16°

Buone Notizie

Parma-Sudan: andata, ritorno e nuova andata

Parma-Sudan: andata, ritorno e nuova andata
0

Era partito un anno fa a fine luglio, come tanti vacanzieri. Ma con una meta ben diversa: Khartoum, capitale del Sudan e di una zona ricca soprattutto di problemi. Andrea Tozzi ora sta regalando ai lettori di gazzettadiparma.it  un diario che è allo stesso tempo uno spaccato di una realtà a noi lontana, una confessione sui momenti di nostalgia per Parma, ma anche e soprattutto il racconto di una esperienza che può trasmettere qualcosa a noi tutti.  Ed è una storia che si adatta pienamente allo spirito della nostra nuova sezione delle "Buone notizie": in questo caso, il diario è arricchito dalla chiacchierata che abbiamo fatto durante il suo ritorno a Parma.

Parma-Sudan – Filo diretto (7)  (giugno 2009)

Cara Parma, ti scrivo…
… un giorno prima di rientrare in Italia per un break, di cui ti confesso di sentire davvero il bisogno, sia per ricaricare le pile sia per ristabilire un contatto “fisico” con i miei affetti più cari. È quasi un anno che sono impegnato in questa missione in Sudan e, fatalmente, è tempo di bilanci, di fermarsi qualche minuto e di guardarsi indietro per capire cosa mi hanno lasciato questi mesi che sono trascorsi tanto rapidi quanto intensi.
Credo che il dono più importante che ho ricevuto sia stato l’essere quotidianamente stimolato a tenere la mente aperta verso l’altro, verso l’esterno, verso il diverso, verso lo sconosciuto. In questo crogiuolo di etnie e di culture che è il Sudan, non solo per le sue caratteristiche intrinseche ma anche grazie alla presenza di numerose organizzazioni umanitarie internazionali, sei continuamente chiamato ad un confronto con gli altri e con te stesso. E anche se a volte può essere destabilizzante renderti conto che esistono modi di vedere il mondo e di vivere la vita che mettono in discussione quelli che fino a pochi minuti prima erano per te sicurezze dietro cui ti rifugiavi nel momento dell’incertezza, scopri che essere aperti al confronto senza pregiudizi è un esercizio dal valore inestimabile.
Del Sudan, cara Parma, porto con me in Italia infinite immagini e situazioni che mi hanno tenuto “vivo” e “pensante” in questi mesi. Te ne elenco solo alcune, colte in contesti e momenti differenti, giusto per fornirti un assaggio della preziosa varietà di cui mi sono nutrito durante questa esperienza: il sorriso del guardiano del centro di formazione professionale, che all’ingresso mi accoglie felice per la giornata fresca, perché la temperatura quel giorno non ha superato i 40° C; il cibo, apprezzato in base alla quantità piuttosto che alla qualità (l’importante è riempirsi lo stomaco; con che cosa, quello è secondario…); i volontari di Tonj preoccupati per la pioggia torrenziale che rischia di bloccare i lavori nei villaggi, mentre a Khartoum la tempesta di sabbia avvolge la città in una nube irrespirabile; la “jalabia” (l’abito tradizionale maschile del Sudan islamico), che induce l’occhio non consapevole a scambiare la toilet maschile per quella femminile; l’aeroporto di Wau, dove il personale ti invita ad attendere i bagagli sotto una pianta di mango; l’autogestione degli incroci da parte degli automobilisti di Khartoum, totalmente avulsa dalle più comuni norme del codice della strada; i paradossi della tv islamica, che censura i baci nei film ma allo stesso tempo consente la visione di scene decisamente violente; gli occhi colmi di vita di uno scricciolo di bambina operata da poco al centro cardiochirurgico di Emergency, alla quale ho tenuto la mano mentre, accompagnata dal padre, muoveva i primi passi in corridoio.
Ma non solo il Sudan e i Sudanesi mi hanno “smosso”, cara Parma. Gli espatriati con cui lavoro e ho lavorato, ma anche quelli con cui sono semplicemente entrato in contatto, sono stati per me fonte di riflessione e di autocritica, grazie al confronto con storie, realtà e modi di vivere e di pensare che sono maturati seguendo percorsi diversi dal mio. Anche le persone che ho lasciato lì con te sono state una parte fondamentale del mio cammino, mantenendomi da un lato allacciato alle mie radici, e infondendomi dall’altro massicce dosi di affetto, importantissimo sostegno nei momenti più difficili. Vivere qui inoltre mi ha aiutato ad apprezzare ancor di più alcuni semplici aspetti del nostro mondo che spesso diamo per scontati e a cui ancor più spesso non dedichiamo la giusta cura ed attenzione, come i fiori (e il verde in generale), i buoni profumi, l’ordine e la pulizia degli ambienti e delle strade.
Cara Parma, più che un resoconto questo vuole essere un saluto, una cartolina che ti mando prima di partire per le vacanze, in attesa di riabbracciarti tra poche ore e di scoprire se anche tu sei cambiata e migliorata così come mi sento io.
A presto,
 Andrea

Puntate precedenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto, dopo la paura: "Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

nas

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

10commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

9commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

12commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

22commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

foto dei lettori

Materassi, mobili, elettrodomestici abbandonati in via Nello Brambilla Foto

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

SOCIETA'

Tecnologia

Samsung "spegne" definitivamente il Galaxy Note 7

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017