-2°

EDITORIALE

E questa volta i tedeschi siamo noi

E questa volta i tedeschi siamo noi
Ricevi gratis le news
0

Si è conclusa in Italia la breve vita di Anis Amri, il terrorista tunisino, affiliato all'Isis, autore della strage del mercatino di Natale di Berlino dove sono morte 12 persone. Si è conclusa nel nostro Paese proprio dove la carriera criminale europea di Amri era cominciata. Questo giovane, sedicente minorenne, infatti, era arrivato a Lampedusa assieme ai tanti in fuga dai disordini seguiti alla cosiddetta «primavera araba». Solo che, stando ai media tunisini, non era l'ansia di libertà a muovere Amri, ma semplicemente il tentativo di sottrarsi a una condanna per rapina a mano armata nel suo Paese, poi effettivamente arrivata dopo un processo in contumacia. Insomma quando arriva da noi Amri è già un criminale. Il tunisino dimostra da subito di essere un soggetto da prendere con le molle: assieme ad altri dà fuoco a un centro di accoglienza e, in un crescendo di violenza, commette altri reati fino a che una condanna a 4 anni di reclusione lo ferma. Temporaneamente e per poco, però, perché anche in carcere continua la sua carriera di violento in servizio permanente effettivo. Sono risse, minacce (un «ti taglio la testa» sibilato a un compagno di cella cristiano che fa presagire la sua successiva radicalizzazione), comportamenti anti-sociali. Il provvedimento di espulsione arriva subito dopo la scarcerazione, ma, come spesso succede, non diventa effettivo perché le autorità tunisine non riescono a inviare in Italia, nei termini stabiliti, i documenti che servono per farlo tornare a Tunisi. O non vogliono. Una prassi che si ripete spessissimo. E che non può essere ulteriormente tollerata perché ne va della nostra vita. Amri, quindi, decide di cambiare aria e lascia l'Italia per la Germania dove viene espulso una seconda volta. E naturalmente viene «graziato» dai ritardi delle autorità tunisine. In Germania affina la sua maturazione criminale entrando in contatto con gli ambienti dell'estremismo islamico. Senza naturalmente smettere di delinquere, visto che è fermato per spaccio di droga. Non è infrequente che il cammino di radicalizzazione si intrecci a comportamenti devianti che cozzano violentemente con la purezza dell'integralismo e con la ragnatela di precetti che scandisce la vita del credente islamico ortodosso. Il fatto che Amri, nel momento della sparatoria- secondo il prefetto di Milano - non abbia gridato «Allah Akbar!», «Dio è grande!», ma molto più prosaicamente «poliziotti bastardi!», dà un'idea del soggetto. Uno dei tanti «vuoti a perdere» che i burattinai dell'Isis usano, dopo averli convinti con blandizie e promesse condite da zelo religioso, per le loro azioni di morte. E così arriviamo a giovedì sera quando Amri, davanti alla stazione di Sesto San Giovanni, viene fermato per un controllo di routine da parte di una pattuglia delle Volanti. E qui, da balordo che si crede invincibile, apre, approfittando della sorpresa, il conflitto a fuoco che gli sarà fatale. E che procurerà all'Italia le lodi della Germania. Una cosa che non si vede spesso. La morale di questa storia assurda è che le cose semplici e il duro lavoro, cioè il controllo intenso del territorio che le forze dell'ordine svolgono tutti i giorni, a volte tra gli sfottò dei tanti, sono assolutamente indispensabili. Non bastano la telecamere e l'intelligence. Peccato che il Viminale, preso dall'euforia, abbia diffuso nome e cognome degli agenti che hanno ucciso Amri. Forse qualche preoccupazione in più per la loro sicurezza e la loro privacy sarebbe stata una scelta migliore.
pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

calcio

Il Parma s'accontenta

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

1commento

Gara

La grande sfida degli anolini

1commento

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

5commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande