Buone Notizie

Un'ancora di salvezza per le mamme «bambine»

Un'ancora di salvezza per le mamme «bambine»
0

Virna Boiardi

Trent'anni di aiuto, appoggio, sostegno e accoglienza. Trent'anni di Cav, il Centro di Aiuto alla Vita di Parma (che ha sede in via Sidoli nei pressi della chiesa della Trasfigurazione) la cui celebrazione più significativa non può che risiedere nel racconto di alcune tra le tante vite che hanno intrecciato la propria storia con quella dell’associazione.
Le storie delle mamme «bambine»
 Vite di mamme e di bambini. A. è una ragazzina diciassettenne, incinta di cinque mesi, allontanatasi dalla sua terra di origine, nel Meridione, per nascondere il proprio stato.
Decisa a non interrompere la gravidanza e a dare il bambino in adozione, la giovane, entrata nella casa di accoglienza del Cav «Anna Maria Adorni», incontra però le altre mamme e i neonati, assaporando poco a poco il piacere di tenere in braccio, cullare e nutrire i bimbi della casa.
La famiglia, messa a dura prova dallo stato emotivo della ragazza, ha difficoltà a parlare con lei, ma finalmente, grazie al dialogo instaurato con gli operatori, la madre della ragazza viene chiamata al Centro e messa a conoscenza della verità.
Le lacrime e la gioia di ritrovarsi si sciolgono in un abbraccio, segno di una comprensione che forse non c'era mai stata prima.
Poi, la decisione di tenere il bambino, di non darlo in adozione. Ora A. si è sposata, ha un lavoro ed è una madre felice della propria scelta.
Chantal
 Chantal è una donna di colore, una delle tante mamme uscite dalle case di prima accoglienza del Centro di Aiuto alla Vita di Parma. «E' dal luglio del 2006 che io e i miei figli siamo ospitati qui al Cav di via Sidoli - ha scritto la donna in una lettera, letta durante la cerimonia per il trentennale dell’associazione -. Nessuna parola potrà essere sufficiente per esprimere tutta la mia gratitudine, che Dio benedica tutti coloro sono all’origine della creazione del Centro di Aiuto alla Vita, vi ringrazio immensamente».
La casa famiglia
 I coniugi Giovanna e Tino Pelloni, della casa famiglia «Santa Elisabetta», nel corso degli anni hanno accolto, insieme ai loro quattro figli, tre mamme ed oltre 40 bambini.
Con particolare emozione ricordano i cinque anni vissuti insieme a un’adolescente e alla sua bambina di tre mesi. «Da sperduta e spaurita che era, lentamente ha preso coscienza di se, si è sposata, ha trovato lavoro, è tornata nella sua terra di origine - racconta la signora Pelloni -. Ora ha una famiglia tutta sua e ogni tanto ci aggiorna, come farebbe qualunque figlia con i propri genitori».
Un girotondo multietnico
 Le storie sono tante, tantissime. «Immaginando un girotondo ideale e multietnico - conclude commossa Giovanna Pelloni - vediamo le decine di facce, non sempre sorridenti, di bambine e bambini che hanno passato da noi qualche ora, qualche notte, alcuni mesi o anni, in attesa che si risolvessero le difficoltà dei genitori».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)