Buone Notizie

Piccoli passi per risorgere dalle ceneri della guerra

Piccoli passi per risorgere dalle ceneri della guerra
0

 Luigi Alfieri

La Sierra Leone possiede miniere di diamanti, di ferro, di rutilio e di bauxite. E' ricca di acqua. Il suo suolo è fertile. Eppure è «classificata» - a ragione - come il Paese più povero e arretrato del mondo. Insieme al Niger.

Ottenuta l'indipendenza nel 1961, ha cominciato a camminare come i gamberi. All'indietro. Gli inglesi avevano lasciato due ferrovie, l'energia elettrica, acquedotti. I governi locali, corrotti e inetti, hanno portato la Sierra Leone alla rovina. Regimi dittatoriali, basati sul «partito unico» hanno badato solo a spolpare, senza fare manutenzione dell'esistente e senza creare nulla di nuovo. Nel 1991, è scoppiata una delle più cruente guerre civili che la storia ricordi: i ribelli del Ruf guidati da Foday Sankoh contro il governo. Molti l'hanno chiamata la guerra dei diamanti, per il controllo delle miniere, ma il vescovo di Makeni, monsignor Giorgio Biguzzi non è d'accordo su questa interpretazione. «Per me - spiega - alla base di un simile irrazionale scoppio di violenza durato dieci anni, non ci sono motivi economici e neppure etnici (come accade spesso in Africa) o religiosi. Il fatto è che qui era crollato lo Stato. Il pesce comincia a marcire dalla testa e il governo era marcio. La gente della Sierra Leone non aveva più prospettive, nessuna speranza: solo disperazione». E così le bande di Sankoh al grido di «spazziamo via la corruzione» hanno cominciato a devastare il paese uccidendo, mutilando, stuprando, distruggendo tutto.

Rapivano i bambini dalle famiglie, li plagiavano, li drogavano e li costringevano a diventare ribelli. Spesso questi ragazzini erano costretti a uccidere il padre e la madre. A incendiare il loro villaggio. Chi era sospettato di votare alle elezioni subiva l'amputazione della mano o del braccio. «Taglio lungo o taglio corto» lo chiamavano quelli del Ruf. Ma non è che le milizie private filo governative, i Kamajors, o l'esercito si siano comportati molto meglio. Violenza e distruzione sono arrivate da tutte le parti.

Poi, un giorno, erano passati 9 anni di guerra, le televisioni di tutto il mondo hanno trasmesso le immagini di un uomo minuto vestito di bianco che corre verso i capi ribelli sventolando le mani come fazzoletti. Li raggiunge, ci parla, si allontana di nuovo col passo sostenuto, come quando benedice i fedeli con le foglie di palma. L'uomo vestito di bianco era monsignor Giorgio Biguzzi, vescovo di Makeni, e quello era l'inizio di un percorso di pace tra ribelli e governo. Alcuni mesi dopo, la Sierra Leone era un Paese pacificato. Ma distrutto.

Le missioni cattoliche erano state bruciate, i pochi ospedali scoperchiati e sventrati, le scuole dei «padri» saccheggiate. Tutti gli animali ammazzati, i campi abbandonati. L'economia cancellata. Un'intera generazione di ragazzi è stata annientata. Ma i missionari hanno subito ripreso a mettere mattoni sul muro della speranza. E molti di questi mattoni sono arrivati da Parma. Dagli «Amici della Sierra Leone». Sono arrivati nuovi pozzi, nuove chiese (la Pizzarotti ha ricostruito la cattedrale di Lunsar), magazzini per il riso, nuove scuole e borse di studio per gli studenti. I pochi ospedali sono stati ricostruiti. Oggi 150 mila ragazzi, nella sola diocesi di Makeni frequentano gli istituti cattolici, primari e secondari. Nel capoluogo è attiva l'università cattolica e il vescovo ha aperto una stazione radiofonica (Radio Maria) ascoltata in tutto il paese.

I ragazzini sono passati dal Kalashnikov e dal machete ai banchi di scuola. I baby ribelli hanno frequentato corsi di rieducazione, ma in Sierra Leone restano problemi enormi. I giovani hanno voglia di imparare a scrivere e a leggere, a costruire mobili, a riparare auto, a curare i malati, ma le scuole non ci sono o sono lontane dai villaggi. C'è una grande diga per produrre energia elettrica ma non c'è la rete distributiva (fili e pali), ci sono un terreno ricchissimo e tanta acqua ma non ci sono le conoscenze tecniche e la mentalità imprenditoriale. L'unico attrezzo che si trova nei mercati è la zappa da palude. Le malattie dilagano, ma non ci sono i medici e i farmaci per combatterle.

Poco importa che il 90 per cento della popolazione si dichiari di religione musulmana e il dieci di religione cattolica: nei villaggi dilagano ancora le superstizioni legate all'antica cultura animista e spopolano le società segrete, misteriose (per noi occidentali) sette divise con rigore in maschili e femminili. Per accedere alla società segreta gli aspiranti devono sottoporsi al rito della circoncisione maschile e femminile, che comporta gravi mutilazioni e infezioni. Molti ragazzi ne muoiono.

«Ma noi - spiega Padre Mario, missionario Giuseppino di Lunsar - continuiamo il nostro lavoro sul territorio. Ora puntiamo sulla formula: «adotta un villaggio». Proponiamo a chi ci sostiene di finanziare l'emancipazione di un gruppo tribale limitato costruendo un pozzo, un'aia per trebbiare il riso, un magazzino per stivarlo, la scuola». Piccoli passi per entrare in un comunità a aiutarla sulla via dell'emancipazione. Piccoli passi che portano lontano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Vendono iPhone: ma è una truffa

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

Calcio

Brodino per il Parma

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti