Buone Notizie

Parma-Sudan: filo diretto - E nell'Africa nera spunta una maglia del Parma calcio

Parma-Sudan: filo diretto - E nell'Africa nera spunta una maglia del Parma calcio
1

Era partito più di un anno fa a fine luglio 2008, come tanti vacanzieri. Ma con una meta ben diversa: Khartoum, capitale del Sudan e di una zona ricca soprattutto di problemi. Andrea Tozzi, da allora, sta regalando ai lettori di gazzettadiparma.it  un diario che è allo stesso tempo uno spaccato di una realtà a noi lontana, una confessione sui momenti di nostalgia per Parma, ma anche e soprattutto il racconto di una esperienza che può trasmettere qualcosa a noi tutti.  Ed è una storia che si adatta pienamente allo spirito della nostra sezione delle "Buone notizie":

Parma-Sudan – Filo diretto (9)

Cara Parma, ti scrivo…
… dopo l’ennesima missione a Tonj. Come vedi dalla foto che ti allego, anche nel profondo Sud del Sudan sono riuscito a trovare un ragazzo che indossa la gloriosa maglia gialloblù. Mi era già accaduto in un piccolo villaggio del Madagascar: ancora una volta una piacevole sorpresa che mi ha fatto sentire più vicino a casa.
È sempre bello recarsi a Tonj. Ti trovi immerso nella natura più selvaggia: chilometri quadrati di verde boscaglia, di “bush” come la chiamano i sud-sudanesi, che durante la stagione secca si colorerà di giallo e di bruno. Un ambiente decisamente in contrasto con l’arido deserto che avvolge Khartoum. L’accoglienza dei ragazzi che frequentano la missione salesiana è sempre calorosa nei miei confronti: ciò che non cessa di colpirmi è la gratitudine che traspare dal loro atteggiamento per essere tornato a trovarli. Credo che loro interpretino la mia presenza lì come un’ulteriore conferma che il VIS ha a cuore il loro futuro; ogni volta ne ricavo una grande carica, una grande voglia di fare al meglio il mio lavoro.
Quando mi incontrano, alcuni riprendono discorsi che avevamo interrotto un mese prima. A volte, lo confesso, non ricordo i nomi dei miei interlocutori, altre volte nemmeno i loro volti, per cui capita che io mi presenti convinto di non conoscerli mentre loro mi rinfrescano la memoria circa luogo e contenuto del nostro ultimo dialogo. Nei loro occhi c’è tanta speranza, insieme ad una profonda consapevolezza della condizione con cui devono fare i conti e ad una serenità di fondo che accompagna le loro giornate. Credimi, cara Parma, questi ragazzi hanno tanto da insegnarci. Portare avanti i nostri interventi a favore dei più disagiati è un modo per ricompensarli di quanto ci donano, anche se l’aiuto che forniamo è sempre poco rispetto agli immensi bisogni di quella terra.
In questa carrellata di volti non voglio dimenticare quelli dei missionari e delle missionarie salesiane, che ti fanno sentire immediatamente il benvenuto e trovano sempre il tempo per un sorriso o per uno scambio di parole, nonostante i loro innumerevoli impegni. Pensare che stanno dedicando la loro vita agli altri, ad un popolo che per molti di loro non è quello d’appartenenza, ti costringe ogni volta a riflettere sulla potenza della fede e sul significato della nostra esistenza.
Come ho già avuto occasione di raccontarti, cara Parma, uno degli aspetti più interessanti di questa esperienza è la possibilità di conoscere due Paesi in uno: Nord e Sud Sudan sono due mondi per certi aspetti davvero differenti. A cominciare dal clima: quando atterri a Wau o a Rumbek la cappa di umidità che ti accoglie aggiunge immancabilmente un peso extra a quello del tuo zaino; mentre quando sbarchi a Khartoum l’aria sabbiosa che ti scotta la faccia ti fa sentire dentro un gigantesco asciugatore.
Un banale esempio della diversità che si vive nel quotidiano delle due aree è l’organizzazione della settimana lavorativa: al Nord, dove vige la legge islamica, si riposa al venerdì e al sabato, mentre al Sud, prevalentemente cristiano, il fine settimana è quello “italiano”: sabato e domenica. Al centro di formazione professionale salesiano di Khartoum dove noi operiamo, per garantire equità nei confronti di tutti gli studenti  è stato deciso di sospendere le lezioni al venerdì e alla domenica. Ti lascio immaginare, cara Parma, le difficoltà organizzative che spesso incontriamo noi che ci interfacciamo di continuo con tutte queste realtà.
Ci sono poi aspetti che accomunano Nord e Sud e che invece risultano insoliti ai nostri occhi di “kawaja”, di stranieri dalla pelle bianca. Ad esempio, sia a Khartoum che a Tonj è consueto vedere due amici mano nella mano come due fidanzatini; io la trovo una bella espressione di fraternità, che tuttavia non fa parte della nostra cultura e dunque ci colpisce. Anche la loro concezione del tempo e delle scadenze è molto difficile da accettare per noi occidentali: fissare un orario preciso per un appuntamento con un sudanese è praticamente inutile, così come è da ingenui attendersi una chiamata in caso di ritardo o di impossibilità di ottemperare all’impegno preso. Ma la cosa in assoluto più difficile da digerire è lo stupore del tuo interlocutore mentre ti lamenti per questo tipo di comportamento: del resto, ciò che secondo i nostri canoni è indice di totale noncuranza per loro fa parte del normale modo di relazionarsi con gli altri.
Cara Parma, è giunta l’ora di tornare al lavoro. Spero che ti sia gustata questo ulteriore spaccato della realtà sudanese che ho confezionato per te. Ci sono tante altre cose che vorrei raccontarti: sarà per la prossima volta, quando lì sarà già autunno inoltrato e qui scenderemo finalmente sotto i 40° C.
Un grande abbraccio dal Sudan,
Andrea

LE PUNTATE PRECEDENTI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sandro capatti

    26 Ottobre @ 07.41

    Sono molto felice che esistano delle persone come amdrea, e come andrea conosco bene quella terra. Anzi vi chiedo se è possibile avere una sua mail, per contattarlo..!!vi ringrazio, buona giornata. S.C.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

Gara a Bologna, "Scrivi un film per Ambra Angiolini"

cinema

Gara a Bologna: "Scrivi un film per Ambra Angiolini" Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

1commento

nuovo allenatore?

D'Aversa in tribuna al Tardini. Annuncio in serata?

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

2commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

12commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

8commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

4commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

tg parma

Referendum costituzionale: domani urne aperte dalle 7 alle 23 Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

cesenatico

Insegnante mortifica e minaccia un alunno, denunciata dai carabinieri

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

sesso

E' italiano il primo strumento che misura l'intensità dell'orgasmo

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

1commento