Buone Notizie

Parma-Sudan: andata, ritorno e nuova andata

Parma-Sudan: andata, ritorno e nuova andata
0

Era partito un anno fa a fine luglio, come tanti vacanzieri. Ma con una meta ben diversa: Khartoum, capitale del Sudan e di una zona ricca soprattutto di problemi. Andrea Tozzi ora sta regalando ai lettori di gazzettadiparma.it  un diario che è allo stesso tempo uno spaccato di una realtà a noi lontana, una confessione sui momenti di nostalgia per Parma, ma anche e soprattutto il racconto di una esperienza che può trasmettere qualcosa a noi tutti.  Ed è una storia che si adatta pienamente allo spirito della nostra nuova sezione delle "Buone notizie": in questo caso, il diario è arricchito dalla chiacchierata che abbiamo fatto durante il suo ritorno a Parma.

Parma-Sudan – Filo diretto (7)  (giugno 2009)

Cara Parma, ti scrivo…
… un giorno prima di rientrare in Italia per un break, di cui ti confesso di sentire davvero il bisogno, sia per ricaricare le pile sia per ristabilire un contatto “fisico” con i miei affetti più cari. È quasi un anno che sono impegnato in questa missione in Sudan e, fatalmente, è tempo di bilanci, di fermarsi qualche minuto e di guardarsi indietro per capire cosa mi hanno lasciato questi mesi che sono trascorsi tanto rapidi quanto intensi.
Credo che il dono più importante che ho ricevuto sia stato l’essere quotidianamente stimolato a tenere la mente aperta verso l’altro, verso l’esterno, verso il diverso, verso lo sconosciuto. In questo crogiuolo di etnie e di culture che è il Sudan, non solo per le sue caratteristiche intrinseche ma anche grazie alla presenza di numerose organizzazioni umanitarie internazionali, sei continuamente chiamato ad un confronto con gli altri e con te stesso. E anche se a volte può essere destabilizzante renderti conto che esistono modi di vedere il mondo e di vivere la vita che mettono in discussione quelli che fino a pochi minuti prima erano per te sicurezze dietro cui ti rifugiavi nel momento dell’incertezza, scopri che essere aperti al confronto senza pregiudizi è un esercizio dal valore inestimabile.
Del Sudan, cara Parma, porto con me in Italia infinite immagini e situazioni che mi hanno tenuto “vivo” e “pensante” in questi mesi. Te ne elenco solo alcune, colte in contesti e momenti differenti, giusto per fornirti un assaggio della preziosa varietà di cui mi sono nutrito durante questa esperienza: il sorriso del guardiano del centro di formazione professionale, che all’ingresso mi accoglie felice per la giornata fresca, perché la temperatura quel giorno non ha superato i 40° C; il cibo, apprezzato in base alla quantità piuttosto che alla qualità (l’importante è riempirsi lo stomaco; con che cosa, quello è secondario…); i volontari di Tonj preoccupati per la pioggia torrenziale che rischia di bloccare i lavori nei villaggi, mentre a Khartoum la tempesta di sabbia avvolge la città in una nube irrespirabile; la “jalabia” (l’abito tradizionale maschile del Sudan islamico), che induce l’occhio non consapevole a scambiare la toilet maschile per quella femminile; l’aeroporto di Wau, dove il personale ti invita ad attendere i bagagli sotto una pianta di mango; l’autogestione degli incroci da parte degli automobilisti di Khartoum, totalmente avulsa dalle più comuni norme del codice della strada; i paradossi della tv islamica, che censura i baci nei film ma allo stesso tempo consente la visione di scene decisamente violente; gli occhi colmi di vita di uno scricciolo di bambina operata da poco al centro cardiochirurgico di Emergency, alla quale ho tenuto la mano mentre, accompagnata dal padre, muoveva i primi passi in corridoio.
Ma non solo il Sudan e i Sudanesi mi hanno “smosso”, cara Parma. Gli espatriati con cui lavoro e ho lavorato, ma anche quelli con cui sono semplicemente entrato in contatto, sono stati per me fonte di riflessione e di autocritica, grazie al confronto con storie, realtà e modi di vivere e di pensare che sono maturati seguendo percorsi diversi dal mio. Anche le persone che ho lasciato lì con te sono state una parte fondamentale del mio cammino, mantenendomi da un lato allacciato alle mie radici, e infondendomi dall’altro massicce dosi di affetto, importantissimo sostegno nei momenti più difficili. Vivere qui inoltre mi ha aiutato ad apprezzare ancor di più alcuni semplici aspetti del nostro mondo che spesso diamo per scontati e a cui ancor più spesso non dedichiamo la giusta cura ed attenzione, come i fiori (e il verde in generale), i buoni profumi, l’ordine e la pulizia degli ambienti e delle strade.
Cara Parma, più che un resoconto questo vuole essere un saluto, una cartolina che ti mando prima di partire per le vacanze, in attesa di riabbracciarti tra poche ore e di scoprire se anche tu sei cambiata e migliorata così come mi sento io.
A presto,
 Andrea

Puntate precedenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

7commenti

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Terremoto

Nuova scossa in Appennino: magnitudo 2.2

Epicentro vicino a Solignano e Terenzo

Anteprima Gazzetta

Massimo Barbuti è il nuovo allenatore del Fidenza Video

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Unità di crisi

Legionella: la causa del contagio forse individuata entro fine dicembre

A gennaio la relazione finale sull'epidemia. Nuovi controlli sui malati

1commento

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

10commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

5commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

36commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

9commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

ROBOTICA

Con il "guanto" hi-tech i quadriplegici mangiano da soli

SOCIETA'

lettere

Cane ucciso da un cacciatore: "Terribile e inaccettabile"

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Formula Uno

Zanardi: "Il ritiro di Rosberg mi ha stupito moltissimo"

Formula uno

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

ECONOMIA

istat

Un italiano su 4 a rischio povertà: ecco a cosa si rinuncia

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà