13°

20°

Buone Notizie

"Francesco, sei un mito. Che forza, che coraggio!"

"Francesco, sei un mito. Che forza, che coraggio!"
Ricevi gratis le news
0

 Francesco Canali ha raccontato la sua impresa di «maratoneta in carrozzina» agli studenti di alcune classi della scuola media Don Cavalli. 

L'incontro, voluto e organizzato dal professor Giovanni Crivello,  docente di educazione fisica, si è tenuto nel teatro della Don Milani e ha conquistato i tanti ragazzi e ragazze che hanno partecipato. Francesco, accompagnato da Claudio Rinaldi, uno dei suoi «spingitori», ha raccontato l'entusiasmante maratona di West Palm Beach, «corsa» in carrozzina, e ha parlato a lungo della Sla. Grande successo ha riscosso il video che ripercorre tutte le tappe del progetto «Vinci la Sla». Gli studenti hanno poi scritto delle riflessioni sull'incontro. Ne pubblichiamo alcune.
 
 
«E' stata un'esperienza molto bella poter vedere Canali perché ho visto una persona che, oltre alla malattia, ha un cuore e un coraggio da vendere».
Francesca Sacchi, 2ª C
«A me è piaciuta molto la parte della maratona e, soprattutto, la fine dove si vede che Francesco è veramente felice e piange dalla gioia. Nel video si vede anche che, negli ultimi metri, si uniscono le due figlie di Francesco. Questa esperienza è stata molto bella e divertente, soprattutto perché Francesco parla della sua malattia senza problemi. Ci ha anche spiegato le difficoltà che affronta tutti i giorni: per esempio per bere un bicchiere d'acqua ha bisogno di qualcuno che lo aiuti. Fortunatamente da parte della famiglia ha avuto molto sostegno».
Laura Rinaldi, 2ª C
«Francesco è una persona felice anche se non può muoversi».
Matteo Cerinelli, 2ª C
«Adesso so ce le cose che noi consideriamo grandi non sono niente in confronto a quelle di Francesco Canali».
Cristian Locci, 2ª C
«...Il mio problema mi sembrava insuperabile, irrisolvibile, poi vengo a conoscenza di ciò che ha affrontato Francesco Canali e solo in quel momento mi rendo conto che i problemi che credo di avere io oggi non sono niente e che, rispetto ai suoi, sono risolvibili, ma li affrontiamo nel modo sbagliato. (...) Credo che la sua forza e il coraggio di tutti gli amici che l'hanno aiutato siano ammirevoli: sono  loro le vere persone da applaudire...».
Lucia Villani, 2ª C
«Virtù, forza, / voglia, / di chi non si arrende / davanti a niente. / E fino alla fine / resta in partita; / finché non è finita, spera e s'impegna / per vincere / o perdere  a testa alta».
Federico Alessandrini, 2ª E
«Francesco Canali rimane un eroe che ha combattuto contro la sua malattia e non si è arreso».
Riccardo Montanini, 2ª C
«Alla fine dell'intervista abbiamo notato che quando Francesco parlava aveva sempre il sorriso, come nel video che ci hanno fatto vedere. Questo ci fa capire che anche se sei invalido, puoi riuscire ad apprezzare la vita, in modo forte, più di noi e che non bisogna mai mollare se la partita non è ancora finita. La sua esperienza è un esempio per tutti noi, per farci apprezzare tutte le cose che abbiamo. Noi corriamo, camminiamo, mangiamo, ci compriamo videogiochi, tutto quello che vogliamo e non siamo mai felici, lui però può fare poche cose ma è sempre felice. Questo, forse, vuol dire che lui sa davvero apprezzare la vita».
Cecilia Villani, 2ª C
«Sono rimasto impressionato dalla tua grandissima voglia di vivere e vincere la sfida contro la morte. Mi rendo conto che abbiamo molte cose in comune: anch´io amo il basket, la corsa e tutto quello che significa movimento. Penso che per te sia stato una tragedia questa malattia che ti impedisce di fare quello che immaginavi. (...) Penso che anch´io, quando diventerò grande, dovrò sostenere la ricerca se non sarà ancora stata trovata una cura per guarire questa malattia. Il nostro incontro mi ha fatto riflettere molto. (...) Combatti fino alla fine!».
Biagio Di Gennaro Vincenzo,  2ª E
«Lui mi ha dato la forza e il coraggio di capire che la vita non è finita di fronte a un problema perché c'è sempre una speranza».
Sara Vacchelli, 2ª C
«Caro diario, oggi abbiamo incontrato Francesco Canali, un vero mito, da adesso in poi seguirò il suo esempio, non avrò più paura di nulla (o almeno non come prima) se mi capiterà di aver paura penserò a lui e supererò ogni ostacolo, oggi vedendolo e sentendo ciò ce ci ha raccontato, mi sono vergognato di quello che ho scritto questa estate in Trentino. La mia paura non era niente in confronto a una “cosa grande” come quella di Francesco Canali».
Tommaso Longagnani, 2ª C
«Il suo è un grandissimo atto di coraggio; Francesco affronta tutta la maratona con il sorriso scolpito sul volto. Basta avere la forza, il coraggio e la determinazione per affrontare un problema e realizzare un sogno; cosa che Francesco Canali ha sicuramente avuto. Questa impresa per un ragazzo giovane, malato di Sla, è un atto, come dire, eroico».
Nicole Olimpi, 2ª C
«Francesco mi ha fatto capire che, nonostante il corpo sia fermo, i sogni continuano ad esistere».
Lorenzo Angelini, 2ª C
«Canali è un grande esempio per la sua forza di volontà».
Ilaria Dipaola, 2ª C
«Caro Francesco, ti ammiro molto, io non avrei trovato tutto quel coraggio.  (…) Da adesso in poi prenderò il tuo esempio  e supererò gli ostacoli che arriveranno sulla mia strada con il sorriso».
Vittoria Ferracini, 2ª E
«Coraggio. Arriva nei momenti più difficili / e ti aiuta ad affrontare impossibili sfide. / E´luce nel cuore che risveglia la voglia / di raggiungere il traguardo della vita. / E´come il pieno di benzina / che ti aiuta a sfrecciare. / E a volte ti affiancano angeli custodi / che ti spingono ad osare l´impossibile. / Il coraggio è per le persone che ci credono, / come lui, il mitico... Francesco Canali!».
Matteo Curci, 2ª E
«Caro Francesco, in questo incontro eccezionale io ho provato interesse e ammirazione per te e per la tua esperienza. Hai avuto un grandissimo coraggio che ti è servito a superare una grandissima difficoltà. (…) Ci hai dato tanti spunti su cui riflettere e ci hai trasmesso degli insegnamenti importantissimi».
Letizia Caruso, 2ª E
«Credo proprio che da oggi in poi la mia vita cambierà, grazie a te. Grazie ai tuoi discorsi mi si è illuminata la mente. Dalle foto, dagli articoli di giornale, ma soprattutto dai tuoi sorrisi ho capito davvero che cosa sia la forza. Dal nostro incontro ho imparato tantissimo, ma ciò che mi ha impressionato di più è stato l’insegnamento che ci hai trasmesso, cioè “si può perdere una partita, ma l’importante è non perdere il campionato”. (…) Tu  hai compiuto un gesto fantastico, coraggiosissimo e, non a caso, sei diventato un mito per tutti quanti». 
Filippo Delpogetto, 2ª E
«Io se avessi la Sla non so come reagirei, perché sapere che morirai, che non potrai più correre, giocare con gli amici, ballare ma anche semplicemente rispondere al telefono, mangiare, per me sarebbe una tortura! (…)  Sicuramente, come lui, non mollerei mai, ma so che non ce la farei perché cadrei subito in uno stato di depressione, ma non posso dirlo con certezza, perché mi ci dovrei trovare in quella situazione. (...) Ma una cosa la so, Francesco è un uomo coraggiosissimo, forte, è una persona meravigliosa».
Carlotta Donati,  2ª C
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

La Bugatti guidata da Juan Pablo Montoya da 0 a 400 Km/h a 0 in  42"

AUTO

Bugatti Chiron: da 0 a 400 km/h a 0 in 42 secondi

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spaghetti settembrini

LA RICETTA 

Gli "Spaghetti settembrini" della Peppa

Lealtrenotizie

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

6commenti

incidente

86enne in bici urtato da un'auto in via Baganza: è grave

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

OPERAZIONE

Milioni nascosti al Fisco, indagato anche il patron del Palermo Zamparini

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

6commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

1commento

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

Piazzale Maestri

Antiterrorismo «fai da te»: gli ambulanti si organizzano

1commento

Lutto

Addio a Pierino, il barista del Parco Ducale

1commento

MALTEMPO

Strada Naviglio Alto in versione lago

ieri sera

Black-out per un guasto nella zona Nord di Parma

3commenti

fotografia

L'affascinante spettacolo catturato dai parmigiani cacciatori di tornado Gallery

Borgotaro

C'erano una volta i «diavoli rossi»

SISSA

Pescando in Taro con il bilancione

Onorificenze

Salva una donna da un incendio: premiato in Provincia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

catania

Dottoressa della guardia medica violentata in ambulatorio: arrestato un 26enne

Birmania

Suu Kyi: "Più della metà dei villaggi Rohingya non colpiti da violenze"

2commenti

SPORT

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano

calcio

Rooney ubriaco alla guida, patente ritirata 2 anni

SOCIETA'

agroalimentare

«Caseifici aperti»: ecco dove andare nel Parmense

sant'andrea bagni

Le nozze del vicesindaco di Medesano

MOTORI

IL TEST

Nuova Polo: ecco come va la sesta generazione

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...