-0°

12°

EDITORIALE

La guerra fredda corre su Internet

La guerra fredda corre su Internet
Ricevi gratis le news
2

I nomi sono decisamente fantasiosi: «Fancy Bear», «Cozy Bear», «Guccifer»; si muovono nel mondo virtuale di internet e hanno l'aura libertaria e un po' anarchica dell'hacker, il pirata informatico che tutti si immaginano come un giovane nerd, occhiali dalla montatura spessa, cervello fino e grande cuore, in lotta contro la corruzione della politica e delle grandi corporation. Ma questa volta la realtà è un po' diversa. Dietro Apt 28 e Apt 29 - questi i nomi decisamente più burocratici usati da Fbi e dal Dipartimento per l'Homeland Security nel documento che sta alla base delle drastiche decisioni dell'amministrazione Obama - ci sono i servizi segreti russi: sia l'Fsb, quello civile, che il Gru, quello militare. Il documento è un «joint analysis report», quindi autorevole perché frutto del lavoro di più agenzie statunitensi. Secondo l'intelligence Usa ci sono pochi dubbi, infatti, che le incursioni informatiche che hanno portato alla diffusione di una mole impressionante di documenti imbarazzanti capaci di penalizzare la campagna elettorale di Hillary Clinton, sono stati decise e programmate a Mosca. Forse, ma questo nei documenti non è scritto, dallo stesso Vladimir Putin. Il motivo di questa azione ostile è abbastanza semplice da intuire: non tanto favorire Donald Trump rispetto alla Clinton - c'è anche questo, naturalmente, ma la candidata democratica probabilmente le elezioni le avrebbe perse lo stesso - quanto diminuire la già scarsa fiducia dei cittadini americani rispetto al processo democratico. Quando si comincia a pensare che l'intero processo elettorale è truccato, allora diventa più semplice per i dittatori giustificare il loro disprezzo per le regole della democrazia. In questo caso il disvelamento del tentativo russo in qualche modo è il suggello del successo dell'operazione, non del suo fallimento. Una volta raggiunta quindi la convinzione - naturalmente indiziaria, visto che le prove sono precise, ma non ultimative - dell'intervento russo le sanzioni non potevano essere evitate. Di solito in Italia si tende a iper-politicizzare le motivazioni delle decisioni prese alla Casa Bianca, ma, al di là delle divergenze tra Obama e Trump rispetto a Putin che ci sono e non vanno minimizzate, con le carte che sono state diffuse - e altre seguiranno - sarà difficile che il nuovo presidente Usa si prenda la responsabilità di revocare l'ostracismo delle 35 spie russe. Ieri, per esempio, un editoriale del Wall Street Journal, la roccaforte del pensiero conservatore statunitense, attaccava Obama per aver agito con poco nerbo e dopo aver fatto troppa «melina». Paul Ryan, lo speaker repubblicano della Camera, cioè la personalità più alta del partito di Trump, ha poi notato come questa storia delle sanzioni all'undicesima ora sono il giusto epilogo della fallimentare politica dell'amministrazione Obama nei riguardi della Russia. Il fallimento di un approccio troppo «soft». Il fatto è che la guerra elettronica non è una fantasia. E non solo per fare disinformazione, o se volete l'originale russo «disinformatia». Per esempio ormai è assodato che l'opera di sabotaggio informatico messa in atto da Israele e Usa ha di fatto bloccato lo sviluppo del progetto nucleare iraniano portando poi Teheran al tavolo dei negoziati. Solo in Italia nessuno si occupa di questo tipo di cose. E l'unica volta che il governo è sembrato fare sul serio, con la nomina di uno «zar» alla sicurezza informatica, la polemica è scoppiata non sul colpevole ritardo che abbiamo su queste tematiche, ma sul fatto che il probabile designato, Marco Carrai, era troppo amico di Matteo Renzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Remo

    02 Gennaio @ 14.11

    se Atene piange, Sparta non ride...

    Rispondi

  • falco

    02 Gennaio @ 09.05

    Io ormai non mi stupisco più di come si possa essere così ciechi nel non vedere come in realtà la verità sia quasi diametralmente opposta. Per quanto mi riguarda gli Usa non hanno mai smesso di screditare in ogni modo la Russia. Lo fanno da sempre. E non mi meraviglio più del fatto che mai viene data la parola, nello stesso modo e con gli stessi tempi, all'altra parte! Sempre a parlare degli usa e delle sue beghe. I tg e i giornali, ogni giorno, ci danno notizie riguardanti gli usa (qualsiasi notizia, utile o inutiile che sia). Lo stesso trend non vi è mai per l'altra parte del mondo. L'impero del male, del denaro e della menzogna continua il proprio intento di indottrinamento delle masse mondiali. E poi ci si fa pure un editoriale!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Incidenti due

Incidenti

Corcagnano e via Pellico: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

protezione civile

L'Enza fa paura: il ponte di Sorbolo resterà chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

5commenti

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

MALTEMPO

Ghiaccio (le foto) e black-out, Lucchi: "Berceto in ginocchio" Video: il Baganza fa paura

autostrada

Auto si capovolge in A1 a Campegine: conducente illeso Foto

squadra mobile

Vicofertile, quattro kg di droga in casa del pusher "impenitente" Video

3commenti

legambiente

La Brescia-Parma tra le peggiori linee ferroviarie d'Italia con la Circumvesuviana e l'Agrigento-Palermo

3commenti

ieri sera

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

28commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

4commenti

GAZZAFUN

Dagli ex alle coppe vinte: 10 quiz per sapere tutto del Parma

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

1commento

tg parma

Guerra: "Per Fedez nessuna location bocciata. In settimana l'annuncio"

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

sos animali

Sospetto avvelenamento di un cane in Cittadella

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

sondrio

Passanti travolti al mercatino di Natale: "Ne dovevo uccidere di più"

birmania

Metodici stupri dell'esercito sulle donne Rohingya: l'indagine dell'Ap Le foto-simbolo

1commento

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

cultura

L’Arabia Saudita riaprirà i cinema. Dopo 35 anni...

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS