15°

Buone Notizie

Piccoli passi per risorgere dalle ceneri della guerra

Piccoli passi per risorgere dalle ceneri della guerra
0

 Luigi Alfieri

La Sierra Leone possiede miniere di diamanti, di ferro, di rutilio e di bauxite. E' ricca di acqua. Il suo suolo è fertile. Eppure è «classificata» - a ragione - come il Paese più povero e arretrato del mondo. Insieme al Niger.

Ottenuta l'indipendenza nel 1961, ha cominciato a camminare come i gamberi. All'indietro. Gli inglesi avevano lasciato due ferrovie, l'energia elettrica, acquedotti. I governi locali, corrotti e inetti, hanno portato la Sierra Leone alla rovina. Regimi dittatoriali, basati sul «partito unico» hanno badato solo a spolpare, senza fare manutenzione dell'esistente e senza creare nulla di nuovo. Nel 1991, è scoppiata una delle più cruente guerre civili che la storia ricordi: i ribelli del Ruf guidati da Foday Sankoh contro il governo. Molti l'hanno chiamata la guerra dei diamanti, per il controllo delle miniere, ma il vescovo di Makeni, monsignor Giorgio Biguzzi non è d'accordo su questa interpretazione. «Per me - spiega - alla base di un simile irrazionale scoppio di violenza durato dieci anni, non ci sono motivi economici e neppure etnici (come accade spesso in Africa) o religiosi. Il fatto è che qui era crollato lo Stato. Il pesce comincia a marcire dalla testa e il governo era marcio. La gente della Sierra Leone non aveva più prospettive, nessuna speranza: solo disperazione». E così le bande di Sankoh al grido di «spazziamo via la corruzione» hanno cominciato a devastare il paese uccidendo, mutilando, stuprando, distruggendo tutto.

Rapivano i bambini dalle famiglie, li plagiavano, li drogavano e li costringevano a diventare ribelli. Spesso questi ragazzini erano costretti a uccidere il padre e la madre. A incendiare il loro villaggio. Chi era sospettato di votare alle elezioni subiva l'amputazione della mano o del braccio. «Taglio lungo o taglio corto» lo chiamavano quelli del Ruf. Ma non è che le milizie private filo governative, i Kamajors, o l'esercito si siano comportati molto meglio. Violenza e distruzione sono arrivate da tutte le parti.

Poi, un giorno, erano passati 9 anni di guerra, le televisioni di tutto il mondo hanno trasmesso le immagini di un uomo minuto vestito di bianco che corre verso i capi ribelli sventolando le mani come fazzoletti. Li raggiunge, ci parla, si allontana di nuovo col passo sostenuto, come quando benedice i fedeli con le foglie di palma. L'uomo vestito di bianco era monsignor Giorgio Biguzzi, vescovo di Makeni, e quello era l'inizio di un percorso di pace tra ribelli e governo. Alcuni mesi dopo, la Sierra Leone era un Paese pacificato. Ma distrutto.

Le missioni cattoliche erano state bruciate, i pochi ospedali scoperchiati e sventrati, le scuole dei «padri» saccheggiate. Tutti gli animali ammazzati, i campi abbandonati. L'economia cancellata. Un'intera generazione di ragazzi è stata annientata. Ma i missionari hanno subito ripreso a mettere mattoni sul muro della speranza. E molti di questi mattoni sono arrivati da Parma. Dagli «Amici della Sierra Leone». Sono arrivati nuovi pozzi, nuove chiese (la Pizzarotti ha ricostruito la cattedrale di Lunsar), magazzini per il riso, nuove scuole e borse di studio per gli studenti. I pochi ospedali sono stati ricostruiti. Oggi 150 mila ragazzi, nella sola diocesi di Makeni frequentano gli istituti cattolici, primari e secondari. Nel capoluogo è attiva l'università cattolica e il vescovo ha aperto una stazione radiofonica (Radio Maria) ascoltata in tutto il paese.

I ragazzini sono passati dal Kalashnikov e dal machete ai banchi di scuola. I baby ribelli hanno frequentato corsi di rieducazione, ma in Sierra Leone restano problemi enormi. I giovani hanno voglia di imparare a scrivere e a leggere, a costruire mobili, a riparare auto, a curare i malati, ma le scuole non ci sono o sono lontane dai villaggi. C'è una grande diga per produrre energia elettrica ma non c'è la rete distributiva (fili e pali), ci sono un terreno ricchissimo e tanta acqua ma non ci sono le conoscenze tecniche e la mentalità imprenditoriale. L'unico attrezzo che si trova nei mercati è la zappa da palude. Le malattie dilagano, ma non ci sono i medici e i farmaci per combatterle.

Poco importa che il 90 per cento della popolazione si dichiari di religione musulmana e il dieci di religione cattolica: nei villaggi dilagano ancora le superstizioni legate all'antica cultura animista e spopolano le società segrete, misteriose (per noi occidentali) sette divise con rigore in maschili e femminili. Per accedere alla società segreta gli aspiranti devono sottoporsi al rito della circoncisione maschile e femminile, che comporta gravi mutilazioni e infezioni. Molti ragazzi ne muoiono.

«Ma noi - spiega Padre Mario, missionario Giuseppino di Lunsar - continuiamo il nostro lavoro sul territorio. Ora puntiamo sulla formula: «adotta un villaggio». Proponiamo a chi ci sostiene di finanziare l'emancipazione di un gruppo tribale limitato costruendo un pozzo, un'aia per trebbiare il riso, un magazzino per stivarlo, la scuola». Piccoli passi per entrare in un comunità a aiutarla sulla via dell'emancipazione. Piccoli passi che portano lontano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

Gazzareporter

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

mamma esce dalla stanza

20 milioni di like

La mamma che striscia batte Belen & co a colpi di clic

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Scippava donne anziane a bordo del suo scooter: la polizia di stato arresta il responsabile

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

3commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Bassa

Furti a Mezzano Superiore: nel mirino anche l'asilo e il circolo Anspi Video

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

amministrative

Manno si candida: "Con falce e martello vogliamo far tornare la speranza in città" Video

1commento

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

La trasmissione di TvParma "Lettere al direttore" seguirà l'evento

1commento

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

Ci sono nuove date per semifinali e finali

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

6commenti

VIA VENEZIA

Investe una donna e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

7commenti

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

13commenti

Traffico

Pericolo nebbia sulle strade: visibilità ridotta a 80 metri in A1 Foto

Incidente nella notte a Vicomero

Salso

Maestro e alunno si ritrovano dopo 50 anni

Sindacato

Cgil Parma, gli iscritti superano quota 76.000

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

2commenti

LA SPEZIA

Rubava Epo all'ospedale per venderlo ai ciclisti

SOCIETA'

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

SPORT

Formula Uno

La Ferrari svelerà la vettura del Mondiale 2017 in diretta web

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv