-7°

Buone Notizie

Patto di sangue con la città: Avis, una storia lunga 65 anni

Patto di sangue con la città: Avis, una storia lunga 65 anni
0

Una parmigianissima linea rossa lunga 65 anni. Una storia appassionata fatta di volontariato, generosità, dedizione, attaccamento ai principi veri della solidarietà e al valore della vita. Questo, in sintesi,  il profondo significato del volume «Quella parmigianissima linea rossa. Sessantacinque  anni dell’Avis comunale». 
La pubblicazione, curata da Lorenzo Sartorio, sarà presentata  alla «Corale Verdi»,  sabato alle 21 e sarà in edicola da lunedì, in abbinamento alla Gazzetta di Parma,  al prezzo di 8,80 euro più il costo del giornale.  Il libro, che riporta in apertura  i saluti del presidente dell’Avis Comunale Doriano Campanini, del segretario generale del Comune di Parma Michele Pinzuti, del presidente della Provincia  Vincenzo Bernazzoli, del prefetto Luigi Viana, del vescovo Enrico Solmi, dell'ex presidente dell’Ordine dei medici Tiberio d’Aloia e del presidente dell’Avis provinciale Giuseppe Scaltriti,  non solo  racconta la vita  dell’Avis targata Parma,  ma è pure uno spaccato della storia parmigiana dal 1946 al 2011.
 Per i caratteri  di  «Graphital»,  corredato da foto d’epoca della città e degli storici appuntamenti avisini, oltre che di altre immagini a colori  degli eventi più recenti che hanno caratterizzato e stanno caratterizzando l'Avis comunale,  il volume racconta  la tappe più salienti di un sodalizio che è entrato a far parte della cultura e della memoria di tutti i parmigiani. I primi passi dell’Avis sono accompagnati da immagini dei personaggi pionieristici che hanno fatto grande il sodalizio : dal professor Laurinsich, al dottor Walter Torsiglieri, al professor Giovanni Razzaboni. E ancora : Virginio Barbieri, Corrado Mingori, Franco Villani, Mario Gandini, Maurizio Vescovi,  Cristina Sassi, Romano Giordani  per  arrivare all’attuale presidente  Doriano Campanini.
Veramente  simpatico e interessante il capitolo che racconta il nostro Paese e Parma nel 1951, anno del battesimo ufficiale dell’Avis ducale. In questo spaccato di storia parmigiana non potevano  mancare  i personaggi-simbolo  della nostra città in quegli anni: Giovannino Guareschi,  la famiglia Barilla, Pietrino Bianchi, Baldassarre Molossi, i fratelli Clerici,  i vari attori dialettali quali Montacchini e Cilièn , i crociati del tempo che calcavano l’erba del «Tardini» e tanti altri ancora. 
Una  citazione di tutto riguardo è dedicata ai primi donatori in assoluto, e cioè ai facchini della Ghiaia e della «Piccola velocità» che,  di volta in volta, venivano precettati per fare le donazioni dal solerte Walter Torsiglieri che, per scovare i suoi donatori,  si doveva spostare in bici da un’osteria all’altra . E poi la cronistoria avisina con i vari avvenimenti  di tutti questi anni: incontri, cene sociali, convegni,  feste,  manifestazioni culturali,  sportive e ludiche. E inoltre: i premi «Avis Santa Lucia - Sergio Dazzi» e «Avis Padre Lino»,  i personaggi simbolo del mondo avisino  e infine il «pianeta Ghiaia» che ha rappresentato per diverso tempo l’habitat dei primi donatori e dei primi sostenitori avisini. 
E poi l’Avis del terzo millennio con il suo sguardo rivolto ai giovani e ai nuovi parmigiani, i rapporti con le istituzioni , la continua e scrupolosa  attenzione per la ricerca scientifica  legata al dono del sangue, la comunicazione che ha dovuto fare i conti con l’informatica e i testimonial che, in questi anni, si sono succeduti per promuovere  la filosofia della donazione: dalle graziose miss, ad atleti gialloblù di diverse discipline,  al trio parmigiano per eccellenza composto da Alberto Michelotti, Michele Pertusi e dal «Dsèvod». Un capitolo è dedicato a tutti i gruppi avisini presenti a Parma con la loro storia, le loro prospettive,  i loro piccoli - grandi successi e i loro personaggi.
Non poteva mancare un appendice «pramzana dal sas» dedicata al «carburante» dei donatori di ieri e di oggi, «al caval pìst»,  con  una ricerca storica su questo cibo consumato prevalentemente nella nostra città, i suoi « templi» e le sue ricette. Enrico  Maletti e Cristina Cabassa, per dare un ulteriore tocco di parmigianità alla pubblicazione, l'hanno voluta  firmare da stilisti del dialetto con due deliziose  poesie che profumano di  altruismo, di  generosità e di vita. Proprio come l'Avis.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

ladri in azione

Secondo furto in pochi giorni alla fattoria di Vigheffio Video

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

Ausl

Meningite e vaccini: attivata un'e-mail per chiedere informazioni ai medici

CLASSIFICA 

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

29commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Parma

Ancora una settimana di gelo, possibili nuove nevicate in Appennino Video

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

Senzatetto

Tante iniziative per i senzatetto. E' polemica fra il Comune e la Diocesi

3commenti

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

18commenti

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Gazzareporter

Pulire la Parma con temperature sotto zero...

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

6commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

L'Fmi taglia il pil dell'Italia: +0,7% nel 2017, +0,8% nel 2018

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video