10°

20°

Buone Notizie

«Don Gnocchi? E' stato un padre Gli devo tutto»

«Don Gnocchi? E' stato un padre Gli devo tutto»
2

di Luca Molinari

Per noi don Carlo è sempre stato santo». Giuseppe Cantoni, presidente  degli orti sociali di Marano, si illumina quando parla di don Gnocchi. Soprattutto ora che il «papà» dei mutilatini e degli orfani di guerra verrà proclamato beato (25 ottobre). Cantoni è stato il terzo ospite dell'istituto di piazzale dei Servi. Era il settembre del '47 e la struttura era ancora in capo al Ministero dell'interno. Due anni dopo, nel '49 venne affidata alla «Pro infanzia mutilata» di don Gnocchi. Si trattava del secondo centro aperto dal sacerdote lombardo. Al suo interno erano ospitati oltre 450 bambini che portavano i segni del conflitto mondiale appena concluso. «Ho conosciuto bene don Carlo - racconta Cantoni - per noi era come un padre. Veniva a Parma due o tre volte al mese e ogni volta era una festa. La sera ci mettevamo in cerchio attorno a lui mentre ci raccontava la campagna di Russia, a cui aveva partecipato come cappellano degli alpini. Teneva tantissimo a noi. Chiedeva ai professori come ci comportavamo a scuola e, quando ho iniziato a lavorare è venuto a trovarmi nella ditta da cui ero stato assunto». Il primo incontro con don Gnocchi avvenne nel '49. «La struttura era già gestita dai fratelli delle Scuole Cristiane, che ci trattavano benissimo. - ricorda il 73 enne parmigiano - Appena ho visto don Carlo sono rimasto colpito dalla sua comunicativa. Parlava con gli occhi e con il suo sorriso. Bastava guardarlo per capire cosa ti voleva dire».

Tanti gli aneddoti legati alla figura dell'ormai prossimo beato. «Un pomeriggio - spiega Cantoni - dopo averci consegnato la merenda (una pagnotta e una mela) don Gnocchi ci disse di tenere il pane per la cena perchè il mangiare scarseggiava. Due ore dopo arrivò un camion della Barilla carico di pasta. Se ci ripenso mi viene la pelle d'oca. Parma ci ha sempre amato. Ci hanno sempre mantenuto i parmigiani; la città era legatissima a noi». Cantoni da cinquant'anni a questa parte, ogni venerdì acquista la settimana enigmistica. «E' stato don Gnocchi a inculcarci questa passione. - rimarca - Era un modo per tenere la mente allenata». Ai tempi non esistevano ancora gli ascensori. «Ci si doveva arrangiare. - ricorda emozionato l'ex ospite - Chi aveva una gamba portava sulle spalle chi le aveva perse entrambe. C'era un forte affiatamento tra noi. Ancora oggi ci riuniamo». Circa un anno fa agli orti di Marano è stato intitolato un cippo a don Gnocchi. «Non era ancora beato, - sottolinea sorridendo Cantoni - ma involontariamente feci scrive nel cippo beato don Carlo Gnocchi.  Ho anticipato i tempi del Vaticano». 

Il processo di beatificazione è stato aperto nel 1986 dal cardinal Carlo Maria Martini. All'intercessione di don Gnocchi è attribuita la sopravvivenza di un elettricista, Sperandio Aldeni, dopo un terribile incidente sul lavoro nel 1979. L'uomo infatti sarebbe miracolosamente rimasto illeso ad una potentissima scarica elettrica, mentre effettuava una riparazione su di un traliccio. «Sarò presente alla beatificazione - afferma Cantoni - non mancherei per nessuna ragione al mondo. Se non ci fosse stato don Carlo che fine avrebbero fatto i mutilatini? Ci voleva un bene dell'anima e ha fatto in modo che potessimo costruirci un'esistenza normale. Gli dobbiamo tutto». La fondazione don Gnocchi sta organizzando varie iniziative. A Parma il 19 settembre il centro aprirà le porte alla città. Verrà allestita una mostra sulla vita del beato, saranno visibili documentari sulla sua figura e si potranno ammirare dodici pannelli dipinti da alcuni studenti dell'istituto Toschi, diretti dalla professoressa Maria Manghi, che saranno poi sistemati nelle sale mensa del centro. La sera infine alle 21 si esibiranno vari cori.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maria

    25 Ottobre @ 14.28

    A padre Gnocchi, che riposa in pace, e che ci protegga da lasù del Paradiso.

    Rispondi

  • Antonio

    18 Settembre @ 16.14

    Bravo Cantoni, sono entusiasta del tuo intervento. Butto lì un'idea: raccogliere le testimonianze di tuoi coetanei sulla presenza del beato Don Carlo a Parma.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Bocconi killer, un nuovo caso

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport