EDITORIALE

Quel che manca per fare un governo

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
3

Quel che manca per fare un governo non è una maggioranza solida sia alla Camera che al Senato, non è l'intesa sul nome del nuovo premier o su un Renzi-bis, non è un programma condiviso su come affrontare la crisi economica e non è neanche un accordo su una nuova legge elettorale per andare al voto rapidamente. Quel che manca è, molto semplicemente, la voglia di trovare un accordo. In una parola, manca il senso di responsabilità nei confronti del Paese. Ciascuno pensa al proprio interesse di bottega, e basta.
Discorsi demagogici? Può darsi. Però osserviamo quello che sta accadendo dopo il referendum. Renzi si è dimesso, ma non è detto che non resti in carica ancora per un po', magari fino alle prossime elezioni. Aveva detto che si sarebbe ritirato a vita privata, e sul cambio di programma non ci sentiamo di biasimarlo, perché per quanto abbia perso il referendum, il risultato dimostra che un seguito ce l'ha, e forte. Resta segretario del Pd, ma nel Pd come sempre succede i fedelissimi sono diventati un po' meno fedeli dopo la sconfitta: si è aperta la fronda e sono cominciate le manovre di palazzo per cambiare leader, oltre che a palazzo Chigi, anche in largo del Nazareno.
Nel centrodestra non c'è neppure bisogno di cambiare il leader, per il semplice motivo che il leader non c'è. O meglio ce ne sarebbe uno, l'immortale Berlusconi. Il quale però ha ottant'anni e qualche problema di salute: in certi momenti perfino lui ha pensato che si dovesse nominare un successore e ne ha ipotizzati alcuni, però poi li ha soffocati tutti in culla: Alfano, Toti, infine Parisi. E poi, nel centrodestra non c'è solo Forza Italia: c'è anche la Lega, che ha un altro leader, Salvini, il quale vuole le elezioni subito. Berlusconi invece non le vuole. Prima del referendum aveva detto che, in caso di vittoria del no, si sarebbe seduto a un tavolo con Renzi per cambiare la legge elettorale e andare al voto con calma. Oggi invece dice che di larghe intese non ne vuole neppure sentir parlare.
Poi ci sono i grillini. Per mesi hanno gridato al golpe sostenendo che la legge elettorale voluta da Renzi, l'Italicum, è una porcheria che favorisce svolte autoritarie. Oggi spingono per andare a votare subito con l'Italicum: non perché non pensino più che è una porcata, ma perché hanno capito che è una porcata che in questo momento li farebbe vincere.
Ma vincere con chi? Ci vorrebbe un candidato premier. E fra i grillini c'è chi vorrebbe Di Maio, chi vorrebbe Di Battista e perfino chi non è d'accordo sul voto con l'Italicum.
Ecco perché diciamo che ciascuno sta pensando ai propri interessi, e non a quelli del Paese. Ed è deprimente che questo si ripeta oggi, cioè subito dopo una discussione sulla Costituzione. Si sono riempiti in tanti la bocca, in questi mesi, con «lo spirito dei Padri Costituenti». Ma avrebbero dovuto prima sciacquarsela, la bocca. Perché la Costituzione la fecero italiani dalle diverse, perfino opposte visioni del mondo, cattolici e laici, comunisti e liberali: ma italiani, e come tali impegnati a unirsi per il bene del Paese. Italiani che avevano una visione sul futuro, mentre quelli di oggi ce l'hanno al massimo sulla percentuale da prendere alle prossime elezioni.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ab9pr

    11 Dicembre @ 18.56

    alberto_bianco@alice.it

    Il Direttore ha capito benissimo quello che si percepisce in tv e sulla carta stampata, ovvero che in Italia, i politici, si riempiono la bocca di tante belle parole e di affascinanti promesse non per il bene del Paese ma esclusivamente per raccogliere voti e "vincere" le elezioni o il referendum di turno. Bisognerebbe spiegare a questa gente che vincere le elezioni e governare è solo il punto di partenza non quello di arrivo e che bisogna festeggiare solo dopo aver lavorato onestamente ed aver risolto i veri problemi del Paese. Questo, Vercingetorige, è molto più di una ragione per votare si o no al referendum ... manca la base a questa classe politica, cioè l'interesse vero per tentare di risolvere i problemi. Valori che invece nella classe politica di chi ha scritto la Costituzione erano belli presenti, altro che essere sempre in tv o sui social network ... i problemi sono una cosa seria non un giochino da risolvere con tweet o post su facebook. Concludo poi chiedendoLe ... perchè parlare al plurale? ("lei ha capito la ragione per cui ABBIAMO votato NO"), si prende una bella responsabilità, prendere parola per tutti quelli che hanno votato no...

    Rispondi

  • Ivo

    11 Dicembre @ 18.35

    Magari se riascoltasse Di Maio oggi a mezz'ora dall Annunziata , dovrebbe correggere quello che ha scritto sui 5 stelle.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    11 Dicembre @ 16.46

    Egregio Direttore , lei ha capito la ragione di fondo per cui abbiamo votato "NO" . Non sono costoro a poter mettere le mani nella Costituzione. Devono solo , rigorosamente, rispettarla , e noi fargliela rispettare.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche  Foto

social

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche Foto

Oscar: 'La forma dell'acqua' accusata di plagio

cinema

Accuse di plagio per il film "La forma dell'acqua", candidato a 13 Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Cinque centimetri di neve in città: in azione i mezzi del Comune. Scuole chiuse a Lesignano e Neviano

PARMA

Neve in città, in azione i mezzi del Comune. Scuole chiuse a Lesignano e Neviano

E' attivo un numero verde del Comune di Parma per segnalazioni e informazioni

2commenti

Gazzareporter

Risveglio con la neve a Parma Invia le tue foto

VIOLENZA SESSUALE

Molestò una bimba di 8 anni, insegnante condannato

GAZZAREPORTER

Neve da Panocchia all'Appennino: le foto dei lettori

APPENNINO

Varsi, frana nella notte sulla provinciale 28. Strada ghiacciata al Passo del Bratello Video

Le strade provinciali sono tutte percorribili

Colorno

Vende elettrodomestici on line e truffa 100 persone, denunciata 30enne

Fidenza

E' morto Aldo Bianchi, storico commerciante

PARMA

Impresa Pizzarotti e Sonae costruiranno il centro commerciale in zona fiera

Investimento da 200 milioni di euro. Nel 2019 l'inaugurazione

Furto

Razzia di salumi in una cantina di Zibello

1commento

calcio

Parma, sfida da non fallire

Grandi opere

Archiviazione per Burchi, ex presidente dell'A15

CASO LAMINAM

«L'aria di Borgotaro? Nessun rischio per la salute»

SALSO

Falco pellegrino impallinato e poi curato dal Cras

1commento

in serata

Investita in via Volturno: grave un'anziana Video

GAZZAREPORTER

"Parcheggio creativo in viale Sette F.lli Cervi" Foto

Al Tardini

D'Aversa: "Con il Venezia conta solo vincere" Video. Neve-gelo, match a rischio

I convocati: Ciciretti, Di Gaudio, Mazzocchi e Munari out

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Caso Embraco, l'Europa dimostri di esistere

di Aldo Tagliaferro

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

SALUTE

Morbillo: 164 casi e 2 morti in Italia a gennaio

INCIDENTI

Auto pirata investe 12enne: identificato un calciatore del Bologna

SPORT

olimpiadi

Pattinaggio: Zagitova primo oro della Russia, Kostner quinta

Formula 1

E' nata la nuova Ferrari Foto

SOCIETA'

Lutto

E' morta "Sirio", l'astrologa dei vip: aveva 85 anni

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

14commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra