendum ... manca la base a questa classe politica, cioè l'interesse vero per tentare di risolvere i problemi. Valori che invece nella classe politica di chi ha scritto la Costituzione erano belli presenti, altro che essere sempre in tv o sui social network ... i problemi sono una cosa seria non un giochino da risolvere con tweet o post su facebook. Concludo poi chiedendoLe ... perchè parlare al plurale? ("lei ha capito la ragione per cui ABBIAMO votato NO"), si prende una bella responsabilità, prendere parola per tutti quelli che hanno votato no...

    Rispondi

  • Ivo

    11 Dicembre @ 18.35

    Magari se riascoltasse Di Maio oggi a mezz'ora dall Annunziata , dovrebbe correggere quello che ha scritto sui 5 stelle.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    11 Dicembre @ 16.46

    Egregio Direttore , lei ha capito la ragione di fondo per cui abbiamo votato "NO" . Non sono costoro a poter mettere le mani nella Costituzione. Devono solo , rigorosamente, rispettarla , e noi fargliela rispettare.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

protezione civile

L'Enza fa paura: il ponte di Sorbolo resterà chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

5commenti

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

MALTEMPO

Ghiaccio (le foto) e black-out, Lucchi: "Berceto in ginocchio" Video: il Baganza fa paura

anteprima Gazzetta

Un altro grave incidente sulla Massese

autostrada

Auto si capovolge in A1 a Campegine: conducente illeso Foto

squadra mobile

Vicofertile, quattro kg di droga in casa del pusher "impenitente" Video

3commenti

legambiente

La Brescia-Parma tra le peggiori linee ferroviarie d'Italia con la Circumvesuviana e l'Agrigento-Palermo

3commenti

ieri sera

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

28commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

4commenti

GAZZAFUN

Dagli ex alle coppe vinte: 10 quiz per sapere tutto del Parma

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

1commento

tg parma

Guerra: "Per Fedez nessuna location bocciata. In settimana l'annuncio"

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

manhattan

Esplosione a New York: "Bombardano il mio Paese (Bangladesh) volevo vendetta" Mappa - Foto - Il momento dell'esplosione

sondrio

Passanti travolti al mercatino di Natale: "Ne dovevo uccidere di più"

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

cultura

L’Arabia Saudita riaprirà i cinema. Dopo 35 anni...

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS