22°

34°

Buone Notizie

Bisogna educare i giovani alla solidarietà

Bisogna educare i giovani alla solidarietà
0

Novemilacinquecento sono i pazienti che ogni anno, in Italia, sono in lista  per fare un trapianto di  organi, con tempi di attesa che variano dai 2 ai 3 anni. Di questi, un’alta percentuale  non riesce a risolvere il problema con conseguenze spesso facilmente immaginabili: 1,46% per il rene, 6,55% per il fegato, 8,08% per il cuore, 11,49% per i polmoni (dati del Ministero della Sanità), a questi si aggiungono i circa 1.500 in attesa di un il midollo osseo compatibile. Non conosco la situazione negli altri paesi ma penso non sia molto diversa. Questo esercito di “non fortunati”, non perde la vita perché la scienza non riesce ad aiutarli, o per problemi economici : le tecniche di trapianto oggi sono molto evolute e danno ottimi risultati e il nostro sistema sanitario, uno dei migliori del mondo, permette le cure a tutti, poveri e ricchi, belli e brutti. Queste persone muoiono. trista a dirsi, per mancanza di donatori. I donatori mancano per tanti motivi: non conoscenza, pigrizia, paura, indifferenza, indisponibilità di tempo, egoismo, diffidenza, superficialità , ecc. La nostra società si impegna ad educare i propri cittadini in erba fin dalle scuole elementari, insegnando a conoscere le nostre radici, il mondo in cui viviamo, le regole della natura e quelle del mondo della matematica, ma insegna poco o nulla sulla solidarietà. Diventa difficile, in seguito, sensibilizzare persone non più giovanissime, che hanno vissuto sempre con un pensiero poco rivolto agli altri. Se vogliamo fare un salto di qualità dobbiamo far capire anche ai più piccoli, quanto sia importante la disponibilità ad aiutare il prossimo, non importa come o quanto, queste scelte verranno poi eventualmente fatte in età più adulta. Credo che per una maestra elementare questi concetti non siano  difficili da trasmettere, e gli stessi potrebbero poi essere ripresi e sviluppati in seguito nelle scuole secondarie di primo e secondo grado (medie e superiori), da insegnanti opportunamente preparati. Oggi quel poco che si fa, lo si deve prevalentemente alle associazioni di volontariato, che con molta fatica ottengono risultati sicuramente inferiori a quelli che si otterrebbero con  ragazzi già sensibilizzati in precedenza dai loro insegnanti. Non credo che inserire l’educazione alla solidarietà nei programmi scolastici della scuola dell’obbligo sconvolga più di tanto i magri bilanci del Ministero dell’Istruzione, e non guasterebbe tornare alla vecchia “educazione civica” per insegnare la Costituzione, per conoscere il Parlamento e il funzionamento del nostro sistema di governo, per avere un elettorato più consapevole e informato. Non voglio togliere nessuno dei preziosi insegnamenti che la nostra scuola sta già offrendo, ma solo dare diverse priorità, e credo che quelle menzionate siano degne di maggior considerazione. Temo tuttavia che la mia resti una pia illusione e l’attuale gattopardesco mondo continuerà a sfornare una società sempre più superficiale ed egoista. Speriamo che qualche politico di animo onesto e dinamico legga questa lettera e, prendendo a cuore la situazione, provi a dare un grande contributo alla la nostra comunità.

Pierluigi Negri - responsabile Admo Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La scimmia nuda balla (nell'acqua)

Mondo

La scimmia nuda balla (nell'acqua) Video

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

logo ovs

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

EMERGENZA

Crisi idrica mai così grave dal 1878 (La mappa della siccità)

Il ministro: "Dobbiamo aumentare i bacini" - Leggi

1commento

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

traffico intenso

Autocisa: coda di 9 km ad Aulla verso il mare

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

L'INTERVISTA

Cassano: «Parma vorrei riportati in A»

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Tg Parma

Samboseto, 75enne esce di strada e muore Video

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

8commenti

mercato

Cassano: "Vorrei riportare il Parma in A" Audio Faggiano: "Fantantonio qui? Non lo escludo" Video

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

san polo d'enza

Spacciava droga con WhatsApp: arrestato

Pil

Cgia: cresce il divario Nord-Sud. Nel Meridione, uno su due a rischio povertà

2commenti

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

motori

Moto, Olanda: Zarco in pole, quarto Valentino Rossi

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...