Buone Notizie

Parma-Sudan: filo diretto - E nell'Africa nera spunta una maglia del Parma calcio

Parma-Sudan: filo diretto - E nell'Africa nera spunta una maglia del Parma calcio
Ricevi gratis le news
1

Era partito più di un anno fa a fine luglio 2008, come tanti vacanzieri. Ma con una meta ben diversa: Khartoum, capitale del Sudan e di una zona ricca soprattutto di problemi. Andrea Tozzi, da allora, sta regalando ai lettori di gazzettadiparma.it  un diario che è allo stesso tempo uno spaccato di una realtà a noi lontana, una confessione sui momenti di nostalgia per Parma, ma anche e soprattutto il racconto di una esperienza che può trasmettere qualcosa a noi tutti.  Ed è una storia che si adatta pienamente allo spirito della nostra sezione delle "Buone notizie":

Parma-Sudan – Filo diretto (9)

Cara Parma, ti scrivo…
… dopo l’ennesima missione a Tonj. Come vedi dalla foto che ti allego, anche nel profondo Sud del Sudan sono riuscito a trovare un ragazzo che indossa la gloriosa maglia gialloblù. Mi era già accaduto in un piccolo villaggio del Madagascar: ancora una volta una piacevole sorpresa che mi ha fatto sentire più vicino a casa.
È sempre bello recarsi a Tonj. Ti trovi immerso nella natura più selvaggia: chilometri quadrati di verde boscaglia, di “bush” come la chiamano i sud-sudanesi, che durante la stagione secca si colorerà di giallo e di bruno. Un ambiente decisamente in contrasto con l’arido deserto che avvolge Khartoum. L’accoglienza dei ragazzi che frequentano la missione salesiana è sempre calorosa nei miei confronti: ciò che non cessa di colpirmi è la gratitudine che traspare dal loro atteggiamento per essere tornato a trovarli. Credo che loro interpretino la mia presenza lì come un’ulteriore conferma che il VIS ha a cuore il loro futuro; ogni volta ne ricavo una grande carica, una grande voglia di fare al meglio il mio lavoro.
Quando mi incontrano, alcuni riprendono discorsi che avevamo interrotto un mese prima. A volte, lo confesso, non ricordo i nomi dei miei interlocutori, altre volte nemmeno i loro volti, per cui capita che io mi presenti convinto di non conoscerli mentre loro mi rinfrescano la memoria circa luogo e contenuto del nostro ultimo dialogo. Nei loro occhi c’è tanta speranza, insieme ad una profonda consapevolezza della condizione con cui devono fare i conti e ad una serenità di fondo che accompagna le loro giornate. Credimi, cara Parma, questi ragazzi hanno tanto da insegnarci. Portare avanti i nostri interventi a favore dei più disagiati è un modo per ricompensarli di quanto ci donano, anche se l’aiuto che forniamo è sempre poco rispetto agli immensi bisogni di quella terra.
In questa carrellata di volti non voglio dimenticare quelli dei missionari e delle missionarie salesiane, che ti fanno sentire immediatamente il benvenuto e trovano sempre il tempo per un sorriso o per uno scambio di parole, nonostante i loro innumerevoli impegni. Pensare che stanno dedicando la loro vita agli altri, ad un popolo che per molti di loro non è quello d’appartenenza, ti costringe ogni volta a riflettere sulla potenza della fede e sul significato della nostra esistenza.
Come ho già avuto occasione di raccontarti, cara Parma, uno degli aspetti più interessanti di questa esperienza è la possibilità di conoscere due Paesi in uno: Nord e Sud Sudan sono due mondi per certi aspetti davvero differenti. A cominciare dal clima: quando atterri a Wau o a Rumbek la cappa di umidità che ti accoglie aggiunge immancabilmente un peso extra a quello del tuo zaino; mentre quando sbarchi a Khartoum l’aria sabbiosa che ti scotta la faccia ti fa sentire dentro un gigantesco asciugatore.
Un banale esempio della diversità che si vive nel quotidiano delle due aree è l’organizzazione della settimana lavorativa: al Nord, dove vige la legge islamica, si riposa al venerdì e al sabato, mentre al Sud, prevalentemente cristiano, il fine settimana è quello “italiano”: sabato e domenica. Al centro di formazione professionale salesiano di Khartoum dove noi operiamo, per garantire equità nei confronti di tutti gli studenti  è stato deciso di sospendere le lezioni al venerdì e alla domenica. Ti lascio immaginare, cara Parma, le difficoltà organizzative che spesso incontriamo noi che ci interfacciamo di continuo con tutte queste realtà.
Ci sono poi aspetti che accomunano Nord e Sud e che invece risultano insoliti ai nostri occhi di “kawaja”, di stranieri dalla pelle bianca. Ad esempio, sia a Khartoum che a Tonj è consueto vedere due amici mano nella mano come due fidanzatini; io la trovo una bella espressione di fraternità, che tuttavia non fa parte della nostra cultura e dunque ci colpisce. Anche la loro concezione del tempo e delle scadenze è molto difficile da accettare per noi occidentali: fissare un orario preciso per un appuntamento con un sudanese è praticamente inutile, così come è da ingenui attendersi una chiamata in caso di ritardo o di impossibilità di ottemperare all’impegno preso. Ma la cosa in assoluto più difficile da digerire è lo stupore del tuo interlocutore mentre ti lamenti per questo tipo di comportamento: del resto, ciò che secondo i nostri canoni è indice di totale noncuranza per loro fa parte del normale modo di relazionarsi con gli altri.
Cara Parma, è giunta l’ora di tornare al lavoro. Spero che ti sia gustata questo ulteriore spaccato della realtà sudanese che ho confezionato per te. Ci sono tante altre cose che vorrei raccontarti: sarà per la prossima volta, quando lì sarà già autunno inoltrato e qui scenderemo finalmente sotto i 40° C.
Un grande abbraccio dal Sudan,
Andrea

LE PUNTATE PRECEDENTI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sandro capatti

    26 Ottobre @ 07.41

    Sono molto felice che esistano delle persone come amdrea, e come andrea conosco bene quella terra. Anzi vi chiedo se è possibile avere una sua mail, per contattarlo..!!vi ringrazio, buona giornata. S.C.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Colin Firth e Woody Allen

Colin Firth e Woody Allen

NEW YORK

Molestie: Woody Allen, anche Colin Firth si sfila. Carriera finita?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

SQUADRA MOBILE

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

TECNOLOGIA

Alla Stazione sperimentale gli alimenti si stampano in 3D

Dopo l'alluvione

Argini dell'Enza: lavori per 330mila euro tra Sorbolo e Coenzo

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

3commenti

polizia locale

Unione Pedemontana, camionisti sempre più indisciplinati: 213 sanzioni su 263 mezzi controllati I dati

23 gennaio

Oltre 5.000 candidati per un posto da infermiere: affittato il Palacassa Tutte le info

Comitato di vigilanza con 160 operatori aziendali, bus navetta dalla stazione ferroviaria

3commenti

p.le della pace

La città che cambia: ecco la (ex) sede della Provincia vuota Video

PARMA CALCIO

I nuovi numeri di maglia. I convocati per Cremona (ci sono Calaiò e Ceravolo)

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Ceravolo e Calaiò in recupero. Ma non sono al 100%" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Francia

La Vedova nera delle Costa azzurra condannata a 22 anni

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

televisione

Armando Gandolfi (e il pomodoro) protagonisti sabato su Rai1 Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"