21°

Buone Notizie

Piccoli passi per risorgere dalle ceneri della guerra

Piccoli passi per risorgere dalle ceneri della guerra
0

 Luigi Alfieri

La Sierra Leone possiede miniere di diamanti, di ferro, di rutilio e di bauxite. E' ricca di acqua. Il suo suolo è fertile. Eppure è «classificata» - a ragione - come il Paese più povero e arretrato del mondo. Insieme al Niger.

Ottenuta l'indipendenza nel 1961, ha cominciato a camminare come i gamberi. All'indietro. Gli inglesi avevano lasciato due ferrovie, l'energia elettrica, acquedotti. I governi locali, corrotti e inetti, hanno portato la Sierra Leone alla rovina. Regimi dittatoriali, basati sul «partito unico» hanno badato solo a spolpare, senza fare manutenzione dell'esistente e senza creare nulla di nuovo. Nel 1991, è scoppiata una delle più cruente guerre civili che la storia ricordi: i ribelli del Ruf guidati da Foday Sankoh contro il governo. Molti l'hanno chiamata la guerra dei diamanti, per il controllo delle miniere, ma il vescovo di Makeni, monsignor Giorgio Biguzzi non è d'accordo su questa interpretazione. «Per me - spiega - alla base di un simile irrazionale scoppio di violenza durato dieci anni, non ci sono motivi economici e neppure etnici (come accade spesso in Africa) o religiosi. Il fatto è che qui era crollato lo Stato. Il pesce comincia a marcire dalla testa e il governo era marcio. La gente della Sierra Leone non aveva più prospettive, nessuna speranza: solo disperazione». E così le bande di Sankoh al grido di «spazziamo via la corruzione» hanno cominciato a devastare il paese uccidendo, mutilando, stuprando, distruggendo tutto.

Rapivano i bambini dalle famiglie, li plagiavano, li drogavano e li costringevano a diventare ribelli. Spesso questi ragazzini erano costretti a uccidere il padre e la madre. A incendiare il loro villaggio. Chi era sospettato di votare alle elezioni subiva l'amputazione della mano o del braccio. «Taglio lungo o taglio corto» lo chiamavano quelli del Ruf. Ma non è che le milizie private filo governative, i Kamajors, o l'esercito si siano comportati molto meglio. Violenza e distruzione sono arrivate da tutte le parti.

Poi, un giorno, erano passati 9 anni di guerra, le televisioni di tutto il mondo hanno trasmesso le immagini di un uomo minuto vestito di bianco che corre verso i capi ribelli sventolando le mani come fazzoletti. Li raggiunge, ci parla, si allontana di nuovo col passo sostenuto, come quando benedice i fedeli con le foglie di palma. L'uomo vestito di bianco era monsignor Giorgio Biguzzi, vescovo di Makeni, e quello era l'inizio di un percorso di pace tra ribelli e governo. Alcuni mesi dopo, la Sierra Leone era un Paese pacificato. Ma distrutto.

Le missioni cattoliche erano state bruciate, i pochi ospedali scoperchiati e sventrati, le scuole dei «padri» saccheggiate. Tutti gli animali ammazzati, i campi abbandonati. L'economia cancellata. Un'intera generazione di ragazzi è stata annientata. Ma i missionari hanno subito ripreso a mettere mattoni sul muro della speranza. E molti di questi mattoni sono arrivati da Parma. Dagli «Amici della Sierra Leone». Sono arrivati nuovi pozzi, nuove chiese (la Pizzarotti ha ricostruito la cattedrale di Lunsar), magazzini per il riso, nuove scuole e borse di studio per gli studenti. I pochi ospedali sono stati ricostruiti. Oggi 150 mila ragazzi, nella sola diocesi di Makeni frequentano gli istituti cattolici, primari e secondari. Nel capoluogo è attiva l'università cattolica e il vescovo ha aperto una stazione radiofonica (Radio Maria) ascoltata in tutto il paese.

I ragazzini sono passati dal Kalashnikov e dal machete ai banchi di scuola. I baby ribelli hanno frequentato corsi di rieducazione, ma in Sierra Leone restano problemi enormi. I giovani hanno voglia di imparare a scrivere e a leggere, a costruire mobili, a riparare auto, a curare i malati, ma le scuole non ci sono o sono lontane dai villaggi. C'è una grande diga per produrre energia elettrica ma non c'è la rete distributiva (fili e pali), ci sono un terreno ricchissimo e tanta acqua ma non ci sono le conoscenze tecniche e la mentalità imprenditoriale. L'unico attrezzo che si trova nei mercati è la zappa da palude. Le malattie dilagano, ma non ci sono i medici e i farmaci per combatterle.

Poco importa che il 90 per cento della popolazione si dichiari di religione musulmana e il dieci di religione cattolica: nei villaggi dilagano ancora le superstizioni legate all'antica cultura animista e spopolano le società segrete, misteriose (per noi occidentali) sette divise con rigore in maschili e femminili. Per accedere alla società segreta gli aspiranti devono sottoporsi al rito della circoncisione maschile e femminile, che comporta gravi mutilazioni e infezioni. Molti ragazzi ne muoiono.

«Ma noi - spiega Padre Mario, missionario Giuseppino di Lunsar - continuiamo il nostro lavoro sul territorio. Ora puntiamo sulla formula: «adotta un villaggio». Proponiamo a chi ci sostiene di finanziare l'emancipazione di un gruppo tribale limitato costruendo un pozzo, un'aia per trebbiare il riso, un magazzino per stivarlo, la scuola». Piccoli passi per entrare in un comunità a aiutarla sulla via dell'emancipazione. Piccoli passi che portano lontano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

3commenti

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

1commento

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Il candidato

Laura Cavandoli: Il centrodestra si divide

1commento

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

5commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

Formaggio

La grana del grana

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

19commenti

gazzareporter

Fontanini o.... Corcagnano?

ANTEPRIMA GAZZETTA

Raffaele Sollecito si trasferisce a Parma: intervista esclusiva Video

Accusato con Amanda Knox dell'omicidio Kercher, Sollecito è stato assolto. Ha scelto di vivere a Parma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

2commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

Mondiali

l'Italia batte l'Albania (2-0)

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery