10°

20°

la storia

Quando la solidarietà è da Formula uno

La nuova Tac

La Tac e Giocamico

0
Gabriele Balestrazzi
Ogni anno è come sfogliare il nuovo capitolo di un libro toccante e coinvolgente. Ogni anno la festa del ringraziamento di Giocamico scorre attraverso i numeri, concretissimi simboli di un'attività fondamentale al fianco dei bambini ricoverati in ospedale e delle loro famiglia.
Ma poi, al di là dei numeri, ci sono sempre momenti che tocano il cuore, soprattutto perchè vedi che gesti e parole non sono formali, ma nascono dal cuore:
E' così per la ragazza che dopo anni di ricovero in Oncoematologia pediatrica ha sentito che a sua volta doveva e voleva restituire quello che aveva ricevuto da piccola paziente. E così, è diventata lei un Giocamico, al servizio dei bambini di oggi.
E quando nella sala è stato sollevato il drappo, sembrava davvero di essere alla presentazione delle Ferrari di Formula 1. Anche perchè la dinamica dell'oggetto sotto il drappo ricordava davvero una formula uno: una risonanza magnetica, fedele ricostruzione di quelle vere, per abituare meglio il bambino a familiarizzare prima dell'esame medico. Un gesto che vale per quello che fa guadagnare, in termini di tempo e di efficienza, ma che soprattutto dimostra come davvero a Parma si è riusciti a mettere i bambini al centro del "loro" ospedale, inaugurato 7 mesi fa.
Un doppio capolavoro: di solidarietà, ma anche di imrprenditoria e di qualità da grande artigianato. Una iniziativa che ha messo insieme diverse aziende del Parmense: eccellenze che si sono messe insieme in un coro solidale degno davvero del bicentenario verdiano.  (vedi comunicato a fine articolo)
La cronaca della Festa della riconoscenza (Gazzetta di Parma 17 novembre)
Chiara Pozzati
Piccoli sotto esame. Ogni giorno, nel nostro ospedale, un bimbo viene sottoposto a tac o risonanza magnetica. Quaranta, quarantacinque minuti, fermi e immobili in quello che sembra un tunnel. Ma se lo strumento diventa gioco, da conoscere ed esplorare, la paura svanisce. Una «mini-risonanza», ecco il dono di Enrico Campari, il «mago» dei parastinchi, arrivato ieri nelle corsie dell’Ospedale dei bambini. Molto più di un semplice regalo per una data importante sul calendario. Già, perché l’associazione Giocamico, 15 anni di onorata carriera, ha dato il via alla tradizionale Festa della riconoscenza. Una realtà che accompagna per mano i piccoli, allevia le angosce delle famiglie e contribuisce a rendere le corsie (quasi) come casa propria. Ecco l’obiettivo della onlus guidata da Corrado Vecchi. E se il gioco diventa salute, serenità, scambio di amicizia , il sostegno del sodalizio si conferma la terapia buona. Insieme ai volontari dell’associazione ci sono i rappresentanti delle istituzioni e tutta la «famiglia» dell’ospedale. «La mamma dice sempre che non so star fermo» oppure «Ho paura dell’ago»: ecco le frasi tipo dei piccoli che si apprestano a sottoporsi a questo tipo di esami. I camici bianchi rispondono con pazienza e il paziente, a volte di pochi anni, esplode in un sorriso. «Credo che la Festa della riconoscenza sia un momento prezioso, fondamentale per la comunità – apre Leonida Grisendi direttore generale del Maggiore – e non solo. La risonanza magnetica è un esame che mette a dura prova perfino gli adulti. Ancora una volta, attraverso il gioco, i pazienti rispondono meglio al percorso di diagnosi e cura. Un modo semplice per accompagnare i bambini durante le terapie». Anche l’assessore al Welfare del Comune, Laura Rossi, e Marcella Saccani, assessore provinciale ai Servizi sociali, riconoscono il «grandissimo valore di questo dono. Ma soprattutto dell’associazione Giocamico, che allevia non solo il dolore dei pazienti ma anche quello delle famiglie». L’ultima parola spetta al «papà» di Pediatria e Oncoematologia pediatrica, Giancarlo Izzi, che rilancia sull’importanza della serenità dei bambini. «Ogni giorno i nostri piccoli si sottopongono a visite specialistiche. Il sostegno, l’impegno, l’esperienza di questa associazione sono diventati un tassello fondamentale per la salute dei bambini».

Come è nata la mini-risonanza (comunicato)
La B.F.B. ha realizzato gli stampi in acciaio per la realizzazione del tunnel e della bocca d’ingresso della risonanza più la fornitura delle sfere di scorrimento per la barella.                                                                                                                                                      Con questi stampi la Campari Compositi ha poi realizzato i particolari in fibra di carbonio.  
La Famiglia Ampollini  ha ho fornito i legnami per la realizzazione della parte strutturale della risonanza.                                                                                      
I Fratelli Aimi  hanno fresato i legnami per la realizzazione della base, delle centine di supporto per il tunnel della risonanza e la barella scorrevole
La carrozzeria Eurocar è anche specializzata nella verniciatura di particolari in composito, ed è per questo che ha contribuito all’ iniziativa, verniciando il tunnel e la bocca d’ingresso in fibra di carbonio della risonanza.
Alessandro Mora, artista parmigiano per la lavorazione del legno ha fornito la consulenza per il trattamento di finitura della struttura in legno della risonanza.
Color più ha fornito gli smalti speciali base acqua per la verniciatura di tutta la struttura in legno.
Custom Interiors ha fornito il materiale ed eseguito il rivestimento della barella e del tunnel superiore della risonanza. 
La Campari compositi ha realizzato il progetto della risonanza, i particolari in fibra di carbonio, il montaggio e coordinato tutte le  lavorazioni eseguite dal pool.
                                                                                                                                              
La B.F.B. ha realizzato gli stampi in acciaio per la realizzazione del tunnel e della bocca d’ingresso della risonanza più la fornitura delle sfere di scorrimento per la barella.Con questi stampi la Campari Compositi ha poi realizzato i particolari in fibra di carbonio.  
La Famiglia Ampollini  ha fornito i legnami per la realizzazione della parte strutturale della risonanza.                                                                                      
I Fratelli Aimi  hanno fresato i legnami per la realizzazione della base, delle centine di supporto per il tunnel della risonanza e la barella scorrevole
La carrozzeria Eurocar è anche specializzata nella verniciatura di particolari in composito, ed è per questo che ha contribuito all’ iniziativa, verniciando il tunnel e la bocca d’ingresso in fibra di carbonio della risonanza.
Alessandro Mora, artista parmigiano per la lavorazione del legno ha fornito la consulenza per il trattamento di finitura della struttura in legno della risonanza.
Color più ha fornito gli smalti speciali base acqua per la verniciatura di tutta la struttura in legno.
Custom Interiors ha fornito il materiale ed eseguito il rivestimento della barella e del tunnel superiore della risonanza. 
La Campari compositi ha realizzato il progetto della risonanza, i particolari in fibra di carbonio, il montaggio e coordinato tutte le  lavorazioni eseguite dal pool.
                                                                                                                                              

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scialpi

Scialpi

social network

Scialpi, la verità di quei tweet sul Pride

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Sorbolo: i vini della Botte Gaia

PGN FESTE

Sorbolo: i vini della Botte Gaia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Maltempo: vento forte in Appennino

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

2commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

1commento

lega pro

Parma, parlano i tifosi: "Qualcosa si è rotto"

I presidenti dei Club credono ancora nella squadra, "ma serve un cambio di passo"

1commento

BORETTO

Sfilano i cavi di un edificio in disuso per rubare il rame: denunciati un parmigiano e un complice Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

LONDRA

Brexit, sondaggio: per la prima volta c'è un ripensamento

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

SOCIETA'

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

Medicina

Le nove regole per prevenire i tumori

SPORT

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

tg parma

Parma in ritiro a Collecchio, Giorgino squalificato Video

1commento

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling