-2°

Buone Notizie

E c'è chi fa Pasqua da volontario in Sudan

E c'è chi fa Pasqua da volontario in Sudan
0

 E' Pasqua, ed è ancora in Africa. Era partito a fine luglio, come tanti vacanzieri. Ma con una meta ben diversa: Khartoum, capitale del Sudan e di una zona ricca soprattutto di problemiAvevamo incontrato Andrea Tozzi pochi giorni prima della partenza. Ed ora sta regalando ai lettori di gazzettadiparma.it  un diario che è allo stesso tempo uno spaccato di una realtà a noi lontana, una confessione sui momenti di nostalgia per Parma, ma anche e soprattutto il racconto di una esperienza che può trasmettere qualcosa a noi tutti.  Ed è una storia che si adatta pienamente allo spirito della nostra nuova sezione delle "Buone notizie".

Parma-Sudan – Filo diretto (6)

Cara Parma, ti scrivo…
… in un momento molto triste per il nostro Paese: nell’era di Internet le notizie e le immagini della tragedia che ha colpito l’Abruzzo sono giunte anche qui quasi in tempo reale. Mi lascia sgomento il pensiero di tutte quelle persone che, in pochi istanti, hanno perso figli, mogli, mariti, compagni, genitori, zii, cugini, conoscenti, amici, ma anche nemici; che, in pochi istanti, hanno perso una parte, o forse la maggior parte, della loro vita, del loro mondo. Un mondo che esisteva, intatto, fino a pochi minuti prima. Un mondo fatto di routine, di quotidianità, di luoghi, di case, di edifici, di consuetudini, di azioni che non potranno più essere, almeno non più come prima. Con quale spirito, con quale speranza vivranno la Pasqua quelle persone?
Mi fermo e mi chiedo, con più insistenza e con più urgenza rispetto al solito, qual è il senso della nostra vita; e se davvero c’è qualcuno o qualcosa che ha voluto che alcuni di noi bevessero questo calice; e mi domando perché. Sono le stesse domande che mi pongo tutte le volte che vengo a conoscenza di una morte improvvisa, di una malattia incurabile, di un incidente, di un dramma familiare. Sono le stesse domande che mi pongo quando ascolto il racconto della guerra civile in Sud Sudan, quando leggo della tragedia del Darfur, quando vedo le miserabili condizioni in cui vivono persone come me, che in quelle condizioni si trovano solo perché sono nate a Tonj anziché a Parma. Mi fermo e mi chiedo: ma ha senso tutto questo? E ha senso che io sia qua a darmi da fare, a correre, a spingere, ad insistere? Serve a qualcosa?
Francamente, cara Parma, non lo so. Quello che so è che un senso alla nostra vita dobbiamo darlo, altrimenti tanto varrebbe togliercela. E credo che questo senso lo possiamo trovare poco lontano da noi: sono le persone che ci circondano, le persone che abitano il nostro stesso pianeta; è il pianeta stesso, siamo noi stessi. Dobbiamo prenderci cura di noi, come individui e come comunità.
Il dolore delle persone che in questo momento stanno soffrendo una perdita assoluta, totale, indicibile, le mette di fronte ad un bivio. Ma allo stesso tempo mette di fronte ad un bivio tutti noi: possiamo voltarci per l’ennesima volta dall’altra parte, oppure possiamo decidere di agire, di muoverci, di partecipare. Credo che, per chi è al centro di tanta sofferenza, la tentazione di lasciarsi andare, di abbandonarsi alla disperazione, di non credere più a nulla, sia fortissima e giustificata. E credo che sia impossibile intravedere una pur fievole luce in quella disperazione. Ma per noi che non ne siamo direttamente coinvolti, questa è l’ennesima chiamata, è l’ennesima occasione di riscatto, di redenzione. Prendiamoci cura gli uni degli altri, non lasciamoci soli: gli altri siamo noi.
Cara Parma, ho davanti a me un articolo in cui si parla dell’utilizzo della sabbia marina al posto di quella di cava per impastare il cemento di molti edifici crollati in seguito al terremoto; sabbia contenente cloruro di sodio che, secondo l’articolo, avrebbe lentamente corroso l’armatura in ferro delle loro fondamenta. E questo perché? Per risparmiare sui costi. Per “stare sul mercato”. È agghiacciante pensare che molte vite avrebbero forse potuto continuare il loro percorso se si fosse scelto diversamente, responsabilmente. La vita di chi ha preso queste decisioni, o di chi ha taciuto pur conoscendone il rischio, è una vita migliore adesso?
Facciamo in modo che quelle vite spezzate non siano solo motivo di disperazione per chi le piange, ma anche occasione di scossa delle nostre coscienze. Ognuno di noi, nel suo piccolo, nel suo campo professionale, nella sua cerchia di conoscenze, a Parma, in Sudan o in Abruzzo, può fare qualcosa per cambiare rotta, per non far finta di niente, per contribuire a migliorare la vita dell’altro, migliorando così anche la propria.
Cara Parma, mi scuso se questa volta ho lasciato solo in sottofondo la mia esperienza sudanese, e ti ringrazio per avermi ascoltato. Avevo bisogno di tirare fuori il malessere che provo in questi giorni e di ricordare anzitutto a me stesso, in prossimità della Pasqua, che ho una vita da mettere a frutto e che non esiste peccato più grave di quello di omettere questo compito.
Ti saluto con affetto,

 Andrea

PUNTATE PRECEDENTI:    -   2 - 3 - 4 - 5

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

Emergenza

Crescono le truffe agli anziani

LEGA PRO

Oggi Sudtirol-Parma

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

Sala Baganza

Un cinquantesimo nel segno dell'altruismo

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

parma

Luminarie: spesi 125mila euro

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Scivolano in un dirupo: un morto e due feriti

Governo

Renzi si è dimesso

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video