15°

Buone Notizie

Parma/Africa: lavoro e imprese per lo sviluppo

Parma/Africa: lavoro e imprese per lo sviluppo
0

All’hotel Stendhal, incontro, organizzato dall’associazione «Il Borgo» e dalla Fondazione Borri sul tema «Parma/Africa: lavoro e imprese in rete per un reciproco sviluppo». Il relatore è stato Giuseppe Iotti che ha presentato una aggiornata ricerca sull’interscambio tra la provincia di Parma e l’Africa sub sahariana.
Si tratta di una realtà non trascurabile, rappresentando qualche punto percentuale del Pil mondiale, dell’export totale e delle importazioni, non lontana da un attivo commerciale. Ma soprattutto è un’area il cui tasso di sviluppo mediamente negli ultimi anni è stato e tuttora è assai superiore a quello anemico cui aspirano attualmente il nostro Paese e l’Europa. Un tasso dell’8% o superiore non è inconsueto né per Paesi esportatori di petrolio o materie prime (come  Nigeria, Angola, Gabon, Sudan), ma nemmeno per grandi Paesi agricoli come l’Etiopia.
Anche se purtroppo esistono realtà ancora di guerra e carestia, come la Somalia, molti Paesi del continente hanno innescato un modello di sviluppo dove la cooperazione internazionale di aiuto giustamente sta assumendo un ruolo di supplenza, ma il vero «driver» finalmente è l’economia, spesso autocentrata su propri imprenditori, professionisti, banche. Questo è vero addirittura in Paesi da poco usciti dalla guerra civile, come la Liberia e la Cote d’Ivoire, ma anche in situazioni ancora in incerta evoluzione come quella della Repubblica Democratica del Congo, ex-Zaire.
Un’area davvero in via di sviluppo, che con le sue materie prime può finanziare investimenti per infrastrutture, ma anche per uno sviluppo industriale che per il momento tocca in modo rilevante solo il Sudafrica, ma è in crescita in molti Stati, e naturalmente anche per i consumi di una parte crescente di popolazione che sta entrando nel circuito del commercio mondiale. Basti pensare ad esempio al largo utilizzo dei telefoni portatili, e all’importanza delle relative infrastrutture già in opera a questo scopo.
L’Italia ha già un ruolo non secondario nel commercio con questi Paesi, anche se nell’ultimo decennio il fenomeno macroscopico è stata la crescente presenza della Cina, sia come cliente di materie prime, che come fornitore di infrastrutture e beni di consumo. Tuttavia l’Italia ha la possibilità concreta di aumentare la sua presenza in questi mercati davvero emergenti.
La ricerca ha fatto una sintetica ricognizione delle principali voci dell’export italiano, oltre che delle importazioni, e ha rilevato come la provincia di Parma sia in questo omogenea al resto del Paese, esportando in particolare macchinari di vario tipo, specialmente quelli per l’industria alimentare (CFT Packaging, Sidel, Sacmi, Ocme, Gea Procomac).
Si fanno affari non solo con le realtà già sviluppate dell’Africa australe (dove è presente con ben sette siti produttivi la Parmalat), ma anche in realtà apparentemente meno probabili, come il Congo-Brazzaville, ed anche in Camerun o nel Senegal. Sono state citate inoltre altre presenze, come quelle del settore farmaceutico (Chiesi), o delle infrastrutture (Monatti, Pacchiosi Drill).
Significativa è la presenza delle Pmi, diverse delle quali già operano, naturalmente scontando grosse difficoltà. La rete della presenza diplomatica italiana è piuttosto estesa, con diciannove ambasciate nell’area, dotate di uffici commerciali. Si tratta anche qui di attivare sempre migliori sinergie che possono portare realisticamente a sviluppi importanti per entrambe le controparti interessate.
Il dibattito che ha seguito ha confermato questo orientamento, per esempio con la testimonianza di Laboscientifica che , con la Tech-system, è impegnata in Cote d’Ivoire.
Ha concluso l’incontro il consigliere regionale Gabriele Ferrari che ha tracciato le linee per una opportuna collaborazione anche della Regione Emilia Romagna (peraltro una delle aree già ora più impegnate in questo interscambio, sia come imprese private che come cooperazione) a questo quadro di sviluppo. Unanime è stata la richiesta all’associazione Il Borgo di favorire lo sviluppo di un tavolo comune per una programmazione sinergica delle conoscenze e della presenze che guardi al futuro grazie anche alla immigrazione africana presente a Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

CORTE DEI CONTI

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

Sicurezza

Blitz nelle cattedrali del degrado

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

A TEATRO

«Mar del Plata», il rugby contro la dittatura

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis?

CCV

Ventuno progetti per Parma

calcio

Cerri, che gioia il gol in A

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

11commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

13commenti

enti

Allarme Provincia: "Rischiamo di non chiudere il bilancio" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

4commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

SINISTRA

Dal Pci a Sel, la storia delle scissioni Video

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

1commento

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti