-4°

Buone Notizie

«I bimbi bielorussi ritorneranno»

«I bimbi bielorussi ritorneranno»
0

di Mara Varoli
A 23 anni di distanza dal disastro della centrale di Chernobyl, si è diffusa una notizia per così dire «allarmante».
 E cioè che la Bielorussia vietava le vacanze all'estero per i ragazzi in età superiore a 14 anni. Una notizia che ha creato scompiglio anche nella nostra città, tant'è che ieri all'associazione parmigiana Help for Children, che si occupa di questi soggiorni, sono arrivate decine di telefonate: famiglie preoccupate per i loro bimbi bielorussi. Ma fortunatamente nulla è cambiato e i «figli» di Chernobyl continueranno a venire in Italia.
«Una notizia che ha creato un po' di confusione, là dove non ce ne era bisogno - risponde il presidente di Help for Children  Giancarlo Veneri -. Già da settembre dell'anno scorso si sa che la Bielorussia avrebbe sospeso tutti i soggiorni terapeutici in Europa tranne che in Italia, in quanto il nostro Paese era l'unico che aveva un trattato bilaterale in essere. Fin da allora si sa che la negoziazione dei nuovi trattati che la Bielorussia ha chiesto di fare Stato per Stato, citando peraltro come pietra di paragone proprio il trattato con l'Italia, avrebbe confermato questi limiti. E cioè, in tutti gli altri Stati tranne che in Italia i ragazzi oltre i 14 anni di età non andranno e soprattutto  non andranno per tre anni consecutivi. Quindi da settembre a oggi non è cambiato nulla, a parte il fatto che oggi i trattati ci sono. Per cui, i bambini andranno a fare risanamento anche negli altri Paesi, ma con questi limiti. Tuttavia, questi limiti non investono l'Italia per il rapporto privilegiato che c'è e per il rispetto dell'accoglienza che l'Italia da sempre mette in atto verso i bimbi bielorussi». L'Italia, Parma ed Help for children continueranno ad ospitare i piccoli e i grandi. «Tra l'altro, ho ricevuto tantissime telefonate di persone preoccupate - continua Veneri -. Ma nulla è cambiato. Oggi noi stiamo anche preparando un convoglio umanitario da inviare in Bielorussia e gli scambi sono costanti: anche loro non capiscono perché si diffondo notizie allarmistiche. Per cui voglio tranquillizzare le famiglie che ospitano i ragazzi bielorussi».
Proprio alcuni mesi fa, Help for Children ha compiuto dieci anni di attività: «L'associazione si è formata a fine 1998 - ricorda il presidente -, per continuare un progetto che aveva inaugurato l'Assistenza pubblica. Nel 2002 abbiamo allargato il campo con l'aiuto ai bimbi saharawi, anche se con numeri diversi: per dare un'idea, ogni anno ospitiamo 200 ragazzi bielorussi e 20 bimbi saharawi». In dieci anni, Help for Children Parma ha ospitato 2150 bambini bielorussi. Bimbi e ragazzi che vengono ospitati nelle famiglie di Parma e provincia. «Una parte di loro - chiude  Veneri - viene ospitata in comitati che si formano appositamente, in quanto accogliamo anche bimbi che arrivano dagli orfanotrofi e questi non vengono accolti in famiglia. Attualmente contiamo undici comitati nel territorio provinciale. Soggiorni che sono estremamente importanti, in quanto offrono la possibilità ai bambini e ai ragazzi di scaricare una parte consistente della radioattività accumulata durante l'anno e questo gli consente di ridurre il rischio di contrarre delle patologie tumorali. Ed è importante che l'esperienza sia rivissuta, in modo tale che anche l'anno successivo si possa continuare a scaricare quel carico di radioattività, assorbito nei territori contaminati».           
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

Il caso

Il Tar dà ragione a Medesano: sì alla farmacia a Ramiola

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta